Aiutiamo il Ponte di Bassano – Giugno 2016

Due canoe, un pizzetto blu, un capitano, un avventuriero, un artista, un fiume di volontari, le penne nere, le istituzioni, i gruppi social, la gente e come minimo comune denominatore “IL PONTE DEGLI ALPINI”. Decisamente una variopinta compagnia che è riuscita a fare sintesi unendo gli intenti attorno ad una missione comune titolata: “AIUTIAMO IL PONTE DI BASSANO”, dalla quale è nato anche l’omonimo comitato di volontari.

 

Quella del Ponte, per i volontari di “AIUTIAMO IL PONTE DI BASSANO”, è una vera e propria missione, che ogni giorno, con umiltà e costante impegno, viene portata avanti con passione da persone che sì, lavorano con impegno, ma soprattutto si divertono nel farlo insieme. Il desiderio del comitato infatti è quello di riuscire a organizzare e a pianificare ogni singola attività a beneficio del Ponte degli Alpini, ma anche e soprattutto a beneficio dell’intera comunità. Comunità intesa nella sua massima espressione: quella capace di togliere la parola “confine” per dare spazio alla parola “bene”, “bene comune”.

Siamo convinti che unirci e riscoprire la gioia dello stare insieme, condividendo qualcosa, sia la giusta chiave per costruire un nuovo futuro di speranza.

Di giorno in giorno, grazie alle numerose iniziative messe in campo dall’eclettico comitato -che una ne pensa e mille ne fa- è cresciuto il tam tam mediatico al punto tale che il nostro Ponte si è trovato a viaggiare virtualmente in giro per il mondo. In questo modo, ha trovato sempre più amici che, con affetto, manifestano il desiderio di scoprirlo, di venirlo a trovare, di ammirarlo, di conoscerlo nella sua storia di costruzione e ricostruzione (che un libro e una mostra ben raccontano) di indossarlo con amore, attraverso una maglietta o un capellino. Tra di loro ci sono anche i meravigliosi TESTIMONIAL d’eccezione, c’è chi suona, chi fa sport, chi amministra, chi dirige, chi balla, chi lotta. Tutti hanno scelto di giocare con noi a “PASSA LA PAGAIA”, contribuendo in questo modo a diffondere un messaggio decisamente importante, ossia l’importanza di sentirsi PERSONA nella Comunità, l’importanza del mettersi in gioco, del farsi avanti con responsabilità per conoscere e capire, per intervenire e prendersi cura di ciò che “CI” appartiene.

 

AIUTIAMO IL PONTE DI BASSANO proseguirà il suo viaggio con la consapevolezza che l’unione di intenti e di talenti sia la strada migliore da percorrere per raggiungere, attraverso il nostro ponte, l’altra sponda. Qui, ad attenderci, troviamo la nuova generazione, alla quale abbiamo il dovere di consegnare una STORIA di valori, una storia che non dovrà mai conoscere la parola “FINE”.

 

I LAVORI DI RESTAURO:

 

2 maggio: i lavori di restauro del Ponte degli Alpini partono ufficialmente. La ditta che ha ottenuto l’appalto è la Inco srl di Pergine Valsugana, che ha 850 giorni per rimetterlo in buono stato.

 

12 maggio: il Consiglio di Stato accoglie l’istanza cautelare proposta dalla ditta Nico Vardanega Costruzioni S.r.l. di Possagno in merito alla richiesta di sospensiva dei lavori di restauro del Ponte degli Alpini.

 

13 maggio: il sindaco Riccardo Poletto afferma di non volersi assolutamente arrestare con i lavori di restauro. Il vicesindaco Roberto Campagnolo spiega che l’urgenza maggiore risiede nelle fondamenta del Ponte: per intervenire è necessario mettere in secca il fiume Brenta, ma per farlo occorrerebbe quasi un milione di euro, una spesa davvero troppo alta, specialmente se non si sa ancora a quale ditta saranno affidati i lavori. L’obiettivo, spiega, è quindi quello di operare cercando il più possibile di non generare ulteriori costi aggiuntivi.

 

Ad oggi, 27 maggio, la situazione sembra essere in stallo. Si dovrà attendere la decisione del Tar del Veneto prevista per luglio…

 

Ogni mese Occhi dedicherà spazio al comitato “Aiutiamo il Ponte di Bassano” affichè la comunità si senta coinvolta in questo grande progetto.

Articoli simili:

Quando leggere... ti mette le ali! - novembre 2021
Questo mese è il turno degli spunti di Francesco Nicolli, che si presenta così: Buongiorno, buongiorno, mi chiamo Francesco... Mi occupo di libri professionali e manuali vari. Dopo gli studi universitari e una breve esperienza nel settore bancario...
Editoriale novembre 2021
Non è facile parlare di un tema così importante come quello della violenza sulle donne senza cadere nella retorica o nella banalità. Noi di OCCHI negli ultimi anni abbiamo sempre dedicato uno spazio speciale al 25 novembre, giornata mondiale contro l...
PHISHING: a pesca delle nostre password
Tutti noi abbiamo sentito parlare di "phishing". A volte in un avviso della banca, altre volte in corsi di formazione, altre volte in email di avviso provenienti da servizi web a cui ci siamo registrati. E abbiamo imparato che si tratta di una truffa...
A&A – Saul Costa e Fabio Zonta
Abbiamo scoperto il valore salvifico dell’arte in tutte le sue declinazioni solo nel momento in cui questa ci è stata tolta. Dopo le chiusure imposte dalla pandemia in tanti è emerso il desiderio prepotente di riempiersi gli occhi e la mente del bell...
Spazio donna e la rete di associazioni antiviolenza
La violenza contro le donne non conosce età, classe sociale, formazione scolastica: è trasversale e soprattutto è un problema reale e sempre attuale. Le statistiche nazionali parlano chiaro: nel 2020 a seguito della pandemia e del lock down vi è stat...
Associazione ARES Aps
Sembra sempre impossibile fino a quando non viene fatto.Nelson MandelaCosa è il centro Ares?L’Associazione Ares è un Centro per il trattamento psicologico e rieducativo di uomini autori di violenza domestica attivo a Bassano del Grappa, in provincia ...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment