Revenge porn: la tutela penale in italia

Con l’espressione “revenge porn” si intende oggi, comunemente, la condivisione attraverso internet di immagini di natura sessuale per finalità di vendetta. Si tratta di una dinamica purtroppo sempre più diffusa, legata il più delle volte all’insoddisfazione provata dalla persona che viene lasciata al termine di una relazione di coppia.

Le immagini o i video che vengono condivisi sono tendenzialmente quelli che le stesse coppie avevano volontariamente prodotto durante la relazione, a volte per gioco, altre volte per inviarsele tramite messaggio in momenti di lontananza.

Fino a qualche anno fa l’etichetta sotto cui veniva rubricato il fenomeno era il termine più generico “sexting”, che indica lo scambio di contenuti a sfondo sessuale attraverso i messaggi. L’aumento dell’utilizzo di questo tipo di immagini a scopo di vendetta, tuttavia, ha indotto i media a identificare autonomamente questo fenomeno e portato il legislatore a introdurre una nuova specifica fattispecie penale.

Oggi il revenge porn è punito, in Italia, dall’art. 612 ter del codice penale aggravato dai motivi abietti o futili (la vendetta, art. 61 n. 1 c.p.).

Tale fattispecie punisce con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da euro 5.000 a euro 15.000 “chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini o video a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate”.

Alla stessa pena soggiace “chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video di cui al primo comma, li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento”.

La chiave della tutela penale, pertanto, sta nell’assenza del consenso: non conta se avevate fatto volontariamente quegli scatti fotografici o quei video, conta se avevate prestato o meno il consenso alla loro diffusione.

L’assenza di consenso è fondamentale, perchè, sulla scia della normativa in tema di tutela dei dati personali, permette al soggetto ritratto di decidere come e quando possano essere trattati i propri dati, tra cui foto e video, e impedire ad altri di trattarli in modi non autorizzati.

Il nuovo art. 612 ter del Codice Penale serve proprio a questo: ad aiutarvi a tutelarvi nel caso in cui qualcuno condivida momenti della vostra intimità senza la vostra autorizzazione.

Va tuttavia ricordato un aspetto di non poco conto: gli strumenti giuridici di tutela sono quasi tutti di tipo postumo, risarcitorio o punitivo, il che significa che intervengono solo dopo che il fatto si è compiuto.

L’unico strumento in grado di impedire che si verifichi il fatto, invece, è il vostro libero arbitrio, la vostra capacità di scelta. Non volete correre il rischio che le vostre foto e i vostri video intimi vengano utilizzati contro di voi? Non fatele. E se vi va di farle, non inviatele a nessuno.

Se, tuttavia, avete commesso entrambi questi errori, sappiate che l’ordinamento vi tutela e, con una tempestiva denuncia, chi vi ha danneggiato verrà punito.

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

L'Italia da Scoprire – Un settembre da favola!
Giornate soleggiate, temperature miti, località meno affollate: settembre è uno dei periodi migliori per trascorrere qualche giornata in relax con la famiglia, alla scoperta di quelle mete che sono particolarmente indicate per i più piccoli e per chi...
Falling in Love – Il nuovo successo di Walterino con Danny Losito
La musica house malgrado le grossissime difficoltà non si è mai fermata.Il settore dell’intrattenimento è sicuramente quello più colpito dalla pandemia: locali chiusi e lavoratori fermi costretti a casa. Alcuni dj e producer però non si sono persi d’...
Spazio Zen - Settembre 2021
Tutti ci siamo emozionati seguendo le imprese della nazionale di Mancini e dei nostri atleti alle Olimpiadi di Tokyo.Ma cosa ci hanno insegnato le performance dei nostri portabandiera, insegnamenti che valgono per tutti, ma in particolare per i nostr...
Aqativa – Il nuovo modo di fare il bucato
lavare il bucato senza prodotti chimici. Aqativa disinfetta, igienizza e si prende cura dei tessuti.Il fatto che il bucato sia pulito non implica necessariamente che sia anche disinfettato e l’assenza di macchie e aloni di sporco non è sempre ind...
BIOSINTESI – Naturale Benessere
CHI SIAMO Biosintesi è il primo store a Vicenza di prodotti a base di canapa.Da oltre 3 anni selezioniamo con cura i nostri prodotti in modo da garantire il massimo pregio e la miglior qualità. Affidabilità, professionalità e gentilezza sono le c...
Viaggio all'interno di una scarpa da calcio
PERCHe’ SCEGLIERE UN NEGOZIO SPECIALIZZATO CALCIO PER I TUOI PIEDI “EDUCATI”? In pochissimi sanno orientarsi dentro alla galassia dei modelli delle scarpe da calcio. Infatti spesso le mamme pensano che la scarpa da 280 euro (che tanto vuole suo figl...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment