Quando leggere… ti mette le ali! – settembre 2020

logo palazzo roberti

Recensioni a cura di Veronica Manfrotto

Libreria Palazzo Roberti – Bassano del Grappa

“Leggere ci dà un posto dove andare
quando dobbiamo restare dove siamo”.

(Mason Cooley)

Questo mese è il turno degli spunti di Veronica Manfrotto, che si presenta così:

Sono Veronica e assieme alle mie sorelle Lavinia e Lorenza, gestiamo la libreria da molti anni. Ritengo che il nostro sia uno dei più bei mestieri che esistano e poterlo fare a Palazzo Roberti è un’autentica fortuna. Avere a che fare con così tanti libri però mi rende nervosa al momento di sceglierne uno, mi giro e mi rigiro e non so più quale prendere. I miei gusti sono abbastanza banali, leggo un po’ di tutto a patto che non sia cruento o triste. Un libro della mia giovinezza? Il buio oltre la siepe. Un libro dell’età matura? La versione di Barney.

Copertina libro storia di stella fortuna che morì sette o forse otto volte di: Juliet Grames

storia di stella fortuna che morì sette o forse otto volte

Autore: Juliet Grames

Editore: Harper-Collins

Argomento: Lettori curiosi

Prezzo: 19,50

Ievoli. Calabria. Anni venti. Questa è la storia di Stella Fortuna e della sua poverissima famiglia. Il destino costringerà lei, la mamma e la sorella a emigrare in America verso un futuro di fatica e difficoltà. Una storia appassionante con una protagonista affascinante ed estranea a qualsiasi schema o definizione. La storia di una famiglia come ce ne sono state tante. Una storia di forza e coraggio che non vi lascerà indifferenti.

Ievoli, Calabria, anni Venti. Per Stella Fortuna la morte è sempre stata parte della vita. La sua infanzia è costellata di inaspettati, quasi mortali incidenti avvenuti nei modi più strani. Anche la madre è convinta che sua figlia sia sotto l’influenza del malocchio. Nel piccolo villaggio in cui vivono, Stella è considerata strana perché è bellissima e intelligente, eppure fredda come il ghiaccio e sfrontata. Stella usa la sua forza per proteggere Tina, la sua sorellina, molto più debole e meno dotata di lei. Ma il carattere indomito della ragazza provoca le ire di suo padre Antonio, un uomo che pretende assoluta obbedienza dalle donne, e il cui più grande apporto alla famiglia consiste nella sua assenza. Quando i Fortuna, poco prima della Seconda Guerra Mondiale, decidono di emigrare, Stella e Tina devono affrontare insieme l’ostilità del Nuovo Mondo. E Stella capisce che dovrà combattere la sua stessa famiglia per essere indipendente. Ma nessuno sopravvive a così tante quasi-morti senza un motivo…

Juliet Grames è nata a Hartford, nel Connecticut, ed è cresciuta in un’affiatata famiglia italo-americana. Ha studiato a Oxford in Inghilterra e alla Columbia University di New York, laureandosi in Storia. Nel suo ruolo di editor, ha trascorso gli ultimi dieci anni alla Soho Press, dove è responsabile del marchio Soho Crime. “Storia di Stella Fortuna che morì sette o forse otto volte” è il suo primo romanzo.

Copertina libro l’angelo di Monaco di Fabiano Massimi

l’angelo di monaco

Autore: Fabiano Massimi

Editore: Longanesi

Argomento: Gialli e thriller

Prezzo: 18,00

Ispirato a un tragico evento messo a tacere all’epoca dei fatti: la morte avvenuta in circostanze misteriose e inquietanti a Monaco di Baviera, di Angela Maria Raubal, detta Geli, bellissima, vivace e affascinante ragazza, nipote prediletta di Adolf Hitler che con lei intratteneva una relazione morbosa ai limiti del lecito; o forse oltre i limiti del lecito. Un thriller storico incalzante, ricco di colpi di scena spiazzanti, popolato da coprotagonisti tristemente famosi, raccontato in una Monaco meravigliosa e squisitamente descritta. Un romanzo estremamente avvincente soprattutto perché, come scrive l’autore nella postfazione “luoghi, tempi, personaggi coinvolti e ipotesi avanzate sono tratti dalla cronaca, non dalla fantasia“.

Monaco, settembre 1931. Il commissario Sigfried Sauer è chiamato con urgenza in un appartamento signorile di Prinzregentenplatz, dove la ventiduenne Angela Raubal, detta Geli, è stata ritrovata senza vita nella sua stanza chiusa a chiave. Accanto al suo corpo esanime c’è una rivoltella: tutto fa pensare che si tratti di un suicidio. Geli, però, non è una ragazza qualunque, e l’appartamento in cui viveva ed è morta, così come la rivoltella che ha sparato il colpo fatale, non appartengono a un uomo qualunque: il suo tutore legale è «zio Alf», noto al resto della Germania come Adolf Hitler, il politico più chiacchierato del momento, in parte anche proprio per quello strano rapporto con la nipote, fonte di indignazione e scandalo sia tra le file dei suoi nemici, sia tra i collaboratori più stretti. Sempre insieme, sempre beati e sorridenti in un’intimità a tratti adolescenziale, le dicerie sul loro conto erano persino aumentate dopo che la bella nipote si era trasferita nell’appartamento del tutore. Sauer si trova da subito a indagare, stretto tra chi gli ordina di chiudere l’istruttoria entro poche ore e chi invece gli intima di andare a fondo del caso e scoprire la verità, qualsiasi essa sia. Hitler, accorso da Norimberga appena saputa la notizia, conferma di avere un alibi inattaccabile. Anche le deposizioni dei membri della servitù sono tutte perfettamente concordi. Eppure è proprio questa apparente incontrovertibilità dei fatti a far dubitare Sauer, il quale decide di approfondire. Le verità che scoprirà, così oscure da far vacillare ogni sua certezza professionale e personale, lo spingeranno a decisioni dal cui esito potrebbe dipendere il futuro stesso della democrazia in Germania…

Articoli simili:

I classici al Teatro Olimpico
sta per iniziare la 73ma edizione del ciclo di spettacoli classici al teatro olimpico di vicenza È stata presentata in conferenza stampa nella sempre superba cornice del Teatro Olimpico di Vicenza, geniale e imperante opera del Palladio, “il teatro ...
La moda medioevale in torre civica
Arte, colore e paesaggio, si uniscono grazie all’artista Emanuela Peretto. Artista e pittrice veneta, campionessa mondiale di bodypainting, che ama trasferire le emozioni nei suoi progetti, cercando di dare un messaggio di rispetto e sostenibilità, m...
Intervista a Maurizio Panici - il personaggio del mese
Ricominciamo dalla Commedia Castellana, in arrivo anche Roberto Ciufoli. Partita a Scacchi rinviata al 2021 La sua si può dire è una passione-missione per conto del teatro, una scelta affrontata da giovanissimo che l’ha portato a interpretare e di...
Quando leggere... ti mette le ali! - agosto 2020
Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello che si presenta così: “E’ un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate. Lavorare con i libri è il mestiere che svo...
Quando leggere... ti mette le ali! - luglio 2020
Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello che si presenta così: “E’ un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate. Lavorare con i libri è il mestiere che svo...
Intervista a Gigio Alberti - Il personaggio del mese
Da pochissimo ha finito una specie di esperimento sul canale Youtube, leggendo in 25 piccole puntate il libro di Federico Baccomo "Ma tu sei felice?". Gigio Alberti ha voluto proporre così, insieme a Claudio Bisio, una sorta di spettacolo per il pubb...
Condividi l'articolo:
Libreria Palazzo Roberti
palazzoroberti@occhi.it

La Libreria Palazzo Roberti rappresenta il punto di riferimento per tutti i lettori del bassanese. Aperta nel 1998, la sede è in un palazzo nobiliare del XVIII secolo, di proprietà della famiglia Manfrotto che tuttora gestisce la libreria al suo interno. Palazzo Roberti è un esempio pressoché unico nel panorama Italiano di grande libreria indipendente.

Nessun commento

Scrivi un commento..