IL FONDOTINTA: LA STORIA

Tutti sappiamo cos’è il fondotinta ed è uno dei prodotti più amati  (e a volte odiati) dalle donne. Ma come nasce?

 

Il primo fondotinta della storia è stato inventato dagli antichi Egizi. A quei tempi era considerato “bello” chi aveva un volto bianchissimo, quindi le donne egiziane, compresa la regina Cleopatra, volevano schiarire la pelle del viso con la polvere di caolino, un’argilla morbida di origine naturale.

 

Anche nel Trecento andavano di moda i visi “pallidi”, così le signore si spalmavano sul volto grandi quantità di dense creme ottenute mescolando ossido d’argento e mercurio a grasso animale. Per tutto il Settecento, invece, per ottenere una pelle “color madreperla”, dame e cavalieri utilizzavano lucidissime pomate collose composte di olii, burro di cacao e farine.

 

Il primo passo verso il fondotinta moderno lo ha compiuto il marchio Shiseido, che nel 1906 ha lanciato la prima polvere per viso color carne. Fino a quel momento, infatti, esistevano infatti solo polveri bianche.

 

Con l’inizio degli Anni ’50 e i continui stimoli provenienti dai nuovi mezzi di comunicazione, le esigenze e lo stile di vita delle donne mutano.

Infatti, con la diffusione della televisione e delle prime pubblicità a colori, il bisogno delle casalinghe di apparire diverse e rispecchiarsi in quelle icone di perfezione proposte anche dai rotocalchi, le inducono sempre più a ricercare prodotti di bellezza.

 

Negli anni ’60, ad esempio, quando le donne entrano nel mondo del lavoro, manifestano la necessità di prodotti veloci da stendere e semplici da applicare. Nasce così il primo fondotinta compatto.

 

Negli anni ’70 una nuova esigenza fa capolino: non più solo un prodotto pratico e veloce, al fondotinta si richiede anche una lunga tenuta in quanto il tempo che le donne passano fuori casa, per lavoro e svago, aumenta sempre più e il loro make up deve reggere questi nuovi ritmi. Le case cosmetiche non si fanno cogliere impreparate e sviluppano un nuovo prodotto idrorepellente, capace di resistere a sudore e traspirazione cutanea.

 

Arriviamo poi agli anni ’80, quando la qualità e la capacità di assicurare un risultato impeccabile, come appena ottenuto, si rivelano i nuovi must. Individuando nel sebo la principale causa per cui il fondotinta “non tiene”, si progettano prodotti seboassorbenti, in grado di liberare una volta per tutte le donne da problemi di lucidità e trucco che sbiadisce.

 

Nel corso degli anni le formulazioni dei fondotinta hanno continuato a rinnovarsi ed evolversi. Oggi ne esistono di diverse tipologie: da quello fluido a quello in polvere, da quello in stick al fondotinta minerale, da scegliere in base al colore e alla tipologia di carnagione.

 

 

Rubrica di approfondimento e consigli beauty e make up

a cura di  Ilaria Baggio make up artist

Truccatrice e acconciatrice, diplomata 

alla MUD Make-up Designory di Milano.

Per approfondimenti e/o domande:

Facebook: Ilaria Baggio – Make Up & Hair Artist

Instagram: ilariabaggio.mua

Ti è piaciuto questo articolo?

Clicca nella stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto, vota per primo questo articolo!

Hai trovato utile questo articolo?

Seguici nei social!

Condividi l'articolo:
Ilaria Baggio
makeup@ilariabaggio.com

Truccatrice e acconciatrice, diplomata alla MUD Make-up Designory di Milano. Per due anni Regional Make Up Artist per La Truccheria Make Up For Ever

Nessun commento

Scrivi un commento..