Gli itinerari: DA SAN MICHELE ALLA VALROVINA

In questo numero vogliamo parlarvi del percorso della Valrovina, che ha inizio dalla Chiesa di San Michele (dove comincia la salita che conduce ad Asiago). Si tratta di una tranquilla passeggiata, né troppo faticosa né troppo difficile, che può essere svolta durante tutto l’anno, ma è consigliata in particolare nei mesi autunnali e primaverili. Il percorso dura circa tre ore,è lungo pressapoco 9 km ed è parzialmente tabellato. Il dislivello è di 300 metri e si può arrivare alla quota massima di 400 metri. Si attraversano strade secondarie asfaltate, stradine forestali e gradevoli sentieri. Sono presenti inoltre due punti di appoggio, a Caluga e a Valrovina.

Dalla Chiesa di San Michele, dove è presente un comodo parcheggio, si percorre la pedonale lungo il torrente per una decina di metri, fino a raggiungere la strada che conduce verso il monte. Si sale la stradina asfaltata e si arriva così all’inizio del sentiero. Percorrendolo si raggiunge una meravigliosa cascata, che mostra il meglio di sé negli istanti di piena.

Dopo alcuni tornanti, il sentiero giunge alla fine della salita della strada Bassano-Valrovina. Si prosegue a destra e si sale la ripida ma breve rampa della strada per Privà. Dopo aver percorso tutta la stradina asfaltata si arriva nel grazioso e caratteristico borgo di Privà.

Si torna poi indietro, fino all’innesto del sentiero per l’antico Eremo di San Bovo. Si segue il sentiero per salire fino a Caluga di Valrovina, una sorta di passo tra la Valbrenta e le colline marosticane, da cui si può godere di un bellissimo panorama. Successivamente si può scendere verso la Valrovina e poi direttamente a San Michele, per il sentiero che parte dalla stradina del cimitero.

 

Fonte: www.magicoveneto.it

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca nella stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto, vota per primo questo articolo!

Hai trovato utile questo articolo?

Seguici nei social!

Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
occhi@occhi.it

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

Nessun commento

Scrivi un commento..