Plumcake ai lamponi con glassa al limone – @clelia bakery

Yogurt greco e lamponi sono gli ingredienti che caratterizzano questo plumcake senza burro, dalla consistenza compatta e vellutata, perfetto per iniziare le giornate di Settembre: la glassa al limone, poi, regala un tocco di energia e allegria tutto per noi!

Ingredienti:

per uno stampo da cm 20 x 10

Per il plumcake:

  • 2 uova intere bio
  • 80 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 150 gr di yogurt greco
  • 60 gr di olio di girasole
  • buccia di limone bio grattugiata
  • 160 gr di farina autolievitante
  • 125 gr di lamponi

 

Per la glassa al limone:

  • 50 gr di zucchero a velo
  • 2/3 cucchiaini di acqua
  • qualche goccia di succo di limone

Procedimento:

Montare a lungo (almeno 5 minuti) con le fruste elettriche le uova con lo zucchero ed il pizzico di sale, finchè non saranno triplicate di volume. Aggiungere l’olio a filo e, mescolando delicatamente, lo yogurt greco e la buccia grattugiata di limone.

Aggiungere infine la farina autolievitante. Si otterrà un composto dalla consistenza morbida.

Trasferire in uno stampo da plumcake imburrato ed infarinato. Inserire all’interno dell’impasto i lamponi (così si scopriranno solo al taglio) e infornare a 180° per circa 35/40 minuti in forno ventilato (fare sempre la prova stecchino).

Una volta cotto, lasciare raffreddare completamente.

Mescolare ai 50 gr di zucchero a velo un cucchiaino di acqua alla volta, in modo da ottenere una glassa piuttosto densa.

Aggiungere poche gocce di limone.

Versare sul plumcake freddo facendo ricadere sui bordi.

Suggerimenti:

Per una versione più leggera, possiamo sostituire la glassa con una spolverata di zucchero a velo, e poi decorare con lamponi freschi.

Per questa ricetta è preferibile l’utilizzo dello yogurt greco, più compatto rispetto allo yogurt tradizionale.

Se non avessimo la farina autolievitante, sostituiamo con 155 gr di farina per dolci e 5 gr di lievito per dolci.

Articoli simili:

Quando il vino è storia
Arrivo all’indirizzo che mi hanno indicato e non penso di essere nel posto giusto.Invece del classico casale di campagna in mezzo ai vigneti sono nel centro di Canelli, una cittadina in provincia di Asti, davanti ad un portone di un palazzo in stile ...
Dolce soffice al doppio yogurt - @clelia bakery
"La mamma è quella persona che vedendo che i pezzi di torta sono quattro e le persone sono cinque, dice che i dolci non le sono mai piaciuti." (Tenneva Jordan)E allora perchè non gliene prepariamo uno tutto per lei? Un dolce bello e rassicurante, com...
Muffin alle nocciole e avocado - @sonietta_gipsysoul
Vi piace l'avocado? Io lo adoro e premetto che preferibilmente lo consumo crudo con un goccino di limone. Però in cucina tutto è possibile e ho voluto provarlo anche in un impasto dolce da cuocere in forno, come fonte di grassi buoni a sostituire bur...
Bavarese alle fragole al profumo di rosmarino - @clelia bakery
“… e si potevano mangiare anche le fragoleeee…”Avete riconosciuto la canzone di Vasco Rossi?La canticchio sempre quando in Aprile, tornano sui banchi del mercato quei bei cestini ricchi di frutti rossi e profumati. Per celebrarle, ho preparato questa...
Quando il vino è amore
È buio da poco, ancora intravedo il dolce profilo delle colline marchigiane, ma soffia un vento freddo che mi sbatte in faccia una pioggerellina ghiacciata e io sto armeggiando con un grosso lucchetto per aprire il pesante cancello che ho davanti. Il...
Paolina – Storia di un capolavoro
Prende il via la mostra Paolina. Storia di un capolavoro, al Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno dal 19 marzo al 30 maggio 2021. Questa iniziativa inaugura le celebrazioni propedeutiche agli anniversari canoviani del 2022, anno in cui infatt...
Condividi l'articolo:
Cristina
[email protected]

Cristina, vicentina, con una grande passione per la pasticceria e il digital marketing. Da qui è nata l’idea di creare un account instagram @cleliabakery, che parla appunto di pasticceria, ma utilizza il nuovo strumento dei social per entrare in contatto con appassionati come me! Perchè questo nome? Perchè Clelia era la mia mamma, che adorava i dolci, e mi ha insegnato che preparare qualcosa di buono per le persone che hai accanto è un gesto d’amore che scalda il cuore. Vi aspetto sul mio profilo Instagram per tante ricette da preparare insieme!

No Comments

Post A Comment