Intervista esclusiva: Irene Grandi

Appuntamento telefonico per le 10 del mattino, nel mio iPhone è appena scattata l’ora giusta, chiamo puntuale… due squilli e Irene risponde. La sua voce è inconfondibile con il suo accento fiorentino, calda e cordialissima.

 

Optiamo subito per abbandonare le formalità e ci diamo subito del “tu”, molto meglio.

Grazie Irene per questa intervista.

Ho notato che negli ultimi tempi sei molto in Veneto.

Sì è vero! A marzo sono stata a Carrè, ad aprile a Verona durante il Vinitaly per il progetto “Lungo Viaggio” assieme ai Pastis e il 31 di luglio sarò a Treviso per il mio tour Acustica.

Sono due progetti diversi che mi stanno entusiasmando.

Cominciamo con “Acustica” cosa ci dobbiamo aspettare dal concerto di Treviso?

Con “Acustica” ripercorro i miei oltre 20 anni di carriera. Un percorso musicale con diverse contaminazioni tra il pop, il soul, il rock e una forte componente intimistica e cantautorale. Tutti aspetti che in questi anni avete trovato nelle mie canzoni.

I miei successi sono ripresi e reinterpretati in maniera nuova, a marcare una mia evoluzione come persona e come artista.

Io lo definirei concerto elettro pop minimale, pochi strumenti in modo da esaltarne le sfumature. Con me sul palco ci sarà Saverio Lanza, mio coautore e produttore, con me anche nel progetto Lungo Viaggio, che suonerà il pianoforte e la chitarra acustica, Fabrizio Morganti alla batteria e Piero Spitilli al basso, basso elettrico e contrabbasso.

Tutto il mio repertorio è portato all’essenziale, ci saranno momenti molto intimi quasi fossimo in spiaggia davanti ad un falò, in cui il ritmo sarà dettato dal Kajon (una specie di sgabello acustico per le percussioni).

Questa nuova vita delle mie canzoni mi ha reso molto felice, ho capito che le canzoni belle rimangono. Se ci pensiamo, un’artista non può cantare allo stesso modo le canzoni della sua giovinezza, con il tour acustica le ritrovo ancora mie.

Ora ho una maturità diversa, non voglio più essere legata ai ritmi dettati dall’industria discografica: album, presentazione, tour, serate tutte uguali, tutte concentrate. Acustica è un tour aperto, le date vengono fissate via via e lo stesso spettacolo si evolve nel tempo.

 

E il progetto con I Pastis?

I Pastis sono i fratelli Saverio e Marco Lanza. Il primo musicista già mio coautore produttore, il secondo fotografo e musicista. Loro lavoravano insieme in un progetto che potesse fondere  parole, musica e immagini. Abbiamo provato a fondere le nostre arti e il risultato è stato ed è incredibile. Lo abbiamo voluto chiamare LUNGO VIAGGIO perché fatto a tappe e nello stesso tempo mai uguale a se stesso.

Durante lo spettacolo io canto accompagnata dai fratelli Lanza “duettando” con i discorsi fatti da grandi personalità della politica e della cultura: con Martin Luther King, Tiziano Terzani, a anche con uomini della nostra quotidianità, come può essere l’uomo del mercato. Una commistione perfetta fra musica, cinema, teatro, il tutto immerso in un’atmosfera amichevole. è un progetto veramente molto originale che sta piacendo molto, soprattutto a me!

Come ti senti ora, come ti definiresti usando 3 parole, 3 espressioni?

I due progetti mi hanno permesso di uscire dagli schemi che una carriera formata può avere.

Mi definisco

– in evoluzione

– con più fiducia in me stessa

– alla ricerca della consapevolezza

Io ho avuto la fortuna di diventare famosa e avere successo. Con me hanno lavorato tanti musicisti bravi che magari non sono così conosciuti come lo sono io. Questa cosa da giovane un po’ mi preoccupava, sentivo la responsabilità nei confronti delle persone che mi seguivano. Ora sono consapevole dei miei limiti, li accetto e cerco di superarli.

 

Qual e’ il tuo rapporto con i social?

Sta migliorando!! All’inizio ero un po’ disorientata, a me piaceva molto fare il giro delle radio per presentare il nuovo brano; i progetti si raccontavano durante le trasmissioni televisive nelle riviste. Poi sono arrivati i social e molte cose sono cambiate. Nei primi tempi Daniela, la ragazza che seguiva la mia fan page, mi ha aiutata, ora interagisco personalmente in maniera più costante. Certo, il bello è l’immediatezza della comunicazione. Posso condividere con i miei fan delle riflessioni, dei piccoli aneddoti, magari un libro che ho appena letto. Le distanze si sono annullate.

Certo è comunque che solo con i concerti noi artisti possiamo interagire con il nostro pubblico. I concerti sono la nostra linfa vitale. Per noi e il pubblico è una commistione di fatica e piacere, forti emozioni, forti interazioni.

 

A fine estate parteciperai al concerto per Amatrice?

Certo! Il 27 agosto assieme a tanti altri cantanti faremo un bellissimo concerto ad Amatrice, “Amatrice nel cuore” ad un anno dal terribile terremoto del centro Italia.

è stato il sindaco che mi ha contattata dopo che lo avevo conosciuto in occasione della consegna dei premi “Simpatia” dati alle varie forze armate e di protezione civile per tutto l’impegno profuso in quel periodo così difficile.

Il sindaco vuole che l’attenzione della politica e dei media rimangano su queste zone in cui la popolazione vive ancora in maniera disagiata. L’italia è una nazione molto generosa ma l’opinione pubblica tende a spostarsi in maniera veloce. Occorre quindi tenere l’attenzione desta verso il centro Italia perché l’emergenza è passata ma i problemi sono ancora tantissimi.

Dopo una trentina di minuti, il tempo a nostra disposizione è terminato. 

 

L’appuntamento per tutti i lettori di Occhi e per gli appassionati di ottima musica italiana è con Irene Grandi a Treviso durante Suoni di Marca il 31 luglio.

NON MANCATE!!

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca nella stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto, vota per primo questo articolo!

Hai trovato utile questo articolo?

Seguici nei social!

Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
occhi@occhi.it

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

Nessun commento

Scrivi un commento..