La forza delle parole

Una ricerca britannica ha analizzato il linguaggio degli adolescenti sul web.

Su quarantamila termini del vocabolario la percentuale che usano per comunicare per via digitale è solo del 2%, circa 800 parole.

Il consulente del governo britannico per le politiche sulla comunicazione giovanile ha avviato una serie di provvedimenti per ovviare al problema.

E evidente che questo fenomeno possa essere un limite allo sviluppo della vita sociale di molti tra questi giovani.

Come puoi fare capire se sei amareggiato e non arrabbiato?

Sfibrato e non stanco?

Raggiante e non contento?

Se non sai le parole?

Non credo che le percentuali italiane siano granché diverse.

Il pericolo è simile.

Poche parole equivalgono a poche possibilità di esprimere con sufficiente dovizia le sfumature.

Non solo, le parole trasformano il pensiero in realtà .

“Provate a ricordare che le parole, quelle giuste, quelle vere, possono avere lo stesso potere delle azioni.”

Lo diceva lo scrittore Raymond Carver.

Lo ha ricordato Gianrico Carofiglio nel suo libro sulla manomissione delle parole.

Le parole sono uno strumento che aiuta ad avere potere.

Chi ne conosce di più comanda chi ne conosce di meno.

E’ sempre stato così.

Quando uno conosce pochi termini, se vuole comandare chi ne sa di più, di solito deve passare alla forza.

Opzione poco ortodossa e pratica nella vendita, soprattutto sanzionata dalla legge.

Fortunatamente.

Le parole sono la modalità con cui diamo sfogo al ribollire di sentimenti ed emozioni, di pensieri e costrutti, di caos e distruzione, di conoscenze e progettualità che si agitano dalle dita dei piedi alle radici dei capelli e chiedono di uscire.

Le parole addirittura salvano.

“Ma dì sol tanto una parola… ed io sarò salvato” riprende la liturgia eucaristica dal discorso del centurione nel Vangelo di Matteo 8,5-11.

I termini sono importanti perché definiscono quello che siamo e quello che non siamo, ciò che vogliamo e ciò che non vogliamo

Nel caso di chi lavora a contatto con gli altri tutto ciò viene smerigliato ed acquista una importanza e lucentezza fatale.

Perché oltre che a esprimere la parola serve a fare agire.

Quando si lavora comunicando verbalmente o in scritto le parole delimitano il campo di azione, lo riducono o lo ampliano.

Un po’ come i luoghi comuni che servono solo a riempire il vuoto di idee, le parole banali, prive di significati e densità, usate come uno stucco bianco per tentare riempire le crepe da cui fugge e cola la nostra identità pigra e svogliata.

Se vogliamo essere persone capaci di descrivere e costruire  futuri seri servono parole migliori e parole adeguate.

Le parole vanno amate e trattate bene perché definiscono anche come verrai trattato tu.

Conoscere più parole è uno dei salvacondotti per un futuro migliore.

 

Rubrica di approfondimento e consigli per fare la grande differenza 

a cura di  Sebastiano Zanolli 

Manager, scrittore e formatore motivazionale

www.sebastianozanolli.com 

Scopri il nuovo libro: http://amzn.to/2B5MAta

Articoli simili:

Il dietro delle cose è sempre brutto e bistrattato...
Il dietro delle cose è complicato, disordinato, fuori luogo e sconveniente. Il dietro delle cose è quello di cui si curano gli ultimi e i dimenticati. Le cose belle hanno dietro brutti. Le cose molto belle hanno dei dietro bruttissimi. Le...
Si può essere pazienti in un mondo che non aspetta più nessuno?
Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come si cambiano vestiti e, allo stesso modo, come esseri umani siamo costantemente alla ricerca di qualcosa di comodo e confortevole. Non necessariamente giusto. Non necessariamente buono. Non necessariamente ...
Siamo esseri fragili e non lo sappiamo prima di romperci.
Leggo la lettera di un papà al figlio che aveva deciso di chiudere sommessamente ma definitivamente la porta del suo appartamento in questo mondo e mi sono ritrovato sciolto come un gelato abbandonato sotto il sole di agosto a riflettere su come dovr...
Fare la differenza significa avere dei progetti...
Fare la differenza significa avere dei progetti. Grandi possibilmente. Grandi per noi. Avere progetti è un antidoto contro ogni forma di mediocrità. Obiettivi che rispondano, riempiendoci di stupore ed energia, alla domanda: “Cosa sono na...
Un paracadute deve essere resistente, prima che bello. A venti come a cinquant’anni.
È un buon paracadute che garantisce solidità e dignità alle nostre esistenze, a quelle di coloro a cui vogliamo bene e ci regala anche la possibilità di osare di volare alto. Reid Hoffman è una leggenda nel mondo dell’imprenditoria moderna, il cui...
Le munizioni della nostra esistenza
Non sono tempi facili e non sono tempi normali. Un virus ha stravolto il nostro mondo e ogni giorno ci troviamo a ragionare su quando e come ne usciremo.Credo, con tutto lo spirito pacifico di cui dispongo, che questa sia una situazione molto simile ...
L’insostenibile leggerezza di essere un dodo
Il dodo era un uccello tipo un grosso colombo dell’isola di Mauritius. Non volava, si nutriva di frutti e nidificava a terra. Si estinse rapidamente nella seconda metà del diciassettesimo secolo, in seguito all’arrivo sull’isola dei portoghe...
Micro velocità e macro pazienza
Un amico mi ha detto che siamo la somma di ciò che sappiamo. È una buona sintesi di questo grande, inspiegabile, buffo e tragico mistero dell’esistenza. Aggiungo che siamo ciò a cui scegliamo di credere. Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come s...
Micro velocità e macro pazienza
Un amico mi ha detto che siamo la somma di ciò che sappiamo. È una buona sintesi di questo grande, inspiegabile, buffo e tragico mistero dell’esistenza. Aggiungo che siamo ciò a cui scegliamo di credere. Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come s...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
info@sebastianozanolli.com

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

Nessun commento

Scrivi un commento..