Radicamento – Meditare per essere

Lo scorso numero di Occhi ha visto alcuni lettori scrivermi per l’articolo “Mente e Cuore…”, più che un articolo sulla meditazione è sembrato un’analisi della società moderna, un punto di vista su come sia la realtà in cui viviamo.

Lo voleva essere, certo, ma dal punto di vista di chi utilizza uno strumento come la meditazione per creare e espandere la consapevolezza propria e di coloro che a me si affidano per questo percorso. Il fatto che “insegni” (tra mille virgolette) a meditare non significa che sia una specie di anacoreta privo di contatti con la società o peggio che la meditazione, come per altro spesso si pensa, spenga l’intelletto di chi la pratica facendosi andar bene tutto quello che accade.
Tutt’altro!

La meditazione semmai apre gli occhi e li apre in un modo tale da non potersi più esimere poi dall’intraprendere un certo cammino. Come spesso si legge, le pratiche meditative trasformano.

Ed ecco il perché del mio articolo di questo mese: il radicamento.

Tra le leggende metropolitane, intorno alle pratiche meditative, una delle più dure a morire è quella che vede i meditatori come gente sulle nuvole, che praticando si estranea dalla realtà e, pressoché avulsi da essa, trascorrono una vita priva appunto di radici e spesso con un sorriso ebete  stampato sul volto.

Be’, ho brutte notizie per chi la pensa in questo modo. Direi piuttosto che è l’esatto contrario visto che radicandosi nella realtà, partendo dal corpo fisico e immergendosi in ogni e più sottile parte della propria esistenza, il meditatore prende contatto in maniera totale, radicale appunto, con tutto, con il Tutto. I più elementari metodi di meditazione insegnano a radicarsi nel corpo, facendolo diventare una solida base di partenza per la propria pratica, attraverso un capillare contatto con le proprie sensazioni e col ritmo del respiro. Una volta radicati si passa a sentire emozioni, pensieri contenuti della mente cercando di stare con se stessi, di essere con se stessi.

Nel normale corso della giornata invece, fateci caso, non si è mai con se stessi perché costantemente rapiti dai pensieri, dalle distrazioni, da un reticolo fittissimo di idee che come una ragnatela tessiamo nella nostra mente fino a rimanerne prede, immobilizzate e prive di vita cosciente.

Ci costruiamo una specie di galera immaginata nella quale ci segreghiamo e dalla quale non siamo più capaci di uscire in alcun modo e, così facendo, il nostro umore, il nostro stato d’animo diventa costante preda di queste situazioni auto-inflitte.

Se dovessi paragonare la meditazione a un mito dell’antica Grecia mi piacerebbe raccontarvi di Teseo e Arianna. Arianna tiene il celeberrimo filo che permette a Teseo di scendere nelle profondità del labirinto di Cnosso e di tornare alla luce dopo aver affrontato il proprio inconscio tenebroso, il Minotauro.

Scendere in profondità in se stessi senza prima aver la capacità di radicarsi bene nel presente è inutile e forsanche dannoso, ecco il motivo per cui è necessaria una pratica di consapevolezza ed ecco perché, il meditatore serio e disciplinato, può affrontare il Minotauro con qualche chance in più di farcela.

Auguro a tutti una sereno rientro e chissà che il sopraggiungente inverno sia di miglior auspicio rispetto ai mesi passati troppo carichi di ansia e preoccupazione.

Vorresti leggere altri articoli su questo argomento, oppure sei interessato a capire meglio chi sono e di cosa mi occupo?

Articoli simili:

Meditare è un atto rivoluzionario - Meditare per essere
Troppo spesso, e a torto, si pensa alla meditazione come una pratica debole dove chi medita è paragonato a una persona remissiva, docile, priva di forza e per questo si chiude in sé quasi a scappare dal mondo.Nulla di tutto questo… anzi!In questo mio...
Meditare: dove e quando - Meditare per essere
Spesso il dialogo con i miei allievi, ma anche con altri formatori, cade sull’argomento: quando meditare e dove meditare. Quindi capire qual è il momento e il luogo ideale a cui dedicare la propria pratica di meditazione è piuttosto importante, non s...
La pazienza e altre qualità- Meditare per essere
Non trascorre giorno ormai senza che ci giunga all’orecchio una notizia che genera in noi difficoltà, tensione, ansia. Il mondo dei media sommato a quello dei social sembrano a volte stritolarci in una morsa letale da cui pare quasi impossibile riaff...
Medita 42 - Meditare per essere
È notte, sono esattamente le 21.52 dell’8 gennaio e, da qualche ora, ha avuto inizio a: “La Casa del Tempo” di Bassano del Grappa, un evento particolare, unico nel suo genere… forse unico al Mondo. Sto scrivendo questo articolo proprio dal luogo in c...
Tecnologia e Meditazione - Meditare per essere
Questa rubrica compie due anni, e ciò vi assicuro ha per me dell’incredibile.Vi scrivo da questa rivista da due anni ma, a dire il vero, mi pare di aver appena iniziato e sento sempre la stessa emozione per il privilegio di poter comunicare con tante...
La Paura… - Meditare per essere
È il tempo della Paura, inutile nasconderlo, inutile mascherarlo. Come più volte affermò l’immenso Emanuele Severino, una delle più brillanti menti del secolo scorso, le parole custodiscono una saggezza nascosta che nasce ancor prima del loro sign...
Condividi l'articolo:
Demetrio Battaglia
[email protected]

Demetrio Battaglia. Ricercatore, scrittore e informatico. Vorresti leggere altri articoli su questo argomento, oppure sei interessato a capire meglio chi sono e di cosa mi occupo? Visita il mio sito.

No Comments

Post A Comment