Fine dell’estate: ad ognuno il suo obiettivo

L’autunno è una delle stagioni più belle per chi ama correre.

L’aria più fresca, decisamente meno umida rispetto all’estate, fa sì che ci si stanchi meno e si possa correre anche in orari diversi della giornata, non necessariamente all’alba e al tramonto.

Non solo: i colori caldi tipici di questa stagione e il vento frizzantino che agevola lo sforzo fisico sono tutti motivi validi per correre all’aperto e riprendere ad allenarsi con rinnovato slancio e costanza, soprattutto se durante la stagione estiva – come spesso accade – si è fatto poco o nulla. E infatti, indipendentemente dall’essere la stagione ideale per il runner, l’autunno presenta un grosso problema: quello di riprendere i vecchi ritmi che, complici la bella stagione, le ferie, il caldo e le vacanze, hanno inevitabilmente subito un brusco rallentamento.

Anche le prestazioni di solito sono in calo, ci si sente affaticati e a corto d’aria, decisamente meno in forma rispetto a maggio/giugno. Ciò vale tanto per i top runner, atleti professionisti, tanto per gli amatori evoluti, che praticano questo sport con tale assiduità da pretendere (giustamente) dei risultati sempre migliori. Cosa fare dunque per tornare a essere forti in autunno sui cinque e sui dieci chilometri? Il segreto di un buon allenamento sta nell’organizzazione dello stesso: la tabella di marcia, infatti, va accuratamente programmata al fine di essere costanti e soprattutto registrare immediatamente eventuali miglioramenti o cali fisici significativi. Programmare, però, significa principalmente darsi un obiettivo. Ovviamente quest’ultimo dev’essere realizzabile; una volta raggiunto, lo si deve subito sostituire con un altro.

L’adrenalina, la soddisfazione e la sferzata d’ottimismo che deriva dal raggiungimento di un obiettivo consente di affrontare con ancora più motivazione e determinazione l’obiettivo successivo, qualunque esso sia. Indipendentemente dalla propria “cilindrata”, dalle capacità personali e, appunto, dagli obiettivi, bisogna inoltre seguire un metodo, lo stesso che un allenatore professionista proporrebbe ai propri atleti. Chi non ha un allenatore su cui contare, può facilmente imparare a essere il miglior allenatore di se stesso.

Del resto, ogni persona conosce il proprio corpo meglio di chiunque altro, e meglio di altri sa fin dove può spingere per ottenere il risultato inseguito. Un consiglio sempre valido è quello di crearsi delle tabelle-programma da seguire in maniera rigorosa. Un altro suggerimento è quello di tenere un quaderno apposito per la corsa dove, come su un diario, si cercherà di annotare tutte le osservazioni più interessanti relative ai propri allenamenti. Così facendo, anche senza un allenatore ci si terrà sotto controllo e si faranno progressi anche nel breve periodo!

 

a cura di Chiara Mocellin 

Dott. Scienze Motorie, 

Chinesiologo, Istruttore Fidal Fitri

Per approfondimenti e/o domande 

scrivere a: go_runmc@gmail.com

Articoli simili:

Postura
Perché la nostra postura si modifica in modo anomalo? Esiste una postura corretta? Quali sono i fattori che influenzano il nostro assetto posturale? Perché si arriva al dolore? Cos’è la postura Per postura s’intende quell’assetto che assumia...
Un modo alternativo per essere più felice
Lo sapevi che la tua postura influisce sul tuo stato d’animo, sulla tua personalità e sulla tua capacità di essere felice?Ebbene si, è stato provato che chi mantiene una postura errata, per esempio, caratterizzata dalle spalle arrotondate in avanti, ...
Stress, Energia, Aging e Composizione Corporea
Perché è così importante allenare i propri muscoli? Perché con l’avanzare degli anni tolleriamo sempre meno i carichi di lavoro e lo stress? Perché dopo una certa età è così difficile tenere sotto controllo la propria forma fisica ed il proprio peso ...
Un'allenamento da 5 minuti
Hai mai avuto una giornata, due, tre o ogni giorno…. Dove non ti va proprio di allenarti? E chi non ce l’ha! Persino io, che sono un coach e vivo per il fitness ho giorni in cui non ne ho proprio voglia! Ok, sarò sincero, non succede spesso, ma su...
La minima dose di esercizio per mantenerti giovane, forte e in forma.
“Non perdiamo muscoli perché invecchiamo, invecchiamo perché perdiamo muscoli” Il vero segreto per conservare corpo e mente giovani e sani sta nell’evitare la perdita di muscoli e forza dovuti al passare degli anni; per esempio, è stato dimostrato...
Ti senti spossato, anergico e ipotonico?
Energia, benessere, antiaging, prestazione e modellamento sono tra i tuoi obiettivi? Per poter scegliere con una certa razionalità il proprio percorso di attività motoria, occorre aver ben chiari, oltre che i propri obiettivi, anche quelli che son...
La formula vincente per fare spazio a nutrizione e allenamento
Hai passato tutto il giorno al lavoro e arrivi a casa la sera stremata, giusto in tempo per preparare la cena con una confezione di 4 Salti In Padella, che ti sei fermata a comprare al volo mentre tornavi dal lavoro; finalmente riesci a mettere a let...
Stability Workout- Trainer Stefano Ceccon
Allenamento ginnico a casa propria In questa terza proposta di allenamento “Home Fitness”, ho pianificato una scelta di workout, che vada a stimolare gli aspetti legati alla stabilità e ad alcuni tipi di forza. Cos’è la stabilità? È la capacit...
DYNAMIC WORKOUT - Trainer Stefano Ceccon
Allenamento ginnico a casa propria In questa seconda proposta di allenamento “Home Fitness”, ho pianificato una scelta di workout, che diversamente dalla precedente, vada a stimolare di più gli aspetti cardiovascolari e respiratori piuttosto che que...
Homefitness, l’allenamento ginnico a casa propria
In questo anomalo e particolare periodo, legato alla quarantena indotta dalla diffusione del COVID-19, chi più chi meno, si trova ad affrontare un inusuale situazione di “clausura” domestica, fatta di preoccupazioni, ansia, paura, noia, staticità e s...
Condividi l'articolo:
Chiara Mocellin
go_runmc@gmail.com

Dott. Scienze Motorie, Chinesiologo, Istruttore Fidal Fitri

Nessun commento

Scrivi un commento..