Esercizi di equilibrio

Siamo tutti alla ricerca di un equilibrio, e, quando lo troviamo, siamo felici per un attimo e, immediatamente dopo, ci ritroviamo ancora squilibrati, senza un punto di riferimento.

Sembra che tutto debba rimanere immobile e perfetto per darci soddisfazione, e ci crediamo, crediamo talmente tanto a questa favola dell’equilibrio che tutta la nostra esistenza diventa la ricerca di un centro di gravità permanente, come diceva la canzone.

Crescendo, scopri che nulla rimane immobile e che il tuo infantile tentativo di trovare un punto fisso è un miraggio.

La vita è un dinamico esercizio di equilibrismo, in cui mille pulsioni diverse, opposte, distinte sembrano mantenerti statico, in verità sei sempre a rischio di cadere. Un po’ come uno skateborder.

Allora io, oggi, rivaluto i miei mille dubbi, le mie mille notti in bianco, le mie ansie e le mie angosce, che fanno da contorno ai mille momenti felici, alle mille gioie.

Le une non esistono senza le altre.

Non ci sarà mai un nirvana, non qui sulla Terra perlomeno.

Ci sarà un continuo altalenare tra i picchi e le valli dell’anima e del cuore.

Comprendi che nel dolore nasce il piacere, e viceversa.

Rivaluto le mie battaglie sbagliate, le mie guerre perdute.

Rivaluto le mie missioni senza speranza, i miei salti nel vuoto.

Rivaluto gli errori fatti per troppo amore e quelli fatti per troppo egoismo.

Non si butta via nulla di questo viaggio, perché anche in queste frattaglie, in queste rovine, germogliano gli steli dei prossimi fiori e dai fiori nasceranno altre rovine e frattaglie.

In un gioco inesauribile.

Bello, brutto. Ma di sicuro mai stabile. Mai fermo.

Questo è quello che sento.

Che, se sei vivo, sei in movimento e, se sei in movimento, sei vivo.

Sperare di congelare la perfezione è perdente.

La perfezione è quando tu ti muovi fluidamente con il resto dell’universo.

La perfezione non si lascia congelare.

www.sebastianozanolli.com

Articoli simili:

L'appuntamento con Sebastiano Zanolli - GEN 22
"Non vedi quanto ci somigliamo? Voglio dire tu e io, Will? Tutti e due reagiamo di fronte agli estranei. Non ci piace passare davanti alla gente senza fare un cenno di saluto. Quando la gente è maleducata andiamo in pezzi. Quando la gente non ci vi...
Siamo esseri fragili
Siamo esseri fragili e non lo sappiamo prima di romperci.Leggo la straziante lettera di un papà al figlio che ha deciso di chiudere sommessamente ma definitivamente la porta del suo appartamento in questo mondoe mi sono ritrovato sciolto come un gela...
Pagine come queste
Anni fa, agli inizi della mia carriera, un amico e collega più anziano di me mi disse che la vita fino a una certa età serve per mettere insieme cose, pensieri, persone.Poi, da un certo punto in poi, si deve avere l’accortezza e la saggezza di inizia...
Andiamo bene così
Ci sono persone che non sanno come dimostrare tutto l’amore che provano per i loro cari se non lavorando e sbattendosi come matti. Sarà l’educazione, sarà la cultura, sarà qualche male interpretato senso di ambizione o di attenzione. Mio padre era un...
Esserci o non esserci
Ci sono due possibilità. Esserci o non esserci. Non sempre decidi tu. Ma, quando lo puoi decidere tu, vale la pena considerare molto bene i costi del non esserci. Non esserci significa che non esisti in quella situazione. E vuole dire ...
Di ritorno da un viaggio
Quello che porti a casa da un viaggio in un posto diverso da casa tua è un senso di possibilità: la sensazione che si può vivere senza il prima e con il dopo. Non che sia necessariamente tranquillizzante sapere che puoi farcela ovunque, anzi. T...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
[email protected]

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

No Comments

Post A Comment