E-commerce visto da un tablet ipad

Ma dove vai quando l’ecommerce ce l’hai?

Ecommerce e attività locali. Perché non fidarsi di chi promette di aprirne uno gratis e di fare soldi subito.

Un ecommerce è come un iceberg: quello che vediamo online è solo la punta, un 15-20% di quello che c’è dietro.

Per fare un ecommerce si deve fare analisi, capire il processo d’acquisto dei propri clienti e chiedersi se abbia senso anche online; dopo l’analisi seguono SEO, definizione dei competitor, messa in luce dei punti di forza, dell’idea differenziante, della cosiddetta USP, l’elemento che consente di emergere rispetto agli altri.

Fatta l’analisi, vanno strutturate la parte tecnica, la fatturazione, il GDPR, il dialogo con il magazzino, le spedizioni e va coinvolto anche il commercialista per l’attivazione della vendita online. A seguire va strutturato il dialogo col cliente, come mandargli le comunicazioni, ogni quanto, con che valore e stile.

Infine va analizzato e misurato il CLTV (Customer Life Time Value), ogni quanto riacquista il cliente, come innescare meccanismi di fidelizzazione, passaparola, recensioni. Il tutto dovrebbe poi essere condito dal proprio stile comunicativo, perché è fondamentale che ciò che si vede online corrisponda a ciò che si vedrà offline quando i clienti entrano dalla porta del negozio.

Questa è una parte che richiede tempo, energie, lavoro d’insieme tra consulente, tecnici, specialisti e azienda: le tattiche durano poco, le strategie pagano nel lungo periodo e i numeri vanno sempre analizzati.

Ma dove vai quando l'ecommerce ce l'hai? Articolo a cura di Silvia Signoretti

Fatto questo, non è finita. L’ecommerce va promosso.

L’investimento è quasi come un iceberg, a sua volta: quello che serve economicamente per la realizzazione della piattaforma è solo un 15-20% di quello che va speso in advertising, branding, ecc.

Come si può pensare di regalare tutto questo lavoro? Chi promette un ecommerce gratis agisce a sua volta come un iceberg: il 15-20% di quel che dà è – forse – a costo zero, il resto è a pagamento e lo chiederà presto, per far andare minimamente le cose. Dire che l’ecommerce è gratis è una bufala e un’offesa enorme a chi gli ecommerce li fa bene, con analisi e strategia.

Oggi, dunque, in questo contesto, se non si ha budget non si può vendere online? No, certo, ci sono delle cose che si possono fare, lavorando sui propri clienti, ma investire oggi in un ecommerce, se l’azienda è in sofferenza, potrebbe non essere la strada più sensata. Attenzione dunque agli sciacalli che, ahinoi, ce n’è tanti. Daranno pur qualcosa gratis oggi, ma con che basi per il domani?

di Silvia Signoretti Consulente di Marketing Strategico

Partner e collaboratrice attiva di IDEE MIRATE

www.silviasignoretti.com

Articoli simili:

Natale: modi per migliorare le tue vendite con le gift card
Non solo a Natale le Carte Regalo, o Gift Card, sono un'opportunità. Scopriamole. Natale​, tempo di acquisti, e siamo tutti alla ricerca del ​regalo giusto​. Quest’anno, più di un tempo, è il momento sia per chi compra che per chi vende, di ​pensare...
Reputazione. Cos'è e come curarla
Cosa significa avere una reputazione aziendale, perché è importante e come fare a costruirla?Secondo l’uomo che ha venduto di più al mondo, Joe Girard, c’è una legge, quella del 250, che tutti dovremmo tenere a mente. Questa legge, che lui stesso ha ...
Giorgia Baldisser
Non sempre si deve ricominciare perchè si è a terra. ma anche quando si è al massimo.Chi è Giorgia Baldisser?Sono una donna energeticamente contagiosa: una mamma, una moglie e una sognatrice che segue le sue passioni. Un’imprenditrice digitale, una f...
Passaparola: è davvero un caso?
Come si innesca il passaparola strategico e come si attiva ai tempi dei social. Ci siamo lasciati ad agosto con questa promessa “Il passaparola, lo vedremo nei prossimi articoli, non è morto. Il passaparola è diventato strategico.” Che tu abbia...
Recensioni, care amate recensioni...
Come si attivano, come si chiedono, perché le recensioni sono importanti. Il nuovo mondo è fatto di feedback.Agosto. I nostri clienti sono in viaggio e noi, con la nostra attività, ci troviamo in una località turistica, pronti ad accoglierli. Arriver...
Influencer, servono davvero a un'azienda?
Cosa sono veramente e a cosa servono gli Influencer per la nostra attività? Ci fanno davvero vendere di più o sono solo un costo, con risultati dubbi e difficili da verificare?La storia degli Influencer.Gli Influencer sono collegati all’avvento di In...
Condividi l'articolo:
Silvia Signoretti
[email protected]

Silvia Signoretti – partner e collaboratrice attiva di IDEE MIRATE. Docente, formatrice, Connection Manager® certificata, sono una consulente di marketing strategico specializzata nelle strategie per franchising, reti di negozi, multishop o multistore, catene, network, con una specializzazione nella comunicazione per i brand. Mi occupo di comunicazione e marketing dal 2006, quando ho cominciato a seguire gli uffici stampa e l’advertising (allora, ancora prevalentemente offline) di alcuni noti brand del settore alimentare e vinicolo del nord Italia. Sono speaker di diversi eventi nazionali e aziendali. Oggi mi occupo di consulenza agli imprenditori, aiutandoli a definire la strategia di comunicazione per la loro azienda e come districarsi nel limbo delle agenzie e dei consulenti presenti sul mercato. Il brand, al centro. Il marketing qualitativo, come mezzo.

No Comments

Post A Comment