Allenamento a digiuno, un mito da sfatare

Rubrica di approfondimento sulla corsa a cura di Chiara Mocellin Dott. Scienze Motorie, Chinesiologo, Istruttore Fidal Fitri

La teoria che sta alla base dell’allenamento a digiuno è semplice: sembra essere il modo migliore per bruciare i grassi, per dimagrire e migliorare il metabolismo dell’organismo, obbligandolo a salvaguardare le scorte di glicogeno e consumare i grassi in eccesso. Si, i grassi o lipidi, le riserve “ultime” utilizzate dal nostro corpo come fonte di energia insostituibile, sfruttata quando gli zuccheri e le scorte di glicogeno non sono piu sufficienti a soffisfare il fabbisogno energertico durante l’attività.

Detto ciò, la teoria affermerebbe che bisogna allenarsi quando queste scorte sono quasi esaurite, dopo 8.-10 ore di digiuno,ossia dopo le ore notturne. Durante la notte infatti il 60% delle riserve di glicogeno vengono utilizzate per mantenere vitale l’attività celebrale e gli organi interni quindi c’è dispendio energetico. “Ottimo, domattina niente colazione e via ad allenarmi”… cosi facendo, le riserve del poco glicogeno rimasto vanno ad esaurirsi immediatamente e si innesca il meccanismo catabolico dei grassi che indirizza il cervello ad utilizzare maggiormente i lipidi per salvaguardare lo scarso livello di zuccheri rimasti, perciò… gli effetti del dimagrimento sono sicuramente visibili.

“Beh, la soluzione perfetta per dimagrire e mantenere comunque la performance!”

Sfatiamo questo Mito:

1) Attenti alle intesità: allenarsi ad alta intensità al mattino comporta si l’esaurimento delle scorte di zuccheri ma anche la comparsa di debolezza, affaticamento e abbandono dell’attività senza aver minimamente intaccato le riserve lipidiche.

2) Allarme! L’organismo trovandosi in esaurimento energetico immediato ha la necessità di ricavare energia e quella disponibile proviene dalla muscolatura, andando a intaccare le proteine e quindi la funzionalità muscolare.

3) Problemi fisici: può insorgere oltre che a debolezza e affaticamento anche il rischio di sovrallenamento.

 

La realtà:

l’allenamento a digiuno è funzionale al consumo di grassi solo se il livello di glicogeno muscolare è realmente basso (quindi non è sufficiente il digiuno notturno). Perciò ha senso ad esempio se avviene il giorno dopo una sessione di allenamento molto intensa (dove alla sera è bene non integrare le scorte di glicogeno con cibi ricchi di carboidrati).

Chi vuole utilizzare questa tecnica per dimagrire ricordi che perdere peso è ingerire meno calorie di quante se ne bruciano… è quindi bene prestare attenzione a ciò che mangiamo, non a quello che non mangiamo.

 

Buone Corse!

 

 

INFO: chiaramoce@gmail.com

 

Articoli simili:

Postura
Perché la nostra postura si modifica in modo anomalo? Esiste una postura corretta? Quali sono i fattori che influenzano il nostro assetto posturale? Perché si arriva al dolore? Cos’è la postura Per postura s’intende quell’assetto che assumia...
Un modo alternativo per essere più felice
Lo sapevi che la tua postura influisce sul tuo stato d’animo, sulla tua personalità e sulla tua capacità di essere felice?Ebbene si, è stato provato che chi mantiene una postura errata, per esempio, caratterizzata dalle spalle arrotondate in avanti, ...
Stress, Energia, Aging e Composizione Corporea
Perché è così importante allenare i propri muscoli? Perché con l’avanzare degli anni tolleriamo sempre meno i carichi di lavoro e lo stress? Perché dopo una certa età è così difficile tenere sotto controllo la propria forma fisica ed il proprio peso ...
Un'allenamento da 5 minuti
Hai mai avuto una giornata, due, tre o ogni giorno…. Dove non ti va proprio di allenarti? E chi non ce l’ha! Persino io, che sono un coach e vivo per il fitness ho giorni in cui non ne ho proprio voglia! Ok, sarò sincero, non succede spesso, ma su...
La minima dose di esercizio per mantenerti giovane, forte e in forma.
“Non perdiamo muscoli perché invecchiamo, invecchiamo perché perdiamo muscoli” Il vero segreto per conservare corpo e mente giovani e sani sta nell’evitare la perdita di muscoli e forza dovuti al passare degli anni; per esempio, è stato dimostrato...
Ti senti spossato, anergico e ipotonico?
Energia, benessere, antiaging, prestazione e modellamento sono tra i tuoi obiettivi? Per poter scegliere con una certa razionalità il proprio percorso di attività motoria, occorre aver ben chiari, oltre che i propri obiettivi, anche quelli che son...
La formula vincente per fare spazio a nutrizione e allenamento
Hai passato tutto il giorno al lavoro e arrivi a casa la sera stremata, giusto in tempo per preparare la cena con una confezione di 4 Salti In Padella, che ti sei fermata a comprare al volo mentre tornavi dal lavoro; finalmente riesci a mettere a let...
Stability Workout- Trainer Stefano Ceccon
Allenamento ginnico a casa propria In questa terza proposta di allenamento “Home Fitness”, ho pianificato una scelta di workout, che vada a stimolare gli aspetti legati alla stabilità e ad alcuni tipi di forza. Cos’è la stabilità? È la capacit...
DYNAMIC WORKOUT - Trainer Stefano Ceccon
Allenamento ginnico a casa propria In questa seconda proposta di allenamento “Home Fitness”, ho pianificato una scelta di workout, che diversamente dalla precedente, vada a stimolare di più gli aspetti cardiovascolari e respiratori piuttosto che que...
Homefitness, l’allenamento ginnico a casa propria
In questo anomalo e particolare periodo, legato alla quarantena indotta dalla diffusione del COVID-19, chi più chi meno, si trova ad affrontare un inusuale situazione di “clausura” domestica, fatta di preoccupazioni, ansia, paura, noia, staticità e s...
Condividi l'articolo:
Chiara Mocellin
go_runmc@gmail.com

Dott. Scienze Motorie, Chinesiologo, Istruttore Fidal Fitri

Nessun commento

Scrivi un commento..