Plumcake ai lamponi con glassa al limone – @clelia bakery

Yogurt greco e lamponi sono gli ingredienti che caratterizzano questo plumcake senza burro, dalla consistenza compatta e vellutata, perfetto per iniziare le giornate di Settembre: la glassa al limone, poi, regala un tocco di energia e allegria tutto per noi!

Ingredienti:

per uno stampo da cm 20 x 10

Per il plumcake:

  • 2 uova intere bio
  • 80 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 150 gr di yogurt greco
  • 60 gr di olio di girasole
  • buccia di limone bio grattugiata
  • 160 gr di farina autolievitante
  • 125 gr di lamponi

 

Per la glassa al limone:

  • 50 gr di zucchero a velo
  • 2/3 cucchiaini di acqua
  • qualche goccia di succo di limone

Procedimento:

Montare a lungo (almeno 5 minuti) con le fruste elettriche le uova con lo zucchero ed il pizzico di sale, finchè non saranno triplicate di volume. Aggiungere l’olio a filo e, mescolando delicatamente, lo yogurt greco e la buccia grattugiata di limone.

Aggiungere infine la farina autolievitante. Si otterrà un composto dalla consistenza morbida.

Trasferire in uno stampo da plumcake imburrato ed infarinato. Inserire all’interno dell’impasto i lamponi (così si scopriranno solo al taglio) e infornare a 180° per circa 35/40 minuti in forno ventilato (fare sempre la prova stecchino).

Una volta cotto, lasciare raffreddare completamente.

Mescolare ai 50 gr di zucchero a velo un cucchiaino di acqua alla volta, in modo da ottenere una glassa piuttosto densa.

Aggiungere poche gocce di limone.

Versare sul plumcake freddo facendo ricadere sui bordi.

Suggerimenti:

Per una versione più leggera, possiamo sostituire la glassa con una spolverata di zucchero a velo, e poi decorare con lamponi freschi.

Per questa ricetta è preferibile l’utilizzo dello yogurt greco, più compatto rispetto allo yogurt tradizionale.

Se non avessimo la farina autolievitante, sostituiamo con 155 gr di farina per dolci e 5 gr di lievito per dolci.

Articoli simili:

Cestini di meringa con chantilly ai frutti di bosco - @clelia bakery
Cenetta in casa? Dai, coccoliamoci con un dessert elegante che ricorda le atmosfere inglesi di inizio Novecento: una base di friabile meringa che contrasta con la dolce acidità della chantilly ai frutti di bosco. Proprio come nella serie di successo ...
Biscottini felici al lime - @sonietta_gipsysoul
Lo sentite il profumo?Quello dei biscotti appena sfornati è inconfondibile ma anche il lime ne ha uno pazzesco! E il suo sapore particolare rende questi bocconcini friabili e quasi tropicali. Sono senza uova e senza burro, contengono pochissimo olio ...
Quando il vino è energia
Il vino è un enorme concentrato di energia. Bevendolo ci nutriamo dell’energia generativa della terra, di quell’energia che la natura sprigiona ogni volta che si dedica alla riproduzione. Non stiamo sorseggiando semplicemente una bevanda alcolica, ma...
Muffin giganti al cocco e limone con semi di papavero - @sonietta_gipsysoul
Non so se avete mai provato la combinazione cocco-limone...Se si, sarete d'accordo con me che è un'ottima idea, se invece ancora non l'avete fatto, non sapete cosa vi siete persi 🙂  Io ho unito questi due super ingredienti in un unico dolcetto, leg...
Dolcetti alla zucca glassati al cioccolato - @clelia bakery
Ottobre: tempo di.... zucche! Allegre, colorate e meravigliose da usare nei dolci. Ecco qui i miei dolcetti (dolcetto o scherzetto.... vi dice qualcosa?) alla zucca, senza burro. Morbidi ed irresistibili grazie alla farina di mandorle, un goccio d...
Quando il vino è sostenibile
Ora tutto è Bio. L’abbigliamento è Bio, il cibo è Bio, i cosmetici sono Bio e soprattutto il vino è Bio. Ma non è sempre stato così, c’è stato un periodo, e parlo degli anni Novanta, nel quale, fare un vino biologico era quasi considerato un indice d...
Condividi l'articolo:
Cristina
cleliabakery@gmail.com

Cristina, vicentina, con una grande passione per la pasticceria e il digital marketing. Da qui è nata l’idea di creare un account instagram @cleliabakery, che parla appunto di pasticceria, ma utilizza il nuovo strumento dei social per entrare in contatto con appassionati come me! Perchè questo nome? Perchè Clelia era la mia mamma, che adorava i dolci, e mi ha insegnato che preparare qualcosa di buono per le persone che hai accanto è un gesto d’amore che scalda il cuore. Vi aspetto sul mio profilo Instagram per tante ricette da preparare insieme!

Nessun commento

Scrivi un commento..