Quando il vino è amore

È buio da poco, ancora intravedo il dolce profilo delle colline marchigiane, ma soffia un vento freddo che mi sbatte in faccia una pioggerellina ghiacciata e io sto armeggiando con un grosso lucchetto per aprire il pesante cancello che ho davanti. Il telefonino si illumina e mi appare il messaggio che attendevo: “Ciao Gianfranco! Le chiavi sono nella terza scatola dietro alla cassetta delle poste, il codice è 23789, in casa troverai qualcosa per prepararti una cena e la cantinetta ben fornita. Domattina alle 9 Alessandro ti porterà a visitare i vigneti e la cantina e poi arrivo io per la degustazione e il pranzo. Buona serata, ci vediamo domani! Silvia”.

Fino alla mattina successiva non mi rendo conto di cosa ho attorno, sento solo un forte vento che si infila tra i serramenti e che mi tiene compagnia tutta la notte nonostante io abbia fatto un abbondante uso della “cantinetta ben fornita”. Quando mi sveglio il paesaggio è magico, colline dolci dove, l’alternarsi di diverse coltivazioni, rende l’orizzonte una scacchiera multicolore.

Articolo a cura di Gianfranco Cipresso

Bassanese, da 30 anni lavoro nel mondo del vino, per passione, per divertimento e soprattutto per condivisione. Sono convinto che le belle persone fanno il vino buono.

Gianfranco Cipresso

Mi trovo a Pievalta, una piccola cantina posata su un poggio a Maiolati Spontini, un borghetto in provincia di Ancona. L’aria fredda ci perseguirà tutta la mattina, durante la visita ai vigneti: “È la Bora” dice Alessandro, il vento che scende da nord-est e che porta il mare fin dentro le piccole valli dei castelli di Jesi, lo stesso vento che trasporta il sale e lo iodio e lo deposita sugli acini di Verdicchio, rendendo questo vitigno legato al suo territorio in modo simbiotico.

Conosco Alessandro e Silvia da 20 anni, ma li ho conosciuti in un’altra loro vita. Lui, nel 2001, è un giovane enologo che lavora da poco in una famosa cantina della Franciacorta. Lei, nello stesso periodo, è dapprima impiegata in una distribuzione di vini con la quale collaboravo all’epoca e successivamente dipendente della stessa cantina bresciana dove lavora Alessandro. Ed è nei corridoi tra ufficio e cantina che tra i due nasce l’amore. Ma il loro giovane rapporto viene messo presto alla prova: nel 2002 l’azienda di Franciacorta acquisisce una cantina nelle Marche e viene chiesto ad Alessandro di dirigerla per convertire la produzione di grandi quantità d’uva per pianta e conseguenti vini modesti in un progetto di sostenibilità, selezione e soprattutto qualità.

La scelta che la coppia deve affrontare non è facile, l’amore o un nuovo ambizioso progetto? Decidono di mettersi alla prova. Alessandro si trasferisce e Silvia, nei quattro anni successivi, impara a conoscere ogni centimetro della E45, strada che percorre quasi ogni settimana per trascorrere il week end con il suo compagno. Nel frattempo, Pievalta cresce e quando c’è la necessità di aumentare la squadra viene chiesto a Silvia di affiancare Alessandro, permettendo loro di diventare una coppia nella vita e anche nel lavoro.

Adesso li ho ritrovati nella loro nuova vita, sposati e con un bimbo di cinque anni. Assieme dirigono questa cantina e il loro amore non se lo sono tenuto tutto in casa, ma lo hanno rivolto anche all’esterno, lo mettono in quello che fanno tutti i giorni, nel rispetto della natura e della terra che li ospita, nella delicatezza con la quale fanno i loro vini, nella gentilezza con la quale ti ospitano.

In Pievalta hanno subito deciso di affrontare la viticultura in modo biologico prima e in modo biodinamico poi. Quando Alessandro ti fa vedere le vigne capisci che le considera esseri viventi che meritano rispetto e attenzione, che hanno bisogno di equilibrio e amore. La stessa sensazione la percepisci assaggiando i vini dalle vasche e dalle botti nei quali ritrovi un perfetto collegamento tra il vitigno e il suo terroir.

Passione uguale la trovi quando Silvia ti fa assaggiare i vini in bottiglia e ti racconta la storia di ogni annata e di ogni vigneto. Lo fa con quella cadenza bresciana che non è ancora svanita, ma che condisce con qualche cenno di dialetto marchigiano.

Dei vini che più mi hanno colpito in questa visita uno è sicuramente il Verdicchio Riserva Castello di Jesi “San Paolo”: un bianco di grande struttura, minerale e sapido. Al naso richiama i fiori secchi, un cenno di camomilla e una nota di agrumi persistente. Un buon abbinamento per un risotto ai funghi, spettacolare con un panino con la porchetta.

L’altro è il Verdicchio Dominé, ma nella versione che ho assaggiato dalla botte in anteprima, un vino ottenuto anche grazie a una parziale macerazione delle bucce. Andrà in bottiglia tra poco, ma vi assicuro che si tratta di un vino succoso, fresco e con un leggero nervo dato dal tannino ceduto dalle bucce. Una bottiglia che avrà sicuramente una grande longevità e che farà parlare di sé.

Silvia e Alessandro non hanno avuto vita facile, inserirsi in una comunità fatta di piccoli borghi è sempre difficile quando sei “forestiero” e nelle vigne fai cose “strane”. Ma piano piano, con la loro gentilezza sono riusciti a conquistarsi questa piccola fetta di paradiso. Merito dell’amore. Prosit!

Articoli simili:

Delizia morbida cioccolato e pere - @clelia bakery
Questo mese vi propongo uno degli abbinamenti più famosi ed apprezzati, per creare un dolce tanto semplice da realizzare, quanto scenografico. Il gusto deciso del cioccolato fondente abbinato alla morbidezza delle pere di stagione, glassate al miele!...
Pullapart al cioccolato - @sonietta_gipsysoul
Un pane dolce, dalla form molto particolare che ricorda una fisarmonica; è simile a un pan brioche ma arricchito con taaaanto cioccolato. “Pull apart” significa separabile, si staccano i pezzi come una sfoglia e si gustano in allegria!
Apple Pie - @clelia bakery
Ottobre: l'aria si fa più frizzantina, e cosa c'è di meglio che concedersi una pausa dolce, accompagnata da una tisana o un caffè caldo?Magari davanti alle prime fiamme del camino, guardando fuori le foglie che cadono.Questa torta di mele è proprio q...
Pancake alla zucca con ripieno di mele - @sonietta_gipsysoul
PANCAKE ALLA ZUCCA CON RIPIENO DI MELE – @SONIETTA_GIPSYSOUL
Plumcake Zebrato al the matcha - @sonietta_gipsysoul
Pochi semplici ingredienti ma assolutamente in sintonia tra loro per questo dolce sofficissimo e così morbido che quando mordi una fetta si scioglie in bocca.Provatelo...Vi piacerà! Ingredienti: 2 uova40 gr di eritritolo o zucchero1 cucchiai...
Ciambella marmorizzata ai fichi neri - @clelia bakery
Settembre: un nuovo inizio, nuovi propositi, un ritorno ai propri ritmi! Perché non regalarci la giusta energia con un abbinamento perfetto per questa stagione? Fichi e cioccolato! In una ciambella super golosa da preparare sia nel forno tradizionale...
Condividi l'articolo:
Gianfranco Cipresso
[email protected]

Bassanese, da 30 anni lavoro nel mondo del vino, per passione, per divertimento e soprattutto per condivisione. Sono convinto che le belle persone fanno il vino buono.

No Comments

Post A Comment