Whatsapp, Telegram e Signal: quanto sono “sicuri”?

Oggi parliamo di sicurezza in relazione a WhatsApp, Telegram e Signal, le App di messaggistica più diffuse in Italia. Nei giorni scorsi, soprattutto a causa della modifica delle condizioni di trattamento dei dati in WhatsApp, si è molto discusso della sicurezza dei dati. In molti, in particolare, hanno suggerito di passare a Signal, apparentemente più sicura. Ma Signal è davvero “più sicura” di WhatsApp e di Telegram?

Dipende da cosa intendiamo per “sicura”. Se alludiamo alla protezione dei dati durante il flusso dei dati in internet e rispetto all’azienda che eroga il servizio, allora sicuramente Signal, rispetto alle concorrenti, si dimostra preferibile: applica un protocollo di criptazione open source (più “trasparente”), di tutte le comunicazioni, dei metadati collegati e dei backup, e richiede all’utente solo il numero di telefono e l’identificativo, ovvero lo stretto necessario per funzionare. E non è di Facebook, come WhatsApp.

Da questo punto di vista, peraltro, anche Telegram si difende bene: non è di Facebook, ha chat segrete e offre profili di sicurezza elevati, sebbene raccolga più dati di Signal e non preveda la cifratura di default. WhatsApp, dal canto suo, sebbene garantisca la crittografia, pretende l’accesso a molti dati personali e li condivide con l’azienda madre Facebook, che non brilla per trasparenza. Da questo punto di vista, pertanto, Signal è senz’altro “più sicura”.

Se, tuttavia, alludiamo alla sicurezza come garanzia di riservatezza del messaggio rispetto alla conoscibilità da parte di terzi indesiderati, allora le considerazioni cambiano, e le tre App si pongono sullo stesso piano.

Mi spiego meglio. Noi utilizziamo le App di messaggistica nella convinzione che vi sia una sola persona dall’altra parte. Queste App, tuttavia, non mettono in contatto persone fisiche ma “utenti”, ovvero identità virtuali create a livello informatico. E dietro un utente, come ben sappiamo, non solo può esservi chiunque, ma possono esservi anche più persone, con inevitabile danno alla riservatezza e sicurezza delle nostre conversazioni. Per capirci:

il telefono della persona a cui scrivete potrebbe essere stato perso, rubato, clonato o utilizzato (lecitamente) da una terza persona (es: il genitore);

lo schermo del telefono potrebbe essere visibile anche ad altre persone (es: se il vostro destinatario è in compagnia di amici);

i vostri messaggi potrebbero essere screenshottati e inviati ad altre persone o, addirittura, condivisi in rete. Occorre tener presente, sotto questo profilo, che gli screenshot sono utilizzatissimi nella vita reale e ampiamente prodotti in sede processuale.

Concludendo: se siete preoccupati per la sicurezza dei dati nelle operazioni di trattamento da parte dell’operatore, allora Signal fa sicuramente al caso vostro, al “prezzo” di una minor diffusione rispetto alle concorrenti WhatsApp e Telegram.

Se, invece, vi state chiedendo se queste App garantiscano la riservatezza dei vostri messaggi, allora sappiate che nulla di quanto viene condiviso in rete è “blindato”. E l’anello più debole della catena della sicurezza delle nostre chat, il più delle volte, non è costituito dallo strumento utilizzato ma da come lo utilizziamo. L’anello più debole, in sostanza, siamo noi.

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

EMAIL: L'anello debole della catena
Il termine email, traducibile con “posta elettronica”, ha tre distinti significati, collegati tra loro:1) può indicare, in generale, il servizio di posta elettronica, sostanzialmente identificabile con caselle postali digitali ospitate nei server di ...
L'Italia da Scoprire – Il campeggio diventa glamour
C’è una nuova tendenza nel turismo che si sta diffondendo sempre di più tra gli amanti della natura e delle vacanze all’aria aperta: il glamping. Il termine nasce dalla fusione tra “glamour” e “camping” ed è la nuova frontiera del benessere outdoor. ...
Algoritmi "intelligenti" – Nodi di valore
La volta scorsa abbiamo iniziato a parlare di intelligenza artificiale e, tra le altre considerazioni, di alcuni grandi dilemmi che il suo sviluppo e utilizzo pone a noi esseri umani. Questo mese vogliamo offrire un paio di strumenti che possono aiut...
Spazio Zen - Maggio 2022
C’è un pensatore italiano del ‘700 che pochi conoscono. E che raramente viene proposto a scuola. Parlo di Giambattista Vico. Il quale, studiando la storia nella sua opera la “Scienza Nuova”, arriva a supporre che politica derivi tanto da pòlis, da cu...
Cedimento Cutaneo e Atonia
QUANDO LA PELLE DEL CORPO MOSTRA I SEGNI DELL’ETA’Rituale Berbero HammamSe su un corpo giovane la pelle secca è antiestetica e ruvida, e rappresenta semplicemente una sgradevolezza al tatto o qualche problema per la depilazione, quando si raggiunge u...
70+40+190= 300 storie POP – “I cuchi: la passione del valente stampatore”
L’accoglienza cordiale e la comprovata conoscenza della materia da parte di Gianfranco Valente accompagnano l’immancabile stupore di chi varca la soglia del Museo dei Cuchi di Cesuna. Ospitato nell’ex scuola elementare e inaugurato ufficialmente nel...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment