CYBERBULLISMO: quando lo scherzo diventa reato

Con l’inizio dell’anno scolastico non può non parlarsi di cyberbullismo. 

Si tratta, in sostanza, di tutte quelle condotte prevaricatorie e moleste che uno o più ragazzi possono porre in essere contro un soggetto più debole, fisicamente o psicologicamente, sfruttando strumenti informatici o telematici come uno smartphone, un computer o un tablet.

Le condotte sono estremamente variabili per sostanza e modalità, e il loro elenco, complice il mutare del contesto sociale e tecnologico, è sostanzialmente infinito.

Si possono, tuttavia, individuare alcune categorie: condotte di violenza e minaccia, che creano una situazione di dominio del cyberbullo sulla vittima;  condotte estorsive, che puntano ad ottenere un beneficio (personale o materiale) attraverso la minaccia di un male ingiusto; condotte di esclusione, che escludono o isolano la vittima; condotte di diffamazione, consistenti nella denigrazione della vittima in qualsiasi modo e forma (attraverso scritti, foto, o video). 

Fratello “tecnologico” del bullismo, il cyberbullismo, sfruttando prevalentemente la rete internet, presenta alcune caratteristiche che lo rendono particolarmente violento, aggressivo e pericoloso: permette l’attacco 24 ore su 24, superando anche il limite della distanza fisica; consente l’anonimato e, conseguentemente, ostacola l’individuazione del colpevole; agevola il coinvolgimento di masse, spesso costituite da haters e utenti sconosciuti; non ultimo, essendo spesso posto in essere da pc o smarpthone, e quindi “filtrato” da un monitor o una tastiera, impedisce che il cyberbullo si renda conto della gravità della situazione in cui può versare la vittima, che potrebbe, a fronte del perdurare dell’attacco, essere portata alle peggiori conseguenze, tra cui il suicidio.

A livello penale, pur non esistendo il “reato di cyberbullismo”, quasi ogni condotta rientrante nel fenomeno costituisce, autonomamente, reato: minaccia, estorsione, danneggiamento, diffamazione, violenza, diffusione illecita di immagini o video, sono solo alcuni dei reati in cui possono incorrere i cyberbulli. 

Come tutelarsi? Posso indicare due modalità.

La prima: in caso di ipotesi di cyberbullismo in atto, suggerisco l’immediato coinvolgimento (per iscritto) del personale scolastico, a cui è demandata una importante funzione formativa e di polo di riferimento in materia di cyberbullismo, e dei genitori dei soggetti coinvolti. Ove la gravità della situazione lo richieda, non abbiate timore di presentare una denuncia penale. 

La seconda (la mia preferita): prevenzione attraverso la formazione. Formazione che deve avvenire entro le mura scolastiche, in orario scolastico, per poter raggiungere tutti i ragazzi (e non solo i figli delle famiglie più attente) e per creare un substrato diffuso di sensibilizzazione a questo grave fenomeno. 

“Prevenire è meglio che curare”, diceva uno slogan pubblicitario che ci è rimasto impresso nella mente. Non tutte le conseguenze del cyberbullismo, però, si possono curare, per cui dobbiamo rivedere la nostra convinzione. Lo slogan giusto, in questo caso, è un altro: “Prevenire è meglio che subire”. Buon anno di formazione e prevenzione a tutti. 

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

Editoriale novembre 2021
Non è facile parlare di un tema così importante come quello della violenza sulle donne senza cadere nella retorica o nella banalità. Noi di OCCHI negli ultimi anni abbiamo sempre dedicato uno spazio speciale al 25 novembre, giornata mondiale contro l...
PHISHING: a pesca delle nostre password
Tutti noi abbiamo sentito parlare di "phishing". A volte in un avviso della banca, altre volte in corsi di formazione, altre volte in email di avviso provenienti da servizi web a cui ci siamo registrati. E abbiamo imparato che si tratta di una truffa...
A&A – Saul Costa e Fabio Zonta
Abbiamo scoperto il valore salvifico dell’arte in tutte le sue declinazioni solo nel momento in cui questa ci è stata tolta. Dopo le chiusure imposte dalla pandemia in tanti è emerso il desiderio prepotente di riempiersi gli occhi e la mente del bell...
Spazio donna e la rete di associazioni antiviolenza
La violenza contro le donne non conosce età, classe sociale, formazione scolastica: è trasversale e soprattutto è un problema reale e sempre attuale. Le statistiche nazionali parlano chiaro: nel 2020 a seguito della pandemia e del lock down vi è stat...
Associazione ARES Aps
Sembra sempre impossibile fino a quando non viene fatto.Nelson MandelaCosa è il centro Ares?L’Associazione Ares è un Centro per il trattamento psicologico e rieducativo di uomini autori di violenza domestica attivo a Bassano del Grappa, in provincia ...
Spazio Zen - Novembre 2021
L’episodio di Giulia, la ventenne universitaria dell’Università di Bologna, che ha interrotto la lezione di filosofia, come forma di lotta contro il green pass, mi ha fatto venire in mente i miei esordi universitari a Padova. Proprio alla facoltà di ...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment