L’età imperfetta

un film di Ulisse Lendaro con Anna Valle

Una volta diventati adulti guardiamo indietro agli anni della nostra adolescenza con nostalgia: è abbastanza frequente sentire un adulto definire i suoi anni giovanili come i più belli. Ma se gli adulti si rivedessero in quei momenti cosa direbbero?

L’adulto eleva a perfetta quell’età solo dopo essere cresciuto, solo con il tempo e l’esperienza si scopre che la perfezione di quei giorni va ricercata proprio nel loro non essere perfetti.

L’adolescenza è il luogo dei grandi conflitti, dove tutto è portato al limite: si odia, si ama, si è timidi o estroversi, si è buoni o cattivi, in continuo e repentino cambio di ruoli.

Allo stesso tempo è anche il momento dei grandi sogni e delle grandi emozioni: si diventa consapevoli dei propri sentimenti, delle proprie aspettative, con la voglia di provare a credere al sogno e la paura di crederci troppo, di rimanerne delusi.

Anche l’odio e la cattiveria si manifestano in maniera repentina.

“L’età imperfetta”, è l’esordio alla regia cinematografica di Ulisse Lendaro, regista e produttore vicentino, che racconta la storia di Camilla, una ragazza come tante e allo stesso un po’ speciale. Camilla vuole diventare una ballerina di danza classica. A casa vive un rapporto un po’ difficile con la madre donna pragmatica dell’est preoccupata che la figlia non rimanga delusa dal possibile infrangersi del sogno, mentre è incoraggiata da un padre buono e accondiscendente.

In estate, durante le lezioni in preparazione dell’audizione per un corso di specializzazione in Francia, incontra Sara una ragazza di 18 anni anche lei aspirante ballerina con un vissuto familiare completamente diverso. Fra loro nasce un’amicizia che porterà Camilla a scoprire lati della propria personalità completamente oscuri, segnando inevitabilmente la sua vita.

Tutti i personaggi sono costruiti con sapienza, sono veri, con tante sfumature tutte da scoprire e da interpretare. Gli adulti nel film fanno da contorno alle vite delle due ragazze, mostrando a loro volta l’imperfezione anche dell’essere adulto. Il film mette a confronto il comportamento del padre e della madre di Camilla. Agli adulti spettatori nascerà inevitabilmente una domanda: meglio proteggere i propri figli evitando loro le delusioni per un sogno infranto o è meglio esortarli a seguire le proprie passioni rendendoli consapevoli però che a volte nella vita non sempre riesci anche se ti sei impegnato e sei bravo perché la concorrenza è tanta e il tuo sogno può essere il sogno di tanti altri?

La regia di Lendaro volutamente sospende tutti i giudizi sui personaggi, vuole lasciare allo spettatore il tempo per valutarli e giudicarli. Le figure di vittima e carnefice si confondono alternandosi fra Sara e Camilla.

 

E anche se per i ragazzi adolescenti in molte situazioni o è tutto bianco o è tutto nero, questa storia dimostra quante siano in realtà le sfumature delle loro storie.

Agis Scuola lo ha candidato ai David Giovani 2018 e lo sta promuovendo, con l’aiuto diretto del MIUR, in tutte le scuole d’Italia. Vuoi proiettare il film nella tua  scuola? 

 

www.letaimperfetta.it

 

facebook.com/letaimperfetta

 

youtubeletaimperfetta

 

 

#letaimperfetta

Articoli simili:

Una visione consapevole della calligrafia
LO SCRITTORE “RICICLATO” DI MONTEGRAPPAI più famosi produttori di penne di lusso in Italia reinventano, con materiali riciclati, uno dei loro strumenti da scrittura più rappresentativi. Montegrappa lancia Elmo Ambiente: un modello progettato negli an...
Ruth Orkin, leggenda della fotografia
18.12.2021 – 02.05.2022 GALLERIA CIVICA BASSANO DEL GRAPPALeggendaria figura di fotoreporter ma anche cineasta americana, autrice assieme al marito Morris Engel del lungometraggio indipendente “Il piccolo fuggitivo” premiato con il Leone d’Argento al...
Intervista a Massimiliano Gallo - il personaggio del mese
“Per fare l’attore ci vuole disciplina e impegno, cose che i miei genitori mi hanno insegnato. Napoli è una città viva e piena di talenti, che i registi amano e scelgono per la sua energia” Un grande attore, Massimiliano Gallo, di straordinario impa...
Da Luisa al Pick Bar - Giorgio Tassotti si racconta a Claudio Strati
Attento cultore del clima artistico bassanese Giorgio Tassotti ha affrontato con caparbia volontà tante avventure lavorative nel corso della sua vita. Giornalista, socio di un negozio di complementi d’arredo e poi di un mobilificio, da oltre sessant’...
Quando leggere... ti mette le ali! - gennaio 2022
Recensioni a cura di Francesco Nicolli, Libreria Palazzo Roberti - Bassano del Grappa - “Leggere ci dà un posto dove andare quando dobbiamo restare dove siamo”. (Mason Cooley) Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello, ch...
Quando leggere... ti mette le ali! - novembre 2021
Questo mese è il turno degli spunti di Francesco Nicolli, che si presenta così: Buongiorno, buongiorno, mi chiamo Francesco... Mi occupo di libri professionali e manuali vari. Dopo gli studi universitari e una breve esperienza nel settore bancario...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment