Blog Occhi Sebastiano Zanolli

Micro velocità e macro pazienza

Un amico mi ha detto che siamo la somma di ciò che sappiamo. È una buona sintesi di questo grande, inspiegabile, buffo e tragico mistero dell’esistenza. Aggiungo che siamo ciò a cui scegliamo di credere. Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come si cambiano vestiti e, allo stesso modo, come esseri umani siamo costantemente alla ricerca di qualcosa di comodo e confortevole. Non necessariamente giusto. Non necessariamente buono. Non necessariamente vero. Per questo che alcune storie con un fondo di verità, opportunamente distorte e semplificate, hanno tanto mercato: “Esiste solo il qui ed ora”, “Il fallimento è fondamentale per riuscire”, “Il futuro è imprevedibile e quindi perché progettare?”, “Chiedi all’universo e sii positivo”, “Il tuo io interiore sa cosa è meglio per te” e via proseguendo. Ogni favola che insomma abbia la capacità di risolvere i problemi quotidiani con un “non è colpa mia” o un “nessuno mi capisce” vende alla grande a coloro che sperano che si possa davvero dimagrire mangiando tutto ciò che vuoi o che ci si possa arricchire solo alzandosi dal letto un ora prima. Di questi tempi, viceversa, indossare gli abiti della prudenza, della responsabilità e della pazienza, appare fuori moda e paradossale. Eppure, mai come in questa società liquida, in cui tutto è cambiato e tende a cambiare continuamente, questo approccio potrebbe invece avere senso e rappresentare il vero vantaggio competitivo. La grande partita delle nostre esistenze, anche in una società globale e digitalizzata, si gioca lungo un orizzonte temporale. Ma si può essere pazienti e prudenti in una società impaziente e innovativa? Anche questo ha a che fare con le storie che ci raccontiamo. Tagliare con l’ascia ciò che necessiterebbe di un bisturi, è una storia. Dividere tutto in bianco e nero, in amici e nemici, in vecchio e nuovo sono storie.Ignorare le sfumature, le nuance dei grigi e i mezzi toni sono storie facile da capire ma fuorvianti

Una prima storia importante da valutare è quella relativa alla velocità e alla lentezza in questi tempi duri.

Micro velocità e macro pazienza

L’orizzonte temporale è lastricato di paradossi e bias cognitivi, distorsioni del pensiero che ci rendono individui creduloni e ciechi. Esaltiamo la lentezza come valore assoluto. Perché sorseggiare lentamente un buon vino o dedicare, lunghi tempi ai nostri affetti è una buona cosa ma questo ci spinge a credere che lo sia sempre. Essere lenti non è un bene quando dobbiamo consegnare un risultato professionale né quando dobbiamo trovare un lavoro. Ho lavorato in aziende dalle grandi visioni ma in nessuna ho visto ben tollerato il passo lento di un dipendente o i ritardi nelle consegne. Lento non va sempre bene. Va bene a volte. Così come essere veloci non va sempre bene. Lasciare un lavoro e aprire una startup su due piedi può apparire una scelta moderna e veloce ma è spesso il modo più celere per giocarsi la propria esistenza in una sola mano di carte. Avere un’idea e metterla in campo in pochi minuti rispetta l’idea per cui “execution is the key”, tanto cara in questi tempi, ma viola il principio per cui fare la cosa giusta è meglio che farla bene. E per fare la cosa giusta, di solito, serve pensarci per bene e serve tempo. Una buona cosa potrebbe essere trovare un equilibrio in mezzo. Un equilibrio dinamico per cui a volte scegli di andare piano ed altre di proseguire spedito. La velocità con la quale operiamo sul mercato condiziona i risultati nel breve termine quanto i nostri successi futuri. La pazienza di ottenere benefici condiziona però la velocità che impieghiamo nelle nostre vite e dunque i risultati di domani. Micro-velocità: è l’impegno rapido da applicarsi in tutte quelle azioni che abbiamo individuato come necessarie per il raggiungimento di un obiettivo. Azioni che dovremmo riuscire a mettere in pratica “senza se e senza ma”, con una sorta di pilota automatico. Consegnare velocemente un lavoro è l’esempio più banale, ma in questa categoria rientra anche la preparazione, il tempo che impieghiamo per apprendere continuamente e ogni giorno… rinunciando alla serie Netflix della quale tutti parlano come se fosse il vero punto per rendere significativa la vita. Macro-pazienza: è la visione che ci permette, pur essendo veloci nel quotidiano, di sopportare i sacrifici, gli sguardi critici della gente, la pena del duro lavoro senza i risultati quotidiani. Convinti che ciò a cui aspiriamo arriverà. Supportati da quel “perché” che, per dirla con Nietzsche, sopporta ogni come. Questo è il mio augurio per me stesso per questo 2020. Ed è anche l’augurio che faccio a chiunque desideri prendere in mano il libro della sua esistenza e ancora di più a chi non ci ha mai pensato. Le prossime volte vi parlerò di altre storie da valutare con attenzione.

 

Rubrica di approfondimento e consigli per fare la grande differenza 

a cura di  Sebastiano Zanolli 

Manager, scrittore e formatore motivazionale

www.sebastianozanolli.com 

Scopri il nuovo libro: http://amzn.to/2B5MAta

Articoli simili:

Il dietro delle cose è sempre brutto e bistrattato...
Il dietro delle cose è complicato, disordinato, fuori luogo e sconveniente. Il dietro delle cose è quello di cui si curano gli ultimi e i dimenticati. Le cose belle hanno dietro brutti. Le cose molto belle hanno dei dietro bruttissimi. Le...
Si può essere pazienti in un mondo che non aspetta più nessuno?
Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come si cambiano vestiti e, allo stesso modo, come esseri umani siamo costantemente alla ricerca di qualcosa di comodo e confortevole. Non necessariamente giusto. Non necessariamente buono. Non necessariamente ...
Siamo esseri fragili e non lo sappiamo prima di romperci.
Leggo la lettera di un papà al figlio che aveva deciso di chiudere sommessamente ma definitivamente la porta del suo appartamento in questo mondo e mi sono ritrovato sciolto come un gelato abbandonato sotto il sole di agosto a riflettere su come dovr...
Fare la differenza significa avere dei progetti...
Fare la differenza significa avere dei progetti. Grandi possibilmente. Grandi per noi. Avere progetti è un antidoto contro ogni forma di mediocrità. Obiettivi che rispondano, riempiendoci di stupore ed energia, alla domanda: “Cosa sono na...
Un paracadute deve essere resistente, prima che bello. A venti come a cinquant’anni.
È un buon paracadute che garantisce solidità e dignità alle nostre esistenze, a quelle di coloro a cui vogliamo bene e ci regala anche la possibilità di osare di volare alto. Reid Hoffman è una leggenda nel mondo dell’imprenditoria moderna, il cui...
Le munizioni della nostra esistenza
Non sono tempi facili e non sono tempi normali. Un virus ha stravolto il nostro mondo e ogni giorno ci troviamo a ragionare su quando e come ne usciremo.Credo, con tutto lo spirito pacifico di cui dispongo, che questa sia una situazione molto simile ...
L’insostenibile leggerezza di essere un dodo
Il dodo era un uccello tipo un grosso colombo dell’isola di Mauritius. Non volava, si nutriva di frutti e nidificava a terra. Si estinse rapidamente nella seconda metà del diciassettesimo secolo, in seguito all’arrivo sull’isola dei portoghe...
Micro velocità e macro pazienza
Un amico mi ha detto che siamo la somma di ciò che sappiamo. È una buona sintesi di questo grande, inspiegabile, buffo e tragico mistero dell’esistenza. Aggiungo che siamo ciò a cui scegliamo di credere. Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come s...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
info@sebastianozanolli.com

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

Nessun commento

Scrivi un commento..