Quando leggere… ti mette le ali! – luglio 2021

logo palazzo roberti

Recensioni a cura di Anna Bertoncello,

Libreria Palazzo Roberti – Bassano del Grappa –

“Leggere ci dà un posto dove andare
quando dobbiamo restare dove siamo”.

(Mason Cooley)

Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello, che si presenta così:

È un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate.

Lavorare con i libri è il mestiere che svolgo da una vita, è una continua avventura che nel corso degli anni mi ha regalato enormi soddisfazioni. Ho sempre considerato un privilegio vivere ogni giorno circondata dai libri e un’altra cosa che mi appassiona è il quotidiano socializzare con una grande varietà di persone provenienti da ogni dove.

Amo soprattutto i libri illustrati per bambini e i romanzi ricchi di umanità, la loro lettura mi fa sentire una persona diversa e migliore. Auguro anche a voi la stessa sensazione. Buon libro a tutti!

LA SOSTANZA INSTABILE

Autore: Giulia Lombezzi

Editore: Guido Perrone

Prezzo: 18,00

Le ferite dopo un trauma rischiano di non rimarginarsi se non vengono curate, lo sanno bene Marco, Serena e Caterina che si troveranno a fare i conti con una notte che li cambierà per sempre. Dovranno affrontare il dolore che hanno vissuto, misurarsi con le conseguenze che ha provocato dentro di loro e trovare tanto coraggio. Un romanzo sulle fragilità delle reazioni, un libro meraviglioso!

Estate. Gli Europei proiettati in una celebre piazza di Milano. Migliaia di tifosi, riuniti insieme a guardare l’Italia. Un’esplosione. Il panico di massa che dilaga. Dentro la folla inferocita che si calpesta per salvarsi, tre personaggi, Marco, Serena e Caterina, si troveranno a dover fare i conti con una notte che li cambierà per sempre. Cosa succede quando ci troviamo all’interno di una moltitudine? Quali meccanismi collettivi prendono il sopravvento sulla razionalità individuale? E quali parti di noi, se stimolate dalla paura, sono capaci di risvegliarsi?

Giulia Lombezzi, autrice e regista teatrale, nasce a Milano nel 1987. I suoi testi vanno in scena in tutta Italia, in Svezia, in Polonia e in Iran. Nel 2017 vince la borsa di studio della scuola Belleville col racconto La vita è un gioco. L’anno successivo vince il concorso “Il titolo e altri racconti” con Fuga in fa maggiore. La sostanza instabile, finalista al premio Calvino 2020, è il suo primo romanzo.

IL PANE PERDUTO

Autore: Edith Bruck

Editore: La nave di Teseo

Prezzo: 16,00

L’ultimo ricordo della sua infanzia spezzata a pochi giorni dal suo 13° compleanno, è il pane che sua madre stava infornando quando i soldati li portarono via per condurli ad Auschwitz. Ogni pagina è un colpo al cuore, ogni parola è una riflessione poiché ogni crudeltà e mostruosità umana alla fine viene perdonata. Un libro sull’importanza della Memoria e della testimonianza, un libro per non dimenticare.

Per non dimenticare e per non far dimenticare, Edith Bruck, a 60 anni dal suo primo libro, sorvola sulle ali della memoria eterna i propri passi, scalza e felice con poco come durante l’infanzia, con zoccoli di legno per le quattro stagioni, sul suolo della Polonia di Auschwitz e nella Germania seminata di campi di concentramento. Miracolosamente sopravvissuta con il sostegno della sorella più grande Judit, ricomincia l’odissea. Il tentativo di vivere, ma dove, come, con chi? Dietro di sé vite bruciate, comprese quelle dei genitori, davanti a sé macerie reali ed emotive. Il mondo le appare estraneo, l’accoglienza e l’ascolto pari a zero, e decide di fuggire verso un altrove. Che fare con la propria salvezza? Bruck racconta la sensazione di estraneità rispetto ai suoi stessi familiari che non hanno fatto esperienza del lager, il tentativo di insediarsi in Israele e lì di inventarsi una vita tutta nuova, le fughe, le tournée in giro per l’Europa al seguito di un corpo di ballo composto di esuli, l’approdo in Italia e la direzione di un centro estetico frequentato dalla “Roma bene” degli anni ‘50, infine l’incontro fondamentale con il compagno di una vita, il poeta e regista Nelo Risi, un sodalizio artistico e sentimentale che durerà oltre 60 anni. Fino a giungere all’oggi, a una serie di riflessioni preziosissime sui pericoli dell’attuale ondata xenofoba, e a una spiazzante lettera finale a Dio, in cui Bruck mostra senza reticenze i suoi dubbi, le sue speranze e il suo desiderio ancora intatto di tramandare alle generazioni future un capitolo di storia del ‘900 da raccontare ancora e ancora.

Edith Bruck, di origine ungherese, è nata in una povera, numerosa famiglia ebrea. Nel 1944, poco più che bambina, il suo primo viaggio la porta nel ghetto del capoluogo e di lì ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen. Sopravvissuta alla deportazione, dopo anni di pellegrinaggio, approda definitivamente in Italia, adottandone la lingua. Nel 1962 pubblica il volume di racconti Andremo in città, da cui il marito Nelo Risi trae l’omonimo film. Nelle sue opere ha reso testimonianza dell’evento nero del XX secolo. Ha ricevuto diversi premi letterari ed è stata tradotta in più lingue. Tra le sue opere pubblicate in Italia ricordiamo: Chi ti ama così, L’amore offeso, Lettera da Francoforte, Specchi, Andremo in città, Quanta stella c’è nel cielo, Privato, Mio splendido disastro, La donna dal cappotto verde, Quanta stella c’è nel cielo, Il sogno rapito, Signora Auschwitz, Il dono della parola, Chi ti ama così, La rondine sul termosifone, Versi vissuti, Poesie (1975-1990), Ti lascio dormire.

Articoli simili:

Quando leggere... ti mette le ali! - settembre 2021
Recensioni a cura di Veronica Manfrotto,Libreria Palazzo Roberti - Bassano del Grappa -“Leggere ci dà un posto dove andarequando dobbiamo restare dove siamo”.(Mason Cooley)Questo mese è il turno degli spunti di Veronica Manfrotto, c...
74^ Stagione dei Classici al Teatro Olimpico
sta per iniziare la 74ma edizione del ciclo di spettacoli classici al teatro olimpico di vicenza Ormai ci siamo, è tutto pronto per l’inizio della nuova Stagione dei Classici al Teatro Olimpico di Vicenza, giunti alla 74.ma edizione con un calend...
Quando leggere... ti mette le ali! - agosto 2021
Recensioni a cura di Lavinia Manfrotto, Libreria Palazzo Roberti - Bassano del Grappa - “Leggere ci dà un posto dove andare quando dobbiamo restare dove siamo”. (Mason Cooley) Questo mese è il turno degli spunti di Lavinia Manfrotto, c...
Quando leggere... ti mette le ali! - maggio 2021
Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello che si presenta così: “E’ un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate. Lavorare con i libri è il mestiere che svo...
Quando leggere... ti mette le ali! - aprile 2021
Questo mese è il turno degli spunti di Anna Bertoncello che si presenta così: “E’ un grande piacere per me accogliervi sorridente quando entrate in libreria, e potervi aiutare nel trovare quello che cercate. Lavorare con i libri è il mestiere che svo...
Paolina – Storia di un capolavoro
Prende il via la mostra Paolina. Storia di un capolavoro, al Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno dal 19 marzo al 30 maggio 2021. Questa iniziativa inaugura le celebrazioni propedeutiche agli anniversari canoviani del 2022, anno in cui infatt...
Condividi l'articolo:
Libreria Palazzo Roberti
[email protected]

La Libreria Palazzo Roberti rappresenta il punto di riferimento per tutti i lettori del bassanese. Aperta nel 1998, la sede è in un palazzo nobiliare del XVIII secolo, di proprietà della famiglia Manfrotto che tuttora gestisce la libreria al suo interno. Palazzo Roberti è un esempio pressoché unico nel panorama Italiano di grande libreria indipendente.

No Comments

Post A Comment