georgette polizzi

Un’esplosione di vitalità! Intervista a Georgette Polizzi

Su Instagram ha più di 310.000 follower, ogni giorno racconta le sue giornate a chi la segue. L’abbiamo invitata a posare per le nostre copertine e a raccontarci la sua vita da influencer e da stilista. Ne è uscita un’intervista lunghissima e veramente molto interessante.

Lei che vive sui social e di social, non nasconde che la carta stampata e i magazine di qualità sono uno strumento fondamentale per la comunicazione delle aziende.

 

Chi è Georgette Polizzi (dove sei nata, dove vivi, quanti anni hai)

Sono nata a Vicenza 35 anni fa. Vivo ed ho sempre vissuto nella mia città natale.

 

Come ti definiresti in 3 parole

Sognatrice, caparbia, psicopatica.

 

Tu che ti definisci una storyteller raccontaci di te, come è iniziato tutto? (Da ragazza immagine delle discoteche, a Uomini e donne, Tempetion island).

Come molti sanno, ho un passato molto duro alle spalle, un’infanzia travagliata che mi ha portato ad essere orfana molto presto.

Questo, credo sia stato uno dei motivi scatenanti della mia assoluta voglia di rivalsa nei confronti di una vita che mi ha regalato ben poco.

Fondamentalmente avevo un sogno, quello di realizzarmi nel mondo della moda, ma per arrivare a fare ciò dovevo comunque vivere e sopravvivere a causa delle responsabilità che mi erano piombate addosso essendo rimasta sola al mondo.

Ho fatto i lavori più disparati, dalla cameriera alla gelataia, dall’impiegata alla centralinista e chi più ne ha più ne metta.

Lavoravo di giorno e la notte avendo una grande passione per la danza facevo parte di un corpo di ballo che si esibiva nei locali, ho fatto anche la dj per un periodo.

Era il modo più rapido per cercare di racimolare più denaro possibile per riuscire a realizzare il mio grande sogno.

Ti allego un estratto del mio blog dove racconto come tutto è cominciato.

 

“TUTTO È COMINCIATO COSÌ….

In molti mi chiedete: “ma come hai fatto a realizzare il tuo sogno?” “avevi tanti soldi e hai cominciato?”

Così, ho deciso di aprire questo blog per farvi entrare a pieno nel mio mondo, per svelarvi i segreti e i retroscena.

Non sono mai stata una ragazza fortunata, anzi posso espressamente confessare che la vita con me non è stata proprio una gentildonna.

Dietro questo aspetto da donna forte, si nasconde un passato fatto di tante troppe sofferenze.

Però non ho mai mollato e ho sempre perseverato!

Il mio sogno nasce in un appartamento, un appartamento che un caro amico mi aveva prestato in un grosso momento di difficoltà economica….. Ebbene sì ero completamente al verde, senza lavoro, senza soldi ma con un grande sogno, quello di poter lasciare il segno in un mondo così rigoroso.

Essendo una ragazza maldestra e che si sporca sempre, un giorno guardandomi allo specchio con la t-Shirt, ovviamente sporca, di quella macchia di cioccolato imbarazzante mente imbarazzante penso….“però non è’ male”.

Da lì ho deciso di realizzare magliette sporche di colore, vino, caffè, cioccolato e tutto ciò che poteva macchiare.

Un problema però mi struggeva…. Dove avrei trovato i soldi per realizzare questo sogno??

Niente paura, decido di investire quei pochi spicci che avevo… Decido che 50 euro sarebbe stato l’investimento ideale per iniziare.

Compro, ricordo ancora come fosse oggi 10 magliette neutre, un pennello e un vasetto di colore minuscolo; e così do il via al mio piccolo grande progetto…

Vi chiederete e da 10 misere magliette come hai fatto a creare un impero?!?!

Beh ogni giorno vi racconterò come ho fatto, le difficoltà che ho incontrato e insieme arriveremo al giorno d’oggi dove la mia piccola azienda nel giro di un anno è arrivata a produrre 50 mila capi!!!”

Per quanto riguarda la mia partecipazione a Temptation Island diciamo che è stata casuale, è partito tutto per gioco.

 

Quando hai iniziato a pensare a realizzati attraverso un’azienda tutta tua?

Il desiderio di avere qualcosa di mio è nato dentro di me molto presto, infatti già all’età di 22 anni ho aperto due negozi di scarpe all’interno di centri commerciali.

Ovviamente affiancata da soci, ma la voglia di fare qualcosa solo per me è nata quando mi sono resa conto che le società vanno fatte sempre da soli. Il rischio di rovinarsi la vita per colpa di altri è una linea sottile.

 

Dove possiamo trovare le tue collezioni?

Le mie creazioni, si trovano in vari negozi sparsi per l’Italia e in uno a Formentera.

Ma la mia clientela acquista anche dal mio e-commerce www.georgettepol.com o addirittura tramite WhatsApp.

Ho deciso di attivare le vendite via WhatsApp per assistere il cliente durante la scelta dei suoi articoli.

Loro ci inviano la foto ed il mio staff dà consigli sulle vestibilità. Diciamo che è un acquisto on line ma con meno rischio di cannare la taglia.

E ad oggi è il mezzo che mi permette di effettuare il maggior numero di vendite.

 

E ora tuffiamoci sul magico mondo dei social. Come sei diventata Influencer?

Diciamo che il tutto è nato con “i consigli della Polly”, (Polly è il mio soprannome) una rubrica che avevo creato ancor prima di Temptation Island, nella quale dispensavo consigli di moda, consigliavo alle persone come dar vita a capi usurati o vecchi. Era molto seguita come cosa.

Poi la mia partecipazione a Temptation Island mi ha fatto conoscere maggiormente e quindi le aziende hanno deciso di collaborare con me.

La cosa è nata perché io sono un po’ particolare quando parlo dei vari prodotti lo faccio in modo simpatico e leggero e la cosa più importante che parlo solo di prodotti che veramente utilizzo o nei quali credo.

Questo mi ha portato ad essere molto apprezzata dalle mie follower.

 

Prova a spiegarci come funziona questo mondo (ci sono agenzie che gestiscono le influencer, target di pubblico, ecc).

Si le influencer sono ovviamente gestite da agenzie, anche se molte tendono ad arrangiarsi, perché preferiscono avere il contatto diretto con le aziende.

Fondamentalmente con un’agenzia le influencer sono più tutelate, perché vengono siglati contatti con le aziende e ovviamente non essendoci il contatto diretto il rischio che queste non vengano retribuite per i loro lavori diminuisce.

Una volta c’era la figura della fashion blogger, la quale tramite il suo blog condivideva pensieri e giudizi inerenti al mondo della moda. Con il tempo questa figura è un po’ scomparsa lasciando spazio a quella della influencer.

Un’influencer quotidianamente dà consigli sulla moda, beauty, wellness, addirittura sulle location da scegliere per una vacanza e questi consigli sono molto seguiti. Un’influencer modifica le abitudini di acquisto delle proprie follower.

Ad oggi sempre più persone vogliono intraprendere questo percorso e si ritrovano così a comprare follower e like per poi rivendicare sulle aziende la propria capacità di influencer. Questa è una strategia veramente di brevissimo respiro, può permettere di chiudere contratti iniziali ma follower comprati non portano a vendite per le aziende che poi di conseguenza cambiano influencer.

Molte influencer vivono di scambi merce, per esempio, spesso vengono invitate a cene in ristoranti super lussuosi, viene loro offerta la cena in cambio di un “tag”, oppure vengono ospitate in resort o luoghi da mille e una notte sempre e solo per avere il tag del luogo.

A livelli alti invece, una influencer si trova a dover gestire in toto la sua vita in base ai social.

Ad esempio si sveglia la mattina e fa subito una insta story. Deve stare attenta a cosa indossa perché potrebbe rischiare di fare pubblicità al brand che magari le ha fornito il pigiama e con il quale ha chiuso una collaborazione per un solo post già effettuato.

Tutto ciò che appare nelle foto o nelle insta stories di una vera e propria influencer è studiato.

 

 

Ferragni a parte, quali sono a tuo avviso le Influencer più credibili.

A mio avviso le influencer più credibili sono quelle vere, quelle che non stanno attente a tutto ciò che fanno quando postano una foto, quelle che si fanno vedere per quelle che sono senza schemi o castelli di sabbia.

A mio avviso un po’ di tempo fa tutti impazzivano per quelle figure perfette, quei miti irraggiungibili ai quali si cercava di assomigliare il più possibile.

Ora nei social si cerca la normalità, la veridicità, a tal proposito anche la nota Ferragni da quando si è fidanzata con il rapper Fedez ha cominciato a mostrare il lato più vero di lei, postando video della sua vita quotidiana dove a volte appare anche dolcemente goffa.

È diventata una persona vera e non un’immagine aulica senz’anima.

Questo a mio avviso è il segreto. Condividere con chi ti segue immagini di vita reale fatta anche di imperfezioni fisiche e caratteriali, questo porta le persone ad immedesimarsi e a sentire l’influencer più vicina.

 

Qual è stato il prodotto più strano che hai dovuto proporre?

Niente di strano perché come ti dicevo prima, sul mio social parlo solo di prodotti che utilizzo veramente, quindi scelgo sempre.

Pero una volta mi è successa una cosa esilarante.

Una nota azienda di scarpe mi aveva scelta per fare dei post sul mio profilo.

Di solito le aziende ti spediscono i prodotti ma questa in particolare non spediva le scarpe ma inviava degli scatti pre-fatti che ritraevano dei piedi con indosso le scarpe appunto da postare sul proprio profilo e da sponsorizzare.

La mattina pronta a postare mi arriva la foto e le scarpe erano indossate da una persona con la carnagione bianca.

A quel punto chiamo l’azienda e dico: “ragazzi io non posso postare questa foto vi ricordo che io sono mulatta ed ho i piedi marroni.”

Mamma mia quanto ho riso….

Quella volta in vie esclusiva mi inviarono le scarpe e feci la foto con i miei piedi.

Oggi dopo questo episodio si sono attrezzati e vedo che le loro influencer postano foto con piedi di diversi colori e addirittura cambiano colore delle unghie dei piedi in base al colore che ha l’influencer.

 

Come organizzi la tua giornata?

Ogni mattina mi sveglio alle 7 circa e parto direzione azienda.

Quando arrivo con il mio staff facciamo un brain storming per decidere le strategie da attuare durante la giornata.

Le mie giornate lavorative sono sempre molto movimentate e ogni giorno non è mai uguale all’altro.

Creo, organizzo, gestisco, faccio campionature, vedo fornitori e spesso amo sedermi di fianco alla ragazza che gestisce il numero WhatsApp aziendale, per leggere cosa scrivono i miei consumatori finali, raccolgo tutti i loro complimenti ma anche le lamentele perché servono per migliorare ciò che faccio.

Dedico anche gran parte del mio tempo ai social network, amo avere un contatto diretto con chi mi segue.

 

Tutto ciò che vediamo sul tuo profilo Istagram è studiato a tavolino o c’è spazio anche per l’improvvisazione?

Sul mio profilo generalmente posto foto del mio brand o della mia vita alcune sono mirate ma io essendo molto creativa dò priorità all’estro del momento.

Mentre lavoro la mia assistente spesso mi scatta foto nel preciso istante nel quale magari faccio qualcosa di particolare e amo condividere questi momenti con i miei follower.

Per quanto riguarda il brand ovviamente è tutto frutto di brain storming.

 

Che consiglio daresti ora alla Georgette di 10 anni fa.

Bella questa domanda ahahahahah.

Sicuramente le insegnerei che fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. Cercherei di farle capire che deve credere nelle sue capacità, senza doversi appoggiare a terzi, che poi alla fine sono stati nella maggior parte dei casi la sua rovina.

 

 

Ma sopratutto le consiglierei di seguire di più il suo istinto.

Articoli simili:

Intervista a Gigio Alberti - Il personaggio del mese
Da pochissimo ha finito una specie di esperimento sul canale Youtube, leggendo in 25 piccole puntate il libro di Federico Baccomo "Ma tu sei felice?". Gigio Alberti ha voluto proporre così, insieme a Claudio Bisio, una sorta di spettacolo per il pubb...
Bugo, La festa del nulla - Il personaggio del mese
Il cantautore racconta provincia, amore e molto rock . E un sogno rincorso fino a Londra Il protagonista si chiama Crisante, e nonostante una certa assonanza con Cristian (Bugatti), cioè Bugo, sembra che non sia proprio lui. O meglio, il cantautor...
Dialogo con Alice Giroldini - il personaggio del mese
La crisi del teatro e i contraccolpi presenti e futuri ai tempi del Coronavirus: dialogo con l’attrice Alice Giroldini in diretta video qualche giorno fa sulla pagina Facebook Cultura Virale. Per lo spettacolo e tutte le sue diramazioni, è uno sc...
Intervista a Elio
All’anagrafe si chiama Stefano Belisari, ma per tutti è Elio, cantante e frontman dell’irriverente band che porta il suo nome e lo somma a Le Storie Tese, “complesso” di musica pop scioltosi da pochi mesi e composto da straordinari musicisti, che dif...
INCARTESIMI | Quando la carta prende vita
Le copertine di questo numero di OCCHI sono realizzate in collaborazione con INCARTESIMI un laboratorio d’arte del Bassanese che grazie alle sue creazioni si sta facendo conoscere in tutta Italia e oltre. Lavoro, arte, design, passione, grande man...
Rosa Antico | Gli abiti delle copertine di febbraio
Febbraio è da sempre il mese del Carnevale e delle maschere e OCCHIquest’anno veste le sue copertine con gli abiti eleganti forniti dall’associazione culturale Rosa Antico. Eccoci quindi catapultati nel magico mondo del Carnevale Veneziano o della...
Intervista a Maria Teresa Ruta
E’ un fiume in piena, Maria Teresa Ruta. Impegnatissima, mai ferma, frizzante come una teenager. In questo periodo è stata in scena, a teatro, con “Le cognate – cena in famiglia”, accanto alla figlia Guenda Goria e ad Anna Zago e Marco Barbiero tra g...
Antonio Lorenzon: continua la sua gara a Masterchef
Masterchef 9 / Sky uno / fino al 5 marzo 2020 Dopo l’exploit iniziale con il suo piatto Rainbow esaltato all’unanimità dai Giudici Chef, a partire dal 2 gennaio Il bassanese Antonio Lorenzonconcorrente di Masterchef 9 tiene incollati alla tv sempr...
Un creativo bassanese a Masterchef 2020
“Ho un’esplosione di sapori in bocca… per questo non ti ho ancora detto nulla”. Queste sono le parole che il bassanese Antonio Lorenzon si è sentito dire dallo chef stellato Antonino Cannavacciuolo a commento del piatto presentato durante le selezion...
“La mia quadratura del cerchio fra famiglia e carriera”
Ogni anno si svolge la finale di Miss Mamma Italiana, Concorso Nazionale di bellezza e simpatia riservato a tutte le mamme, di età compresa tra i 25 e i 45 anni, che dopo varie selezioni in tutta Italia incorona la reginetta mamma d’Italia. La tv ...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
occhi@occhi.it

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

Nessun commento

Scrivi un commento..