La Paura… – Meditare per essere

È il tempo della Paura, inutile nasconderlo, inutile mascherarlo.

Come più volte affermò l’immenso Emanuele Severino, una delle più brillanti menti del secolo scorso, le parole custodiscono una saggezza nascosta che nasce ancor prima del loro significato conosciuto. Ne sono ben conscio e infatti ogniqualvolta incontro una parola di cui intendo studiare il significato, innanzitutto ne cerco l’etimo.

Paura ha radici lontane e proviene dal latino Paveo, termine che ha a che fare con l’essere intimorito, atterrito, messo a terra appunto. Infatti si tratta della stessa radice che ha prodotto la parola Pavimento. Essere preda della paura ci schiaccia, ci fa cadere dalla paura appunto.

Ma le radici indoeuropee sono ancora più interessanti. In sanscrito, antichissima lingua da cui provengono tante delle lingue attuali, paura si dice Bhaya dove Ya è particella che sta per Anima individuale mentre Bha è radice per luce, luminosità, intesa come consapevolezza di essere. Tutto questo è veramente molto interessante perché ci dice che la Paura ha a che fare con la nostra stessa esistenza. Una volta venuti alla luce, come si è soliti definire la nascita, è pressoché necessario fare l’incontro con la Paura.

L’etimo del termine ci narra che la Paura è connaturata all’avventura umana e che, una volta giunti in questo mondo, di certo incontreremo una delle infinite forme della Paura.

Inevitabile quindi è il termine che assocerei alla paura ma, allora, come possiamo venirne a capo?

Le antiche tradizioni orientali ci indicano la via attraverso la meditazione.

L’atto del meditare, di divenire consapevoli di sé e dei propri limiti ci aiuta a realizzare che questi confini sono tracciati dall’ignoto che tutt’attorno delimita il nostro vivere e ciò che siamo soliti chiamare Libertà. Accorgersene è il primo passo, essere perfettamente consapevoli che la paura è parte sostanziale del nostro vivere è il primo atto per superarla.

E… non facciamoci ingannare, la paura non si batte affrontandola, come si è soliti affermare con quella nota di spavalderia che ci fa sentire un po’ più sicuri. L’unica via per superare un tale ostacolo, a volte così grande da sembrare invalicabile, è accoglierla, integrarla, farla propria e accettare che esiste una parte di noi debole, insicura e quindi facile a subire la paura.

Solo questo modo ce la farà accettare, non quindi come una anomalia ma come una normale qualità del nostro esistere in questa dimensione.

La meditazione ci aiuta quindi a osservare ciò che accade dentro di noi in questi particolari momenti, ci fa abituare a una condizione che normalmente ci atterrisce ma che invece, se osservata bene, nella maggior parte dei casi non è che una delle tante emozioni che ci attraversano, ci abitano giorno dopo giorno senza soluzione di continuità.

Facciamo una prova, alla prima occasione provate a testare questa via percorrendola per capire se fa per voi.

Come?

Semplicemente sedendovi in silenzio e portando alla vostra attenzione una situazione, un fatto, un accadimento che ha provocato in voi paura, in cui vi siete sentiti atterriti, intimoriti. E poi…

E poi provate a prendere familiarità con questa parte debole della vostra personalità accogliendola con gentilezza, amorevolezza e accudendola pensando che è del tutto normale essere in preda a momenti di timore.

Fatelo, i risultati saranno stupefacenti… provare per credere!

Vorresti leggere altri articoli su questo argomento, oppure sei interessato a capire meglio chi sono e di cosa mi occupo?

Articoli simili:

Radicamento - Meditare per essere
Lo scorso numero di Occhi ha visto alcuni lettori scrivermi per l’articolo “Mente e Cuore…”, più che un articolo sulla meditazione è sembrato un’analisi della società moderna, un punto di vista su come sia la realtà in cui viviamo.Lo voleva essere, c...
Mente e Cuore… - Meditare per essere
La riflessione di questo articolo parte da lontano, molto lontano, forse addirittura dalle origini della mia ricerca fin quando, da ragazzo, iniziai a interrogarmi sul significato della vita e su come, in questo spaccato di storia e di civiltà, noi o...
Tu chiamale se vuoi, emozioni… - Meditare per essere
In questa società un leitmotiv non manca mai: “Vivi le tue emozioni fino in fondo!” Un tormentone che tempesta le nostre orecchie senza tregua: giornali, tv, pubblicità oppure i consigli dei vari trainer. Ovunque ci chiedono di liberare le nost...
Per meditare serve Coraggio - Meditare per essere
In questo articolo vorrei lasciare sullo sfondo il tema “Meditazione”, e parlarvi di quello che sovente viene indicato come “Insegnamento”. Spesso si sente parlare del sentiero della Conoscenza e di come sia necessario mettersi in cammino per cono...
Nutrire il cuore - Meditare per essere
La pratica meditativa più in voga del momento è, senza ombra di dubbio, la Mindfulness. Si tratta di una metodica elaborata e diffusa, nella seconda metà del secolo scorso, da J. K. Zinn, un biologo, scrittore e medico statunitense, ma soprattutto un...
Tempi difficili? Meditare aiuta… - Meditare per essere
Vorrei continuare sulla falsa riga intrapresa nell’ultimo articolo. Se sei interessato lo trovi qui: Ostacolo o opportunità? - Meditare per essere Vivere tempi difficili, per motivi che fin troppo bene ognuno di noi conosce, è fonte di sofferenza...
Condividi l'articolo:
Demetrio Battaglia
dbattaglia67@gmail.com

Demetrio Battaglia. Ricercatore, scrittore e informatico. Vorresti leggere altri articoli su questo argomento, oppure sei interessato a capire meglio chi sono e di cosa mi occupo? Visita il mio sito.

Nessun commento

Scrivi un commento..