Andiamo bene così

Ci sono persone che non sanno come dimostrare tutto l’amore che provano per i loro cari se non lavorando e sbattendosi come matti. Sarà l’educazione, sarà la cultura, sarà qualche male interpretato senso di ambizione o di attenzione. Mio padre era uno di questi, e io, da ragazzo presuntuoso, non capivo. E non mi facevo scrupolo di farlo sentire a disagio per questo.

Be’, questo scritto lo dedico a tutti quelli che, come me, hanno finalmente capito, anche se tardi, che era un linguaggio, magari primitivo, per esprimere l’affetto e la cura per ciò che hai a cuore. E lo dedico a quelli che poi, come me, si sono ritrovati esattamente al posto del loro papà ( o mamma ).

A parlare lo stesso linguaggio primitivo ma sincero.

Sappiate che, nonostante tanti predichino che dovreste fare altrimenti ed essere perfetti, siamo in tanti a esprimere così il nostro sentimento.

Diventeremo perfetti, prima o poi, ma per ora, per piacere, diteci che andiamo bene anche così è che avete capito.

La giornata ci passerà meglio, saremo meno stanchi al ritorno e probabilmente più simpatici.

Articoli simili:

L'appuntamento con Sebastiano Zanolli - APR 22
In azienda si litiga perché spesso latita la fiducia. Ma è anche vero il contrario: spesso in azienda non si litiga, cioè le persone fuggono dai conflitti, per mancanza di fiducia.
L'appuntamento con Sebastiano Zanolli - MAR 22
L’alto livello di incertezza che ci circonda in questo momento potrebbe aumentare ancora di più negli anni a venire. Con tale instabilità diventano cruciali le scelte che facciamo in termini di sviluppo di capacità a medio lungo. Se di norma ci fe...
L'appuntamento con Sebastiano Zanolli - FEB 22
I suggerimenti sono pochi. Bene. Ci siamo. Finite le feste. Speso i risparmi.Introdotte un bel po’ di calorie in più.Eravamo felici fino a qualche giorno fa.Poi ci siamo ingrigiti progressivamente.Fino al risveglio.Siamo tornati ancora a fare gir...
L'appuntamento con Sebastiano Zanolli - GEN 22
"Non vedi quanto ci somigliamo? Voglio dire tu e io, Will? Tutti e due reagiamo di fronte agli estranei. Non ci piace passare davanti alla gente senza fare un cenno di saluto. Quando la gente è maleducata andiamo in pezzi. Quando la gente non ci vi...
Siamo esseri fragili
Siamo esseri fragili e non lo sappiamo prima di romperci.Leggo la straziante lettera di un papà al figlio che ha deciso di chiudere sommessamente ma definitivamente la porta del suo appartamento in questo mondoe mi sono ritrovato sciolto come un gela...
Pagine come queste
Anni fa, agli inizi della mia carriera, un amico e collega più anziano di me mi disse che la vita fino a una certa età serve per mettere insieme cose, pensieri, persone.Poi, da un certo punto in poi, si deve avere l’accortezza e la saggezza di inizia...
Condividi l'articolo:
Sebastiano Zanolli
[email protected]

“Fare raggiungere ad individui e squadre i propri obiettivi professionali, mantenendo la propria umanità” è la ricerca e la sfida che Sebastiano Zanolli si è dato negli ultimi 25 anni e che continua ad approfondire. Un caso abbastanza raro di formatore che continua testardamente a lavorare in azienda fondendo la pratica con la teoria. Nato nel 1964, dopo la laurea in Economia presso l’Università Ca’ Foscari, ha maturato esperienze significative in ambito commerciale e marketing, ricoprendo posizioni di responsabilità crescente: ha occupato i ruoli di Product Manager, Brand Manager, Responsabile Vendite, Direttore Generale ed amministratore delegato di brand di abbigliamento in aziende come Adidas e Diesel. Si è occupato di politiche di Employer Branding come consulente di Direzione e presta la sua opera sulle strategie e progetti di Heritage Marketing. È autore di 7 volumi di grande successo: “La grande differenza” (2003), “Una soluzione intelligente” (2005), “Paura a parte” (2006), “Io, società a responsabilità illimitata” (2008), “Dovresti tornare a guidare il camion Elvis” (2011), “Aveva ragione Popper, tutta la vita è risolvere problemi” (2014), “Risultati solidi in una società liquida” (2017). Tutti i libri sono editi dalla Franco Angeli.

No Comments

Post A Comment