Whatsapp, Telegram e Signal: quanto sono “sicuri”?

Oggi parliamo di sicurezza in relazione a WhatsApp, Telegram e Signal, le App di messaggistica più diffuse in Italia. Nei giorni scorsi, soprattutto a causa della modifica delle condizioni di trattamento dei dati in WhatsApp, si è molto discusso della sicurezza dei dati. In molti, in particolare, hanno suggerito di passare a Signal, apparentemente più sicura. Ma Signal è davvero “più sicura” di WhatsApp e di Telegram?

Dipende da cosa intendiamo per “sicura”. Se alludiamo alla protezione dei dati durante il flusso dei dati in internet e rispetto all’azienda che eroga il servizio, allora sicuramente Signal, rispetto alle concorrenti, si dimostra preferibile: applica un protocollo di criptazione open source (più “trasparente”), di tutte le comunicazioni, dei metadati collegati e dei backup, e richiede all’utente solo il numero di telefono e l’identificativo, ovvero lo stretto necessario per funzionare. E non è di Facebook, come WhatsApp.

Da questo punto di vista, peraltro, anche Telegram si difende bene: non è di Facebook, ha chat segrete e offre profili di sicurezza elevati, sebbene raccolga più dati di Signal e non preveda la cifratura di default. WhatsApp, dal canto suo, sebbene garantisca la crittografia, pretende l’accesso a molti dati personali e li condivide con l’azienda madre Facebook, che non brilla per trasparenza. Da questo punto di vista, pertanto, Signal è senz’altro “più sicura”.

Se, tuttavia, alludiamo alla sicurezza come garanzia di riservatezza del messaggio rispetto alla conoscibilità da parte di terzi indesiderati, allora le considerazioni cambiano, e le tre App si pongono sullo stesso piano.

Mi spiego meglio. Noi utilizziamo le App di messaggistica nella convinzione che vi sia una sola persona dall’altra parte. Queste App, tuttavia, non mettono in contatto persone fisiche ma “utenti”, ovvero identità virtuali create a livello informatico. E dietro un utente, come ben sappiamo, non solo può esservi chiunque, ma possono esservi anche più persone, con inevitabile danno alla riservatezza e sicurezza delle nostre conversazioni. Per capirci:

il telefono della persona a cui scrivete potrebbe essere stato perso, rubato, clonato o utilizzato (lecitamente) da una terza persona (es: il genitore);

lo schermo del telefono potrebbe essere visibile anche ad altre persone (es: se il vostro destinatario è in compagnia di amici);

i vostri messaggi potrebbero essere screenshottati e inviati ad altre persone o, addirittura, condivisi in rete. Occorre tener presente, sotto questo profilo, che gli screenshot sono utilizzatissimi nella vita reale e ampiamente prodotti in sede processuale.

Concludendo: se siete preoccupati per la sicurezza dei dati nelle operazioni di trattamento da parte dell’operatore, allora Signal fa sicuramente al caso vostro, al “prezzo” di una minor diffusione rispetto alle concorrenti WhatsApp e Telegram.

Se, invece, vi state chiedendo se queste App garantiscano la riservatezza dei vostri messaggi, allora sappiate che nulla di quanto viene condiviso in rete è “blindato”. E l’anello più debole della catena della sicurezza delle nostre chat, il più delle volte, non è costituito dallo strumento utilizzato ma da come lo utilizziamo. L’anello più debole, in sostanza, siamo noi.

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

Editoriale novembre 2021
Non è facile parlare di un tema così importante come quello della violenza sulle donne senza cadere nella retorica o nella banalità. Noi di OCCHI negli ultimi anni abbiamo sempre dedicato uno spazio speciale al 25 novembre, giornata mondiale contro l...
PHISHING: a pesca delle nostre password
Tutti noi abbiamo sentito parlare di "phishing". A volte in un avviso della banca, altre volte in corsi di formazione, altre volte in email di avviso provenienti da servizi web a cui ci siamo registrati. E abbiamo imparato che si tratta di una truffa...
A&A – Saul Costa e Fabio Zonta
Abbiamo scoperto il valore salvifico dell’arte in tutte le sue declinazioni solo nel momento in cui questa ci è stata tolta. Dopo le chiusure imposte dalla pandemia in tanti è emerso il desiderio prepotente di riempiersi gli occhi e la mente del bell...
Spazio donna e la rete di associazioni antiviolenza
La violenza contro le donne non conosce età, classe sociale, formazione scolastica: è trasversale e soprattutto è un problema reale e sempre attuale. Le statistiche nazionali parlano chiaro: nel 2020 a seguito della pandemia e del lock down vi è stat...
Associazione ARES Aps
Sembra sempre impossibile fino a quando non viene fatto.Nelson MandelaCosa è il centro Ares?L’Associazione Ares è un Centro per il trattamento psicologico e rieducativo di uomini autori di violenza domestica attivo a Bassano del Grappa, in provincia ...
Spazio Zen - Novembre 2021
L’episodio di Giulia, la ventenne universitaria dell’Università di Bologna, che ha interrotto la lezione di filosofia, come forma di lotta contro il green pass, mi ha fatto venire in mente i miei esordi universitari a Padova. Proprio alla facoltà di ...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment