Tutto nelle tue mani

La vita va così: si dondola. Tra il caso e la volontà, tra il destino e il progetto, ma soprattutto tra il fatalismo e la speranza.

Non c’entra nulla il dopo e non c’entra nulla il prima. Non c’è una vera motivazione di causa-effetto che ti spinge a essere sempre in prima linea per provare a essere il meglio che sei, senza dare importanza alla fatica sopportata.

Provare a essere il meglio che sei è la vita. Non c’è altro modo di viverla. Nemmeno quando hai il mal di denti. Nemmeno se stai morendo. Figuriamoci quando stai bene.

L’opera d’arte che ti è stata data in dote è un blocco di marmo informe.Intorno: il nulla. Nessuno spettatore pagante o gratuito.

A nessuno, in realtà, interessa la tua opera.

Esiste solo la volontà di essere tutto quello che puoi essere, al cento per cento, in quel momento e in tutti momenti successivi. Senza rimpianti, se non quello di ripromettersi che il prossimo momento tenterai di essere ancora di più quello che sei.

Perché, in verità, la tua essenza non è quello che fai, ma come lo fai. Comprendere e presupporre che sei uomo compiuto solo quando capisci che la morte inizia con la rinuncia a provare, e che il destino è scritto solo per quelli che sono già morti.

Per quanto difficile e pesante sia prendersi la responsabilità, no, non tornerei indietro.

A morire fai sempre in tempo.

Articoli simili:

Quando il vino è storia
Arrivo all’indirizzo che mi hanno indicato e non penso di essere nel posto giusto.Invece del classico casale di campagna in mezzo ai vigneti sono nel centro di Canelli, una cittadina in provincia di Asti, davanti ad un portone di un palazzo in stile ...
Editoriale Maggio 2021 | Anna Zaccaria
Ci risiamo l’Italia comincia a riaprire alcune delle attività sacrificate in questi lunghi mesi invernali … ma ricordiamolo non è un liberi tutti! La Sardegna lo insegna, in un attimo si può passare da una situazione di controllo di zona bianca al ro...
Quando il vino è amore
È buio da poco, ancora intravedo il dolce profilo delle colline marchigiane, ma soffia un vento freddo che mi sbatte in faccia una pioggerellina ghiacciata e io sto armeggiando con un grosso lucchetto per aprire il pesante cancello che ho davanti. Il...
Editoriale Aprile 2021 | Anna Zaccaria
Diciamolo… solo a sentir parlare di colori ci vengono i brividi… giallo, arancione, rosso… al venerdì siamo in attesa di news, al lunedì cerchiamo di capire cosa si può fare e cosa no e già a partire dal mercoledì ci troviamo a sperare in buone news ...
Quando il vino è nel destino
Anch’io, come molti, mi sono trovato a fare un lavoro che non avrei mai pensato. Ho studiato per fare una cosa e poi il fato, la passione, le necessità e le opportunità mi hanno portato a fare un percorso diverso. Penso siano molti quelli che negli a...
Editoriale Marzo 2021 | Anna Zaccaria
Chi l’avrebbe detto un anno fa … Siamo ancora qui! diceva il Vasco nazionale … Questo virus non ci ha ancora lasciato, anzi cerca nuovamente di alzare la testa. Le regole le conosciamo bene e, diciamolo, non ci piacciono tanto: chiusure, distanziamen...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
[email protected]

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

No Comments

Post A Comment