Operaestate | Festival Veneto 2021

Torna la manifestazione con numerosi appuntamenti in scena dal 17 luglio al 10 ottobre a Bassano del Grappa e nelle 27 città Palcoscenico

Torna Operaestate Festival Veneto, una delle più interessanti e complete manifestazioni sempre molto ricca di spettacoli ed eventi e divisa tra Bassano e il territorio chiamato “Le città Palcoscenico”. La 41.ma edizione si intitola “Anno 1 P.Q./Ecologie del Presente”, una post-quarantena all’insegna del nuovo fare, con tema le ecologie del presente ben radicate quest’anno nel Festival con tanta arte divisa tra teatro, musica, danza, cinema in arena, progetti partecipativi e anche un Minifest per i bambini. Un nutritissimo calendario di 126 appuntamenti in 3 mesi, con 38 prime nazionali e spettacoli di ogni genere sparpagliati su spazi pubblici e angoli di paesi e città del territorio della Pedemontana veneta. Un programma con la mission che mette al primo posto la condivisione di tutti, artisti e spettatori, organizzatori e partecipanti e che getta oggi più che mai uno sguardo al presente, a questo momento storico particolare che non si dimenticherà facilmente.

I temi che riguardano le numerose produzioni che vedremo vertono sull’indagine di relazioni ed emozioni, il rapporto con l’ambiente e la sua sostenibilità, senza dimenticare naturalmente l’anniversario dantesco. Con una particolare attenzione anche alle nuove espressioni, e alle nuove generazioni di artisti visti i progetti interessanti e suggestivi presentati da queste nuove realtà e da importanti nomi, ad esempio per la sezione Teatro potremo ammirare Emma Dante, Marta Cuscunà, Babilonia Teatri, Fratelli Dalla Via, Argot Teatro, l’eclettico narratore Mirko Artuso, Filippo Tognazzo, Piccionaia, ExVuoto Teatro, e poi Amor Vacui, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia, Slowmachine, Vasco Mirandola. Teatro e musica saranno al centro di altri progetti con Anagoor, con Orchestra di Padova e del Veneto, Marco Paolini con Saba Anglana e Lorenzo Monguzzi, Luca Scarlini con Alberto Mesirca, mentre per quanti riguarda la Musica Classica l’attenzione principale si sposta sui talenti nuovi ma già affermati di Giovanni Andrea Zanon, Alexander Gadijev, Vikram, Francesco Sedona, Claudio Laureti, Raffaella Cardaropoli, Leonora Armellini, Luca Giovannini, Alberto Ferro, realtà pronte a far valere la loro arte.

Marco Paolini, foto di Gianluca Moretto

MM Company, foto di Tiziano Ghidorsi

Per i più piccoli, grande ritorno anche del Minifest, con ben 27 spettacoli creati appositamente per l’infanzia, e il grande Cinema che ancora una volta potrà essere visto all’arena cittadina del Giardino Parolini tra luglio ed agosto, coi titoli più importanti dell’ultima stagione Tra gli eventi collaterali, in villa Ca’ Erizzo Luca, dal 1 al 4 luglio, una rassegna dedicata a Dante e alla sua influenza sull’arte cinematografica, a partire da “L’inferno di Dante”, primo colossal italiano di inizio Novecento, rimusicato dal vivo dal jazzista Marco Castelli, e a inizio ottobre il grande evento musicale in occasione della cerimonia ufficiale di restituzione alla città del Ponte degli Alpini, appena restaurato, simbolo della città del Grappa, con l’esecuzione di due celebri suite di Händel con l’Orchestra di Padova e del Veneto, accompagnata dai fuochi d’artificio a tempo di musica.

Terre Graffiate

Anche la Danza farà la sua bella parte con una bella programmazione di balletti, garantendo emozioni sentite e dirette a partire da Aterballetto, con le coreografie di Philippe Kratz, Diego Tortelli e Ohad Naharin, alla serata Swans, in prima nazionale che vede artisti diversi re-interpretare La morte del cigno: Virna Toppi, Prima Ballerina del Teatro alla Scala, accanto a Chiara Bersani, Collettivo MINE, Silvia Gribaudi, Philippe Kratz e Camilla Monga; un’ altra Prima Nazionale è quella della compagnia MMCompany, con coreografie di Maguy Marin, Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi, e Thomas Noone, una formazione da tener conto. Ancora, un progetto danza particolarmente ispirato, che esce dai confini del palcoscenico per andare in scenari naturali, con danz’autori come Vittoria Caneva, Ilaria Marcolin, Anna Grigiante, Elena Sgarbossa, Chiara Frigo, Collettivo MINE, Siro Guglielmi, Daniele Ninarello, Silvia Sisto e Andrea Costanzo Martini.

Mancamento Azzurro

Non mancherà la sezione B.MOTION, dedicata ai linguaggi contemporanei e agli artisti in fase di ascesa, (dalla seconda metà di agosto), declinata in tre sezioni: danza (dal 19 al 22 agosto), teatro (dal 26 al 29 agosto) e musica (dal 7 al 9 settembre), con 40 appuntamenti che vedono protagonisti Julien Carlier, Jesus de Vega, Masako Matsushita, Ingrid Berger Myhre & Lasse Passage, Lois Alexander, Joseph Simon, Adriano Bolognino, Fabio Novembrini e James Viveiros,  Sara Sguotti, Collettivo The Field, Stefania Tansini, Chiara Frigo e Marigia Maggipinto per la danza. Per il teatro: Teatro Sotterraneo, Marta Dalla Via, Matteo Fiorucci e Massimiliano Burini, Teatro dei Gordi, Compagnia Körper e Gitiesse Artisti Riuniti, La Piccionaia insieme ad Anagoor, Sotterraneo e Massimiliano Civica, Teatro delle Albe, Menoventi, Ullallà Teatro/Din Don Down, mentre per la musica TRRMA’, Passapartout Duo, e Širom. Operaestate propone inoltre momenti di approfondimento e dialogo per pubblico, artisti e operatori, workshop, e un appuntamento doppio con l’opera lirica, un concerto a metà estate, e una nuova produzione del “Don Pasquale” di Gaetano Donizzetti a ottobre che chiuderà di fatto ufficialmente il Festival. Il programma completo e dettagliato lo si può trovare cliccando sul sito:

www.operaestate.it

Articoli simili:

74^ Stagione dei Classici al Teatro Olimpico
sta per iniziare la 74ma edizione del ciclo di spettacoli classici al teatro olimpico di vicenza Ormai ci siamo, è tutto pronto per l’inizio della nuova Stagione dei Classici al Teatro Olimpico di Vicenza, giunti alla 74.ma edizione con un calend...
Marostica e i fermenti culturali della biblioteca
Due mostre che in qualche modo si intersecano, e che fanno della Biblioteca Civica “Pietro Ragazzoni” di Marostica una realtà che sta ben reagendo al (quasi) post-pandemia, che diversi danni ci ha comunque lasciato (a parte, la vera tragedia è di chi...
Intervista a Barbara Alberti
Scrittrice, giornalista, sceneggiatrice, Barbara Alberti è un personaggio a tutto tondo che non le manda certo a dire. Se si entra in sintonia con lei si scopre una persona, una donna piena di ingegno e sapere, forte e affettuosa, con tanti sani prin...
Intervista a Pamela Villoresi
In attesa del ritorno nei teatri. 1Dialogo con Maurizio Panici. La situazione vista da Marostica e Palermo Pamela Villoresi è un’attrice di grande esperienza e bravura, e non ha certo bisogno di presentazioni particolari. Poliedrica, incisiva, sempr...
Visioniextra - Olimpia in Scena
È nato circa una ventina di giorni fa, si chiama visioniextra, minuscolo e tutto attaccato, e lo si può vedere su YouTube. È un nuovo canale video di cultura che arriva da Marostica, ma che si rivolge a tutto il territorio italiano, e che vede già al...
Intervista a Claudia Gerini
Attrice molto amata che coniuga bravura e stile in tutte le sue interpretazioni, protagonista assoluta di spessore del cinema italiano, con un fascino indiscusso, Claudia Gerini è un vero esempio di come si possano affrontare i più diversi ruoli pass...
Condividi l'articolo:
Francesco Bettin
[email protected]

Olimpia in scena – lo spettacolo è di tutti. Olimpia in scena si occupa di teatro, cinema, poesia, libri, eventi vicini e lontani, personaggi e interviste, a cura i Francesco Bettin.

No Comments

Post A Comment