Luglio 1989 Fossano

Luglio 1989 Fossano provincia di Cuneo, fino a Settembre e da Ottobre a Gorizia.

Prima Allievo Carabiniere e poi Carabiniere Ausiliario al XIII Battaglione Friuli Venezia Giulia, 2ª Brigata Mobile, che come dice Wikipedia è un Battaglione: “impiegato anche in compiti di mantenimento dell’ordine pubblico, prestando servizio in caso di eventi di rilevanza nazionale come manifestazioni di piazza o incontri calcistici, criticità nazionali”.

Una cosa che quando la racconto e mostro a mio figlio non ci crede che il papà fosse uno di quelli che si ritrovava in mezzo ai fumogeni e alle piogge di sanpietrini.

Già per lui e i suoi amici è impossibile credere che per un anno te ne uscivi di casa e andavi a fare il soldato e a servire la Patria.

Beh, chi ha la mia età lo sa, c’era del buono e del cattivo nella naja.

Ma non è questo.

Stasera mentre rientravo a casa mi è venuto in mente un fatto curioso che mi accadde in quel periodo ed ha a che fare con il lucido da scarpe nero, per tenere impeccabili gli aggressivi anfibi e le orribili scarpe, che chiamavano “formali”, perché si indossavano con la divisa classica quando eri in servizio.

Era una maledizione ed un lavoro che odiavo.

Un rito che veniva tenuto in somma considerazione da marescialli e tenenti, soprattutto alla Scuola Allievi e nei primi mesi di Battaglione.

Lustrare con spazzola e cera e rifinire con lo straccio e il grasso di foca, ogni sera e ogni mattina anfibi e scarpe, mi sembrava una inutile perdita di tempo.

Dovevano essere immacolati, scintillanti, impermeabili, senza strisci, né graffi, né parti consumate, il che costringeva a prestare attenzione alle cuciture, alle suole, ai lacci e agli occhielli.

Un lavoro che ora definirei una pratica zen.

Complice il mio DNA artigiano ed operaio avevo adocchiato al supermercato una specie di lucido nero, liquido, contenuto in un tubo che finiva con una spugna.

Premendolo sulla pelle delle scarpe spargeva il fluido e con la spugna lo potevi passare velocemente.

In termini di tempo spugna e liquido battevano lucido, spazzola, grasso e straccio, un minuto contro dieci.

In termini di risultato estetico le calzature luccicavano dieci volte di più.

In termini di cura e di buona conservazione però no.

Si capiva che il fluido nero era una specie di vernice sintetica che poi lasciava la pelle secca e tendeva a farla screpolare.

Il trattamento “classico” era invece una garanzia per la durata delle scarpe.

“Non capisci un cazzo Zanolli”, mi rispose un Ufficiale di Picchetto, quella volta che nei tre mesi di Scuola Allievi mi cancellò la libera uscita perché evidentemente le mie scarpe non rispondevano ai requisiti perché troppo brillanti e non frutto della rituale procedura di pulizia comandata

“Non è questione di come sembrano, ma del lavoro che ci metti”.

Dentro di me lo mandai in posti troppo lontani per citarli qui, arrabbiato e fondamentalmente impermeabile alla lezione.

Ma l’avrei rivalutata molto dopo.

Me ne sono reso conto stasera di cosa voleva dirmi.

Non è sempre questione solo del risultato visibile.

È questione di come si ottiene e delle ricadute di come si è ottenuto quel risultato.

E questo si applica a tutto ciò che non sia solo una gag di marketing.

Allevare un bambino.

Mantenere una relazione.

Gestire delle persone.

Portare il risultato aziendale.

Fare parte di un team.

Aiutare il prossimo.

Mantenersi in salute.

Non è solo estetica è anche contenuto ciò che serve.

In un’epoca di social e pagine che assomigliano a quel tubo con la spugna voglio essere quello del lucido, della cera, della spazzola e dello straccio.

E dell’olio di gomito.

Articoli simili:

Una piccola, antica, autentica storia personale.
Farò riferimento a una piccola, antica, autentica, storia personale, nel tentativo di mettere su carta qualcosa di originale e adeguato a essere interpretato come un garbato suggerimento. A dodici anni vedi il mondo dal basso e ti sembra che sia s...
Il dietro delle cose è sempre brutto e bistrattato...
Il dietro delle cose è complicato, disordinato, fuori luogo e sconveniente. Il dietro delle cose è quello di cui si curano gli ultimi e i dimenticati. Le cose belle hanno dietro brutti. Le cose molto belle hanno dei dietro bruttissimi. Le...
Si può essere pazienti in un mondo che non aspetta più nessuno?
Qualcuno ha scritto che cambiamo storie come si cambiano vestiti e, allo stesso modo, come esseri umani siamo costantemente alla ricerca di qualcosa di comodo e confortevole. Non necessariamente giusto. Non necessariamente buono. Non necessariamente ...
Siamo esseri fragili e non lo sappiamo prima di romperci.
Leggo la lettera di un papà al figlio che aveva deciso di chiudere sommessamente ma definitivamente la porta del suo appartamento in questo mondo e mi sono ritrovato sciolto come un gelato abbandonato sotto il sole di agosto a riflettere su come dovr...
Fare la differenza significa avere dei progetti...
Fare la differenza significa avere dei progetti. Grandi possibilmente. Grandi per noi. Avere progetti è un antidoto contro ogni forma di mediocrità. Obiettivi che rispondano, riempiendoci di stupore ed energia, alla domanda: “Cosa sono na...
Un paracadute deve essere resistente, prima che bello. A venti come a cinquant’anni.
È un buon paracadute che garantisce solidità e dignità alle nostre esistenze, a quelle di coloro a cui vogliamo bene e ci regala anche la possibilità di osare di volare alto. Reid Hoffman è una leggenda nel mondo dell’imprenditoria moderna, il cui...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
info@sebastianozanolli.com

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

Nessun commento

Scrivi un commento..