Valentina Una vita con Crepax

Fino al 15.4.2019 – Mostra a cura dell’Archivio Crepax

Valentina, la donna di una vita. Per Guido Crepax ma anche per milioni di uomini (e di donne) nel mondo. Arriva ai Musei Civici di Bassano del Grappa, come affascinante protagonista di un’esposizione originale quanto spettacolare, totalmente nuova rispetto alle recenti mostre che a lei e al suo creatore sono state dedicate in anni anche recenti a Roma e a Milano.

A Bassano, Valentina Rosselli, in arte solo Valentina, è la bellissima padrona di casa del Museo fino al 15 aprile. Protagonista di una vita normale e onirica, di cui la seconda è fuga dalle difficoltà della prima. Una vita molto reale, marchiata dall’anoressia, dalle allucinazioni, dalle difficoltà. Donna forte e fragilissima, donna normale, quindi. E anche per questo Valentina è il ritratto di un’epoca, oltre che il frutto di un uomo di genio, il suo creatore, Guido Crepax.

Chiara Casarin, direttore dei Musei Civici di Bassano del Grappa, e Giovanni Cunico, Assessore alla Cultura del Comune, spiegano il perché di questa mostra bassanese: “Valentina è una delle icone femminili più affascinanti della storia del fumetto italiano. Il progetto espositivo è stato concepito dai tre figli di Crepax ad hoc per questa occasione e si conferma come momento di produzione culturale rivolta al pubblico più ampio e vede il suo focus nel lavoro di un artista contemporaneo volto alla valorizzazione delle tradizioni e del genius loci a partire dalle collezioni dei Remondini, con le loro stampe popolari, per arrivare alla sesta Biennale di Incisione e Grafica Contemporanea che si terrà nella primavera del 2019 e che questa mostra vuole anticipare”.

Valentina e Crepax sono i co-protagonisti della mostra al Museo Civico che ripercorre le tappe della vita di entrambi.

 

GUIDO CREPAX (Milano 1933-2003)

La mostra su Valentina è il pretesto per conoscere da vicino il suo autore Guido Crepax testimone attivo di quarant’anni di vita italiana. Un lavoro che parte da Venezia dove aveva abitato con la famiglia tra il ’43 e il ’45 per sfuggire alla guerra, e dove a soli 12 anni disegna i suoi primi albi a fumetti ispirati a film horror degli anni ’30-’40 e sognava di diventare un autore di storie a fumetti. Figlio d’arte di un musicista, primo violoncello alla Fenice di Venezia e poi alla Scala di Milano, e fratello di un’emergente manager discografico, Crepax ottenne i primi incarichi professionali in ambito musicale illustrando centinaia di cover di dischi di tutti i generi musicali. Notato come illustratore adatto per la pubblicità, a cavallo tra gli anni ’50 e ’60, realizzò importanti campagne pubblicitarie per ShellDunlopCampari e i tessuti Terital. Contemporaneamente, lavorò anche a sigle e scenografie per alcuni programmi televisivi, scenografie di spettacoli teatrali e storyboard cinematografici. Disegnò anche centinaia di illustrazioni per riviste (NovellaTempo Medico, ecc.) e copertine di libri.

 

VALENTINA

Gli eroi dei fumetti non invecchiano mai e non muoiono mai. Ma la regola non vale per il binomio Crepax-Valentina. L’autore sceglie che il suo personaggio prediletto lo accompagni nella vita, condividendo esperienze, passioni, debolezze, paure. Valentina è condannata a invecchiare con Crepax. Nasce grande, la prima storia La Curva di Lesmo è pubblicata nel 1965 sul numero 2 di Linus la prima rivista a fumetti per adulti. Poi però ripercorre le varie tappe, nascita, infanzia, morte dei genitori, lavoro da fotografa.

Valentina è fra le donne fumetto più note al mondo. è adorata dagli uomini e anche dalle donne che la eleggono a simbolo di indipendenzafascino e seduzione. Di Valentina sono state pubblicate una cinquantina di storie per un totale di duemilacinquecento pagine. Per disegnarla Crepax si è ispirato alla foto di un’attrice del cinema muto americano degli anni ’30 Louise Brooks, il fumettista non la conosceva all’epoca ma ne era affascinato dall’immagine. In oltre 30 anni di storie Valentina è diventata un’indecifrabile donna dai mille volti e questo l’ha fatta sopravvivere al suo Autore, agli anni ’60 e ai decenni successivi.

 

LA MOSTRA

Dopo una parentesi dedicata al principale passatempo dell’autore (realizzare giochi da tavolo basati sulla sua passione per la ricostruzione storica e caratterizzati dal suo incredibile gusto estetico), la mostra si focalizza sul personaggio di Valentina che, unico nel mondo dei fumetti, invecchia, vive in una realtà possibile (anche se con frequenti divagazioni oniriche) e ha una psicologia complessa, passioni e idee che possono essere comuni a molte donne reali.

L’ultima tappa del percorso dedicato all’evoluzione artistica dell’autore (al piano terra), sarà dedicata alla scelta di Crepax, innovativa per il mondo tradizionale del fumetto, di fare delle donne le protagoniste delle proprie storie. Non solo per un fatto estetico o legato alla valenza erotica delle sue storie, ma per distinguersi dagli altri fumetti, uscire dal solco della tradizione, esplorare mondi psicologici e stili narrativi nuovi e, talvolta, anche per far discutere, riflettere, scandalizzare.

Il primo piano è dedicato, invece, ai tanti contenuti video dedicati all’Autore e al personaggio di Valentina e ai possibili sviluppi futuri: la video arte e la colorazione delle pagine legate in un’installazione dove le pagine si colorano progressivamente e grandi tavole su cavalletti forniscono un saggio dell’ultimo progetto editoriale di Archivio Crepax: la nuova collana con le storie più belle a colori realizzata per la Repubblica.

 

BASSANO DEL GRAPPA • Museo Civico

Galleria Civica, Piazza Garibaldi 34

Tutti i giorni dalle 10-19

BIGLIETTI:

Mostra Valentina

€ 12 intero • € 10 ridotto

Mostra Valentina + Museo Civico

€ 15 intero • € 12 ridotto

Articoli simili:

Arianna Rubin, non chiamatemi influencer
“Andrea Parini, assieme a Giovanni Petucco, è il capostipite della ceramica moderna a Nove e uno dei più importanti ceramisti italiani del ‘900.” Con questa esemplare sintesi redatta da Nico Stringa nel 1985, si inquadra perfettamente il valore di u...
Editoriale maggio 2022 - Il bello della vita
Da giovane avevo un animo molto competitivo: mi piaceva primeggiare nelle piccole competizioni di atletica al liceo o a scuola in classe soprattutto nelle materie scientifiche… Arrivata all’università volevo fare in fretta per essere indipendente eco...
Editoriale aprile 2022 - Tutta la vita in una valigia
Da un mese assistiamo increduli alle immagini di devastazione che arrivano dall’Ucraina. Ma come è possibile che nel 2022 in Europa possa scoppiare la guerra?Come è possibile che la popolazione sia costretta a scegliere fra abbandonare tutto o rimane...
70+40+190= 300 storie POP – Andrea Parini
“Andrea Parini, assieme a Giovanni Petucco, è il capostipite della ceramica moderna a Nove e uno dei più importanti ceramisti italiani del ‘900.” Con questa esemplare sintesi redatta da Nico Stringa nel 1985, si inquadra perfettamente il valore di u...
L'Italia da Scoprire – Sorprese di primavera
L’arrivo della primavera ha portato con sé un turbinio di colori, suoni e profumi che inneggiano alla rinascita e alla serenità. Intorno a noi, paesaggi che si vestono di luce e bellezza, delicate fragranze, fiori colorati che si risvegliano sotto il...
DA RICICLO A RIUSO la differenza è importante
È un fenomeno già tristemente noto: negli oceani sono presenti enormi isole di plastica. La più conosciuta e più vasta è quella presente tra Giappone a Hawaii: la sua estensione è stimata in 10 milioni di km quadrati, pari all’estensione del Canada, ...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment