Bavarese alle fragole al profumo di rosmarino – @clelia bakery

“… e si potevano mangiare anche le fragoleeee…”

Avete riconosciuto la canzone di Vasco Rossi?

La canticchio sempre quando in Aprile, tornano sui banchi del mercato quei bei cestini ricchi di frutti rossi e profumati. Per celebrarle, ho preparato questa strepitosa ricetta in cui le fragole sono protagoniste, accompagnate al profumo del rosmarino fiorito.

Si tratta di una bavarese, semplice da realizzare, senza gelatina o colla di pesce, ma con l’agar agar, un addensante di origine vegetale.

Ecco a voi la ricetta.

Ingredienti:

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 130 ml di latte
  • 200 ml di panna liquida fresca
  • 8 gr di agar agar
  • 100 gr di fragole (al netto degli scarti)
  • 80 gr di zucchero
  • 1 rametto di rosmarino

Procedimento:

Pulire le fragole, tagliarle a pezzi e frullarle con lo zucchero (si avrà così un risultato più fine).

In un pentolino versare la panna liquida, il rosmarino e l’agar agar, mescolare e portare a circa 90° (poco prima del bollore).

Il potere addensante dell’agar agar infatti si attiva con il calore.

Togliere dal fuoco e mescolare bene per qualche minuto con una frusta a mano, in modo da raffreddare leggermente il composto. Eliminare il rametto di rosmarino che avrà rilasciato il proprio aroma.

Aggiungere la purea di fragole e zucchero e mescolare bene.

Trasferire negli stampini monoporzione bagnati con poca acqua (preferibili in silicone per sformare meglio le bavaresi).

Riporre in frigorifero per almeno 5/6 ore, in modo che le piccole monoporzioni si solidifichino.

Sformare poco prima di servire e guarnire a piacere con panna montata e fragole.

Suggerimenti:

Suggerisco una variante eliminando il rosmarino, se non gradito, ed usando latte di cocco. Sostituendo la panna fresca con una di origine vegetale, si potrà ottenere una versione completamente vegana.

Le fragole possono essere sostituite dalla vostra frutta fresca di stagione preferita, rispettando le dosi sopra riportate.

Articoli simili:

Muffin alle nocciole e avocado - @sonietta_gipsysoul
Vi piace l'avocado? Io lo adoro e premetto che preferibilmente lo consumo crudo con un goccino di limone. Però in cucina tutto è possibile e ho voluto provarlo anche in un impasto dolce da cuocere in forno, come fonte di grassi buoni a sostituire bur...
Quando il vino è amore
È buio da poco, ancora intravedo il dolce profilo delle colline marchigiane, ma soffia un vento freddo che mi sbatte in faccia una pioggerellina ghiacciata e io sto armeggiando con un grosso lucchetto per aprire il pesante cancello che ho davanti. Il...
Paolina – Storia di un capolavoro
Prende il via la mostra Paolina. Storia di un capolavoro, al Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno dal 19 marzo al 30 maggio 2021. Questa iniziativa inaugura le celebrazioni propedeutiche agli anniversari canoviani del 2022, anno in cui infatt...
Asparago Bianco di Bassano – La delizia sulle nostre tavole
Aprile, per i bassanesi e i cittadini del circondario, vuol dire Asparago Bianco DOP (la stagione per la precisione inizia sempre il 19 marzo festa di San Giuseppe e termina il 13 giugno con Sant’Antonio).Il sole comincia a scaldare le giornate rese ...
Ovetti di cioccolato con ripieno di fragole e zababione al vin santo - @clelia bakery
Pasqua è vicina! Ed io vi propongo questi golosi ovetti di cioccolato che nascondono, ovviamente, una sorpresa: un cuore di fragole e un ripieno di cremosissimo zabaione al vin santo!Si tratta di una crema versatile ed adatta ad accompagnare anche un...
Mini cake mimosa - @sonietta_gipsysoul
Se penso alla primavera mi vengono in mente mille colori, sfumature e tinte pastello, l'aria nuova frizzante e dolcetti leggeri da offrire a colazione assieme a una ventata di buonumore. Ecco come sono nate queste mini cake! E per la mimosa fiorita ...
Condividi l'articolo:
Cristina
[email protected]

Cristina, vicentina, con una grande passione per la pasticceria e il digital marketing. Da qui è nata l’idea di creare un account instagram @cleliabakery, che parla appunto di pasticceria, ma utilizza il nuovo strumento dei social per entrare in contatto con appassionati come me! Perchè questo nome? Perchè Clelia era la mia mamma, che adorava i dolci, e mi ha insegnato che preparare qualcosa di buono per le persone che hai accanto è un gesto d’amore che scalda il cuore. Vi aspetto sul mio profilo Instagram per tante ricette da preparare insieme!

No Comments

Post A Comment