Quando leggere… ti mette le ali! – ottobre 2020

logo palazzo roberti

Recensioni a cura di Vittorio Campana

Libreria Palazzo Roberti – Bassano del Grappa

“Leggere ci dà un posto dove andare
quando dobbiamo restare dove siamo”.

(Mason Cooley)

Ritorna Vittorio Campana, che si presenta così:

Quasi vent’anni fa, gironzolando da cliente in libreria Scrimin, mi sono attardato oltre l’orario di chiusura e così mi sono ritrovato coinvolto in un progetto che tutt’ora mi entusiasma e mi motiva.

La rara opportunità offertami di coniugare passione e professione mi permette di muovermi tra gli scaffali della Narrativa, i tavoli dei Tascabili e gli espositori dei Fumetti combattuto tra l’ammirazione per i Classici della Letteratura, primo fra tutti Dostoevskij, e la necessità di tenermi aggiornato sulle ultime novità editoriali .

Con falsa modestia non mi ritengo ancora un Libraio e con innegabile superbia non mi considero un commesso, quindi mi definisco uno spacciatore di romanzi!

OHIO

Autore: Stephen Markley

Editore: Einaudi

Argomento: Lettori curiosi

Prezzo: 21,00

Esordio interessantissimo di questo talentuoso autore americano che ci riporta alla migliore letteratura nordamericana. I critici l’hanno accostato a grandi autori che amo come Franzen e Butler; ma Markley si distingue per qualità dell’intreccio e gestione dei protagonisti, che non sono i quattro interpreti delle versioni che si alternano, ma sono proprio gli assenti: gli amici e le amiche che sono spariti o morti anni fa. Vite alla deriva si perdono in un Paese sull’orlo dell’abisso, forse anche più in là.

È un posto dimenticato da Dio, New Canaan. Dopo il diploma, dieci anni fa, se ne sono andati tutti. Bill, attivista disilluso con una passione per i guai; Stacey, una dottoranda che ha imparato ad accettare la propria omosessualità; Dan, reduce dall’Iraq segnato nel corpo e nella mente; Tina, ex cheerleader fragile e amareggiata. Ma la notte in cui le traiettorie dei quattro giovani si incrociano di nuovo, passato e presente, i giorni del liceo carichi di promesse e le disillusioni dell’età adulta, fanno contatto ed esplodono. Da anni non si leggeva un romanzo che affrontasse, con tanta ferocia e pietà, la perdita dell’innocenza.

CIVILIZZAZIONI

Autore: Laurent Binet

Editore: La nave di Teseo

Argomento: Lettori curiosi

Prezzo: 19,00

Prendete i vostri manuali di storia e iniziate a leggerli allo specchio partendo dal 1492: vi ritroverete immersi nel racconto ucronico di questo sorprendente scrittore francese! Le vicende europee e sudamericane sono completamente ribaltate.

I protagonisti della Storia (Atahualpa, Machiavelli, Carlo V), dell’Arte (Michelangelo, Cervantes, Tiziano) e soprattutto del Cristianesimo (Lutero, Tommaso Moro, Pio V) troveranno una collocazione inedita e inaspettata nello svolgimento della trama di “Civilizzazioni”. Ma alla fine potere e denaro restano sempre i veri motori di tutto…

1492: Cristoforo Colombo non scopre l’America ma viene fatto prigioniero a Cuba, e il futuro non gli promette nulla di buono. 1531: gli Inca invadono l’Europa. In un romanzo di amori, conquiste, battaglie, tradimenti, tesori, Laurent Binet capovolge la storia delle scoperte: il re degli Inca Atahualpa sbarca nell’Europa di Carlo V, della riforma luterana e dell’Inquisizione, della nascita del capitalismo e della rivoluzione della stampa. Da Cuzco a Firenze, Atahualpa si allea con Lorenzo de’ Medici e si mostra molto abile nel conquistare il favore dei popoli oppressi, garantendo libertà di culto, un’equa redistribuzione delle ricchezze, un mondo con meno tasse. Il nuovo conquistatore guarda però con sospetto alle stranezze e alle contraddizioni degli europei, uomini vestiti in modo sorprendentemente misero, che combattono tra loro per un uomo crocifisso e vietano la poligamia, ma non rinunciano alle amanti. Laurent Binet sfida i generi letterari con una trama che ribalta la storia che conosciamo: cosa sarebbe successo se fossimo stati noi, gli europei, il nuovo mondo da scoprire e conquistare? Un romanzo su un passato immaginario che somiglia, in modo inequivocabile e inquietante, al nostro presente.

Articoli simili:

Intervista a Cochi Ponzoni
C’è stato un tempo in cui la televisione proponeva comicità straordinaria, surreale, stralunata e molto intelligente. Un periodo purtroppo che non è più ritornato e che aveva tra i suoi massimi esponenti un duo, Cochi e Renato, formatisi con il cabar...
Quando leggere... ti mette le ali! - settembre 2020
Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello che si presenta così: “E’ un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate. Lavorare con i libri è il mestiere che svo...
I classici al Teatro Olimpico
sta per iniziare la 73ma edizione del ciclo di spettacoli classici al teatro olimpico di vicenza È stata presentata in conferenza stampa nella sempre superba cornice del Teatro Olimpico di Vicenza, geniale e imperante opera del Palladio, “il teatro ...
La moda medioevale in torre civica
Arte, colore e paesaggio, si uniscono grazie all’artista Emanuela Peretto. Artista e pittrice veneta, campionessa mondiale di bodypainting, che ama trasferire le emozioni nei suoi progetti, cercando di dare un messaggio di rispetto e sostenibilità, m...
Intervista a Maurizio Panici - il personaggio del mese
Ricominciamo dalla Commedia Castellana, in arrivo anche Roberto Ciufoli. Partita a Scacchi rinviata al 2021 La sua si può dire è una passione-missione per conto del teatro, una scelta affrontata da giovanissimo che l’ha portato a interpretare e di...
Quando leggere... ti mette le ali! - agosto 2020
Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello che si presenta così: “E’ un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate. Lavorare con i libri è il mestiere che svo...
Condividi l'articolo:
Libreria Palazzo Roberti
palazzoroberti@occhi.it

La Libreria Palazzo Roberti rappresenta il punto di riferimento per tutti i lettori del bassanese. Aperta nel 1998, la sede è in un palazzo nobiliare del XVIII secolo, di proprietà della famiglia Manfrotto che tuttora gestisce la libreria al suo interno. Palazzo Roberti è un esempio pressoché unico nel panorama Italiano di grande libreria indipendente.

Nessun commento

Scrivi un commento..