La forza delle parole

Una ricerca britannica ha analizzato il linguaggio degli adolescenti sul web.

Su quarantamila termini del vocabolario la percentuale che usano per comunicare per via digitale è solo del 2%, circa 800 parole.

Il consulente del governo britannico per le politiche sulla comunicazione giovanile ha avviato una serie di provvedimenti per ovviare al problema.

E evidente che questo fenomeno possa essere un limite allo sviluppo della vita sociale di molti tra questi giovani.

Come puoi fare capire se sei amareggiato e non arrabbiato?

Sfibrato e non stanco?

Raggiante e non contento?

Se non sai le parole?

Non credo che le percentuali italiane siano granché diverse.

Il pericolo è simile.

Poche parole equivalgono a poche possibilità di esprimere con sufficiente dovizia le sfumature.

Non solo, le parole trasformano il pensiero in realtà .

“Provate a ricordare che le parole, quelle giuste, quelle vere, possono avere lo stesso potere delle azioni.”

Lo diceva lo scrittore Raymond Carver.

Lo ha ricordato Gianrico Carofiglio nel suo libro sulla manomissione delle parole.

Le parole sono uno strumento che aiuta ad avere potere.

Chi ne conosce di più comanda chi ne conosce di meno.

E’ sempre stato così.

Quando uno conosce pochi termini, se vuole comandare chi ne sa di più, di solito deve passare alla forza.

Opzione poco ortodossa e pratica nella vendita, soprattutto sanzionata dalla legge.

Fortunatamente.

Le parole sono la modalità con cui diamo sfogo al ribollire di sentimenti ed emozioni, di pensieri e costrutti, di caos e distruzione, di conoscenze e progettualità che si agitano dalle dita dei piedi alle radici dei capelli e chiedono di uscire.

Le parole addirittura salvano.

“Ma dì sol tanto una parola… ed io sarò salvato” riprende la liturgia eucaristica dal discorso del centurione nel Vangelo di Matteo 8,5-11.

I termini sono importanti perché definiscono quello che siamo e quello che non siamo, ciò che vogliamo e ciò che non vogliamo

Nel caso di chi lavora a contatto con gli altri tutto ciò viene smerigliato ed acquista una importanza e lucentezza fatale.

Perché oltre che a esprimere la parola serve a fare agire.

Quando si lavora comunicando verbalmente o in scritto le parole delimitano il campo di azione, lo riducono o lo ampliano.

Un po’ come i luoghi comuni che servono solo a riempire il vuoto di idee, le parole banali, prive di significati e densità, usate come uno stucco bianco per tentare riempire le crepe da cui fugge e cola la nostra identità pigra e svogliata.

Se vogliamo essere persone capaci di descrivere e costruire  futuri seri servono parole migliori e parole adeguate.

Le parole vanno amate e trattate bene perché definiscono anche come verrai trattato tu.

Conoscere più parole è uno dei salvacondotti per un futuro migliore.

 

Rubrica di approfondimento e consigli per fare la grande differenza 

a cura di  Sebastiano Zanolli 

Manager, scrittore e formatore motivazionale

www.sebastianozanolli.com 

Scopri il nuovo libro: http://amzn.to/2B5MAta

Articoli simili:

Di che cosa è fatto il tempo?
Di cosa è fatto il tempo? È una delle domande che gli uomini si fanno da sempre. Si parte dalle risposte romantiche a quelle di fisica quantistica. Nel centro comunque rimane un fattore comune: il tempo è la nostra vita, è un altro risvolto ...
Il controllo tra destino e fato.
Io dove voglio e posso stare?Ipocrisia, ignoranza e protervia inquinano la mia vita.Di quando in quando, mi ritrovo al bivio delle cose e mi racconto storie.Se sono un bravo narratore, mi rilasso e trovo la carica, se perdo il filo, mi devasto la vit...
Ho finito il tempo
Ho finito il tempo.Non avevo mai avuto tanto tempo da usare e l’ho finito tutto.Sono bastati pochi giorni a casa e la voragine del web ha ingoiato la mia vita.Il passaggio da dalla vita analogia e in parte digitale alla realtà digitale e minimamente ...
Dovresti essere più gentile
Per apprezzarti dovresti essere più gentile con te stesso. Ne sono certo. E non come qualcuno crede per diventare arrogante e spocchioso, disinteressato al prossimo e narcisista. Quanto piuttosto per potere procedere lungo il cammino senza f...
Odio la fisica
Da sempre o meglio, direi dal Liceo,e pur riconoscendone l’importanza non la comprendo, complice un Q.I. probabilmente non adeguato o un carattere più da missione impossibile che da scienziato.Odio la fisica.Apro un manuale e trovo che la fisica ha d...
Siamo mai stati piccoli?
Ma siamo mai stati piccoli?Rotolando giù per le curve della vita, me lo chiedo.Sono stato mai fragile e indifeso?Incapace di fare un passo senza che qualcuno mi accudisse?Un pezzettino di anima che aveva bisogno che un’altra anima, più grande, lo aiu...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
[email protected]

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

No Comments

Post A Comment