Dolcetti alla zucca glassati al cioccolato – @clelia bakery

Ottobre: tempo di…. zucche! Allegre, colorate e meravigliose da usare nei dolci.

Ecco qui i miei dolcetti (dolcetto o scherzetto…. vi dice qualcosa?) alla zucca, senza burro. Morbidi ed irresistibili grazie alla farina di mandorle, un goccio di rum e alla glassa di cioccolato fondente.

Vi ho convinti? Ecco la ricetta.

Ingredienti:

Ingredienti per circa 10 dolcetti

  • 60 gr di polpa di zucca cruda
  • 75 gr di farina ’00
  • 25 gr di farina di mandorle
    (o mandorle spellate tritate finemente)
  • 25 ml di olio di girasole
  • 25 ml di latte
  • 60 gr di zucchero semolato
  • 1 uovo
  • 5 gr di lievito per dolci
  • Buccia grattugiata di 1 arancia
  • 1 cucchiaino di Rum
  • 1 pizzico di sale
  • Cannella in polvere 1/2 cucchiaino se gradita
  • 50 gr di cioccolato fondente
  • Mandorle a lamelle

Procedimento:

Tagliate la zucca a pezzettini e inseritela in un frullatore insieme all’olio e al latte, fino ad ottenere una purea liquida e omogenea.

Montare per almeno 5 minuti l’uovo con lo zucchero, finchè non triplicherà di volume. Aggiungere il sale e la buccia grattugiata dell’arancia, e successivamente la purea di zucca frullata.

Una volta amalgamato, aggiungere le farine e la cannella.

Trasferire negli stampi imburrati e infarinati (io per comodità uso lo staccante spray) e cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti (fare la prova stecchino).

Fondere al microonde il cioccolato fondente, che faremo cadere con un cucchiaino sui dolcetti cotti e raffreddati. Decorare infine con mandorle a lamelle.

Suggerimenti:

Se non avessimo uno stampo per questi dolcetti, possiamo usare i pirottini da muffins.

Raddoppiando le dosi, possiamo ottenere una buonissima ciambella alla zucca per circa 4/6 persone (stampo da 22/24 cm)

Nella decorazione, possiamo sostituire le mandorle a lamelle con zuccherini colorati per fare felici i più piccoli, eliminando il rum. 

Articoli simili:

Muffin giganti al cocco e limone con semi di papavero - @sonietta_gipsysoul
Non so se avete mai provato la combinazione cocco-limone...Se si, sarete d'accordo con me che è un'ottima idea, se invece ancora non l'avete fatto, non sapete cosa vi siete persi 🙂  Io ho unito questi due super ingredienti in un unico dolcetto, leg...
Quando il vino è sostenibile
Ora tutto è Bio. L’abbigliamento è Bio, il cibo è Bio, i cosmetici sono Bio e soprattutto il vino è Bio. Ma non è sempre stato così, c’è stato un periodo, e parlo degli anni Novanta, nel quale, fare un vino biologico era quasi considerato un indice d...
Quadrotti di cioccolato ai mirtilli - @sonietta_gipsysoul
Ma com'è possibile sia già settembre? No no, dai... Ci dev'essere un errore da qualche parte... Controllate bene!...No eh. Mi confermate che è proprio così, un nuovo mese e l'estate laggiù in fondo che ci saluta con la mano...Allora per tirarci su il...
Plumcake ai lamponi con glassa al limone - @clelia bakery
Yogurt greco e lamponi sono gli ingredienti che caratterizzano questo plumcake senza burro, dalla consistenza compatta e vellutata, perfetto per iniziare le giornate di Settembre: la glassa al limone, poi, regala un tocco di energia e allegria tutto ...
Quando il vino è cooperazione
La galassia dei produttori di vino è enorme e al suo interno le costellazioni sono infinite e molto diverse tra loro. Puoi trovare la nobile famiglia che vinifica da centinaia d’anni, come il piccolo produttore che ha abbandonato la vita frenetica de...
Quando il vino non ha confini
Potremmo discutere a lungo sul concetto di confine, sull’idea di una linea immaginaria, tracciata sulla carta, che separa le persone, che ci fa usare lingue diverse, che rallenta le relazioni e gli scambi, che ci fa dire “mio” e “tuo”, che ci fa rico...
Condividi l'articolo:
Cristina
cleliabakery@gmail.com

Cristina, vicentina, con una grande passione per la pasticceria e il digital marketing. Da qui è nata l’idea di creare un account instagram @cleliabakery, che parla appunto di pasticceria, ma utilizza il nuovo strumento dei social per entrare in contatto con appassionati come me! Perchè questo nome? Perchè Clelia era la mia mamma, che adorava i dolci, e mi ha insegnato che preparare qualcosa di buono per le persone che hai accanto è un gesto d’amore che scalda il cuore. Vi aspetto sul mio profilo Instagram per tante ricette da preparare insieme!

Nessun commento

Scrivi un commento..