Challenge: quando il gioco può finire in tragedia.

A gennaio scorso la morte per soffocamento di una bambina palermitana di 10 anni ha scosso i media nazionali e internazionali: la piccola aveva partecipato a una “challenge” su TikTok, una sfida ad arrivare al limite dell’autosoffocamento legandosi una corda al collo. Lei, nel bagno di casa, aveva scelto quella del proprio accappatoio. Cosa sono le challenge? Che ruolo ha TikTok? Cosa possiamo fare per evitare che possa ricapitare?

Le challenge. Il termine “challenge” significa “sfida” e indica, oggi, un fenomeno molto diffuso tra i giovani attraverso la condivisione di video in diversi canali social: da YouTube a Facebook, da Instagram a TikTok. A volte si tratta di sfide di abilità, come la “Crossbar Challenge”, che prevede il tentativo di colpire con una pallone la traversa di una porta da calcio, o la “Flip Bottle Challenge”, sfida a lanciare in aria un bottiglietta e farla atterrare in piedi. Altre volte le challenge sono demenziali e pericolose: la “Skullbreaker Challenge”, ad esempio, ove due ragazzi fanno lo sgambetto a un terzo ragazzo facendogli battere la testa a terra, o la “Planking Challenge”, che prevede che ci si sdrai in mezzo alla strada e ci si sposti solo qualche attimo prima di essere investiti. Tra queste, la “Blackout Challenge”, a cui ha partecipato la piccola palermitana: sfida a legarsi una corda al collo e a liberarsi solo poco prima di perdere i sensi.

Perchè i ragazzi vi partecipano? Non c’è una risposta. A volte è un modo per fare parte del gruppo, altre volte un sistema per attirare l’attenzione. Altre volte ancora, solo una sciocca sfida di coraggio. In questo triste contesto, in cui i ragazzi utilizzano uno strumento straordinario come Internet per confrontarsi nelle azioni più demenziali e pericolose, i social network assumono importanza fondamentale perché rappresentano le piazze virtuali che loro frequentano. TikTok, da questo punto di vista, la fa senz’altro da padrone: quasi la metà dei suoi utenti ha un’età compresa tra i 16 e i 24 anni e le challenge costituiscono uno dei suoi poli di attrazione.

Cosa possiamo fare per evitare che ricapiti? Ci sono varie strade percorribili per combattere contro questo fenomeno. Agire giudizialmente contro TikTok e i social che veicolano queste sfide, ad esempio, oppure denunciare per istigazione al suicidio tutti coloro che, a vario titolo, invitino i ragazzi a parteciparvi. A mio avviso, tuttavia, il modo più efficace per evitare che un ragazzo cada in questa Rete di sfide è duplice.

1. Rispetto dei limiti di età indicato dalle stesse aziende. TikTok, ad esempio, ha un’età minima di utilizzo di 13 anni, mentre i più diffusi WhatsApp e Youtube richiedono, rispettivamente, 16 e 18 anni. Il problema è che tali limiti vengono agevolmente e continuamente raggirati dai giovani utenti indicando, in fase di installazione, un’età differente. Sotto questo profilo è senz’altro responsabilità del genitore attivarsi affinché il figlio rispetti tali limiti.

2. Formazione e informazione: un’attività di informazione e formazione educativa, da questo punto di vista, è, nella mia esperienza professionale, il più efficace strumento di prevenzione, perché permette ai ragazzi di capire quali possano essere le conseguenze dei loro gesti. Un consiglio finale? Fate rispettare ai vostri figli i limiti di età previsti dai social e attivatevi affinché la vostra scuola preveda dei percorsi di formazione sui rischi della Rete.

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

Editoriale novembre 2021
Non è facile parlare di un tema così importante come quello della violenza sulle donne senza cadere nella retorica o nella banalità. Noi di OCCHI negli ultimi anni abbiamo sempre dedicato uno spazio speciale al 25 novembre, giornata mondiale contro l...
PHISHING: a pesca delle nostre password
Tutti noi abbiamo sentito parlare di "phishing". A volte in un avviso della banca, altre volte in corsi di formazione, altre volte in email di avviso provenienti da servizi web a cui ci siamo registrati. E abbiamo imparato che si tratta di una truffa...
A&A – Saul Costa e Fabio Zonta
Abbiamo scoperto il valore salvifico dell’arte in tutte le sue declinazioni solo nel momento in cui questa ci è stata tolta. Dopo le chiusure imposte dalla pandemia in tanti è emerso il desiderio prepotente di riempiersi gli occhi e la mente del bell...
Spazio donna e la rete di associazioni antiviolenza
La violenza contro le donne non conosce età, classe sociale, formazione scolastica: è trasversale e soprattutto è un problema reale e sempre attuale. Le statistiche nazionali parlano chiaro: nel 2020 a seguito della pandemia e del lock down vi è stat...
Associazione ARES Aps
Sembra sempre impossibile fino a quando non viene fatto.Nelson MandelaCosa è il centro Ares?L’Associazione Ares è un Centro per il trattamento psicologico e rieducativo di uomini autori di violenza domestica attivo a Bassano del Grappa, in provincia ...
Spazio Zen - Novembre 2021
L’episodio di Giulia, la ventenne universitaria dell’Università di Bologna, che ha interrotto la lezione di filosofia, come forma di lotta contro il green pass, mi ha fatto venire in mente i miei esordi universitari a Padova. Proprio alla facoltà di ...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment