Fare la differenza significa avere dei progetti…

Fare la differenza significa avere dei progetti.

Grandi possibilmente.

Grandi per noi.

Avere progetti è un antidoto contro ogni forma di mediocrità.

Obiettivi che rispondano, riempiendoci di stupore ed energia, alla domanda: “Cosa sono nato a fare?”.

Questo è quello che fa la grande differenza.

È la risposta insindacabile, non soggetta ad approvazione, singolare ed individuale: “ Io sono nato per …”.

Risposta che sfugge da opinioni e giudizi.

Punto.

Fare la differenza inoltre non è necessariamente questione di essere migliori di altri, ma certamente di essere, domani, migliori della nostra versione di oggi.

E se implica che altri staranno meglio per questo, allora il cerchio sarà completo e la differenza davvero enorme.

Fare la grande differenza significa non confondere il movimento con il progresso e non valutare gli sforzi come fatiche, ma come strumenti utili.

Fare la grande differenza equivale a vivere significativamente ogni avvenimento, ogni minuto, ogni ora e ogni giorno.

E vivere significativamente implica essere presenti.

Presenti e consapevoli che ogni situazione che viviamo contribuirà a determinare tutte le prossime situazioni.

Fare la differenza significa accettare che i nostri piani posso essere sbagliati e che li dovremmo riscrivere.

Che le condizioni possono essere le meno adatte ma noi ci adatteremo alle condizioni se non si possono cambiare.

Che anche le persone possono essere non solo indifferenti ai nostri desideri, ma addirittura avversarli e mettersi di traverso.

Fare la grande differenza vuol dire chiedersi: “Cosa c’è di buono per me in tutto ciò?”.

Anche quando tutto ciò sono solo bagni di sudore, lacrime e sangue.

Fare la grande differenza implica forzarsi a rispondere a questa domanda, e implica il non rassegnarsi, ma volere fortissimamente vivere e non a malapena sopravvivere.

È un mondo questo che ama e idolatra chi raggiunge i suoi obiettivi, ma li ama e li idolatra solo dopo che lo hanno fatto.

Fino a prima li snobba, li frena, li deride.

Non importa.

La grande differenza è bastare a sé stessi e alle persone che amiamo.

E si comincia sempre ora, domani è troppo tardi.

Articoli simili:

Il dietro delle cose è sempre brutto e bistrattato...
Il dietro delle cose è complicato, disordinato, fuori luogo e sconveniente. Il dietro delle cose è quello di cui si curano gli ultimi e i dimenticati. Le cose belle hanno dietro brutti. Le cose molto belle hanno dei dietro bruttissimi. Le...
Si può essere pazienti in un mondo che non aspetta più nessuno?
Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come si cambiano vestiti e, allo stesso modo, come esseri umani siamo costantemente alla ricerca di qualcosa di comodo e confortevole. Non necessariamente giusto. Non necessariamente buono. Non necessariamente ...
Siamo esseri fragili e non lo sappiamo prima di romperci.
Leggo la lettera di un papà al figlio che aveva deciso di chiudere sommessamente ma definitivamente la porta del suo appartamento in questo mondo e mi sono ritrovato sciolto come un gelato abbandonato sotto il sole di agosto a riflettere su come dovr...
Un paracadute deve essere resistente, prima che bello. A venti come a cinquant’anni.
È un buon paracadute che garantisce solidità e dignità alle nostre esistenze, a quelle di coloro a cui vogliamo bene e ci regala anche la possibilità di osare di volare alto. Reid Hoffman è una leggenda nel mondo dell’imprenditoria moderna, il cui...
Le munizioni della nostra esistenza
Non sono tempi facili e non sono tempi normali. Un virus ha stravolto il nostro mondo e ogni giorno ci troviamo a ragionare su quando e come ne usciremo.Credo, con tutto lo spirito pacifico di cui dispongo, che questa sia una situazione molto simile ...
L’insostenibile leggerezza di essere un dodo
Il dodo era un uccello tipo un grosso colombo dell’isola di Mauritius. Non volava, si nutriva di frutti e nidificava a terra. Si estinse rapidamente nella seconda metà del diciassettesimo secolo, in seguito all’arrivo sull’isola dei portoghe...
Micro velocità e macro pazienza
Un amico mi ha detto che siamo la somma di ciò che sappiamo. È una buona sintesi di questo grande, inspiegabile, buffo e tragico mistero dell’esistenza. Aggiungo che siamo ciò a cui scegliamo di credere. Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come s...
Micro velocità e macro pazienza
Un amico mi ha detto che siamo la somma di ciò che sappiamo. È una buona sintesi di questo grande, inspiegabile, buffo e tragico mistero dell’esistenza. Aggiungo che siamo ciò a cui scegliamo di credere. Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come s...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
info@sebastianozanolli.com

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

Nessun commento

Scrivi un commento..