8 cose che non sapevi sul Vintage

  1. Il termine vintage deriva dal francese antico vendenge (che a sua volta deriva dalla parola latina vindēmia) e indica i vini d’annata di pregio. Per definizione, sono considerati oggetti vintage quegli oggetti molto vecchi che possiedono caratteristiche estetiche e funzionali superiori a quelle degli oggetti contemporanei. A differenza di oggi, infatti, gli oggetti venivano creati per durare anche decenni.
  2. La moda del vintage nasce, probabilmente, negli anni sessanta grazie al movimento di Andy Warhol, che iniziò a investire denaro nell’arte del recupero.
  3. Il vintage autentico è molto costoso: il prezzo di una borsa Chanel degli anni ottanta può raggiungere i mille euro. Di solito, più un oggetto è antico, più acquista valore.
  4. Il mondo dell’alta moda comincia a guardare con interesse al vintage solo verso la metà degli anni novanta.
  5. Come spiega Ana Muraca, un oggetto, per essere definito vintage, deve possedere determinate caratteristiche: irripetibilità, irriproducibilità, desiderabilità, deve essere un simbolo di una generazione passata, deve essere stato prodotto tra gli anni venti e gli anni ottanta, deve essere un capo indossabile ancora oggi e non deve per forza essere un oggetto usato.
  6. Le pin up sono ragazze procaci, sexy e ammiccanti, abbigliate in modo succinto, caratterizzate però da un viso dolce e armonioso e da un atteggiamento ingenuo. La loro sensualità è naturale e la loro esposizione è sempre causata da un evento accidentale, ad esempio una brezza di vento che solleva la gonna. Esempi di famose pin up americane sono Rita Hayworth, Betty Grable, Gypsy Rose Lee e Tempest Storm.
  7. Sembra che la storia delle pin up abbia avuto origine da un fatto avvenuto durante la Prima Guerra Mondiale: il presidente americano Wilsondoveva creare degli stimoli visivi per indurre gli uomini ad arruolarsi. Decise di sfruttare le immagini delle pin up, che inondarono così calendari, pubblicità e copertine, rivelandosi davvero molto efficaci.
  8. La storia delle pin up è ricca di contraddizioni: se da un lato l’immagine della donna come oggetto del desiderio maschile non è particolarmente progressista, dall’altro queste ragazze manifestavano la loro libertà in modo trasgressivo e si ribellavano ai tradizionali canoni di bellezza femminile (come la tipica casalinga americana!).

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca nella stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto, vota per primo questo articolo!

Hai trovato utile questo articolo?

Seguici nei social!

Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
occhi@occhi.it

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

Nessun commento

Scrivi un commento..