Spazio Zen – Gennaio 2022

Anno nuovo, vita nuova. Senza questa speranza, la vita appare insipida e il futuro tutto da decifrare. E pur di agguantare in qualche modo un barlume di positività per sé e per i propri cari, si è disposti a credere a maghi e oroscopi che pretendono di “prevedere” il nostro futuro.

Questo bisogno ci rende quasi ciechi, tant’è che ripetiamo ogni anno, con una sorta di automatismo, questa domanda sul nostro futuro affidandoci ai vari oroscopi ripetuti e ripresi in tv, nei giornali anche seri, nei nostri conversari.

Mai che qualcuno chieda ai vari compilatori di oroscopi di mettere a confronto le previsioni di inizio 2020 e 2021 con ciò che effettivamente è successo.

Domanda vietata. Anche se l’unica intelligente. E così si preferisce ammorbidire la propria angosciosa domanda di futuro con ricette preconfezionate e di facile consumo. Quale giornale o trasmissione tv si può permettere di non-invitare un astrologo? Chi ne avrebbe il coraggio?

Abbiamo bisogno di scambiarci “auguri”, abbiamo bisogno di credere nella positività, a tal punto che anche i surrogati vengono scambiati per prodotti originali, addirittura “scientificamente” inappuntabili.

Ma proviamo a chiarirci un po’ le idee, anche se immagino che smascherare questo business di basso profilo possa ingenerare qualche dispiacere. Perché sembra essere bello credere in qualcosa che si sa essere inconsistente. Perché una cosa è certa: il futuro non si può prevedere. Ma sappiamo anche che l’incertezza sul futuro è la fonte prima della nostra angoscia esistenziale.

Con Leopardi ci possiamo ripetere: “La conoscenza degli effetti e l’ignoranza delle cause produssero l’astrologia”.

Allora ce lo possiamo dire: tutte le previsioni degli astrologi, cartomanti, fattucchiere sono, in verità, tutte “balle”. Quanti, un solo anno fa, hanno previsto gli eventi che hanno segnato il 2021?

Pensiamo solo alla pandemia, ai vaccini, alle polemiche varie sul green pass. Ma possiamo aggiungere infiniti altri esempi.

Come la sconfitta di Trump e l’assalto alla Casa Bianca.

Eppure sono milioni quelli che ci credono e che addirittura sostengono che gli oroscopi c’hanno azzeccato. Come stanno invece le cose?

La risposta è semplice: quelle degli oroscopi sono, se si osserva, previsioni generiche, che dicono tutto e niente. Tant’è che a ogni affermazione si potrebbero facilmente associare diversi eventi successivi. Ma se qualcuno volesse verificare più da vicino, basterebbe mettere a confronto, come si è detto, le previsioni di inizio anno sul 2020 e 2021 con ciò che realmente è avvenuto. Sono possibili delle coincidenze fortuite? A rispondere è la legge dei grandi numeri: sparala più o meno grossa la tua previsione, qualcosa la dovrai pure azzeccare!

Eppure la cosa che colpisce è sentire che anche oggi fa parte del patrimonio delle nostre conoscenze elementari sapere di quale segno zodiacale noi facciamo parte.

Alcuni rispondono però che esiste comunque una sorta di “oroscopo psicologico”, nel senso che si riconoscono nei tratti salienti del proprio segno. Ovviamente, si tratta di indicazioni generiche, in un contesto nel quale “si vuole credere” indipendentemente dal valore oggettivo dell’indicazione del segno personale. Quanti altri potrebbero rispecchiarsi in queste genericità, illusioni o “ameni inganni”, per riprendere Leopardi? Basta seguire, al mattino, gli oroscopi fedelmente ripetuti in tv, alla radio o letti sui giornali.

Una data di nascita influisce sul carattere di una persona? Certo, ma non per motivi astrologici.

Per chiudere: siamo in balia del caso, del destino, del fato, della fortuna?

Vivere la vita significa districarsi in libertà tra le mille insidie dell’esistenza. È solo un caso che in piena èra di nichilismo, nella nostra società post-cristiana, trionfano a piene mani maghi, fattucchiere, oroscopi…? Ma esiste il caso?

Noi, in attesa di entrare nel cuore di queste domande, ci limitiamo a far nostro il passo leopardiano, contenuto nel breve “Dialogo di un venditore d’almanacchi e di un passeggere”: “Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si comincerà la vita felice. Non è vero?”.

Permettere un vero augurio? L’arguzia dell’intelligenza nella serena accettazione dei propri limiti e nella equilibrata valorizzazione dei propri talenti. Aperti alla condivisione e alla convinzione/speranza che è il bene che “fa” la storia, personale e collettiva. Con noi, nonostante noi.

chi è GIANNI ZEN

Gianni Zen, laureato in filosofia, ha dedicato la sua vita professionale alla scuola, prima come docente e poi come dirigente scolastico in importanti scuole del vicentino quali l’Istituto Rossi di Vicenza e il Liceo Brocchi di Bassano. Sotto la sua guida il liceo bassanese ha conosciuto una crescita repentina fino a diventare il secondo istituto d’Italia per numero di ragazzi frequentanti. Persona estremamente attiva, è da sempre sostenitore di una grande riforma del mondo della scuola. In “Spazio Zen” dirà la sua su temi di attualità legati al mondo della scuola e del lavoro.

Per approfondire un tema o contattare Gianni Zen puoi scrivere un’e-mail a: giannizen@libero.it

Articoli simili:

Arianna Rubin, non chiamatemi influencer
“Andrea Parini, assieme a Giovanni Petucco, è il capostipite della ceramica moderna a Nove e uno dei più importanti ceramisti italiani del ‘900.” Con questa esemplare sintesi redatta da Nico Stringa nel 1985, si inquadra perfettamente il valore di u...
Editoriale maggio 2022 - Il bello della vita
Da giovane avevo un animo molto competitivo: mi piaceva primeggiare nelle piccole competizioni di atletica al liceo o a scuola in classe soprattutto nelle materie scientifiche… Arrivata all’università volevo fare in fretta per essere indipendente eco...
Editoriale aprile 2022 - Tutta la vita in una valigia
Da un mese assistiamo increduli alle immagini di devastazione che arrivano dall’Ucraina. Ma come è possibile che nel 2022 in Europa possa scoppiare la guerra?Come è possibile che la popolazione sia costretta a scegliere fra abbandonare tutto o rimane...
70+40+190= 300 storie POP – Andrea Parini
“Andrea Parini, assieme a Giovanni Petucco, è il capostipite della ceramica moderna a Nove e uno dei più importanti ceramisti italiani del ‘900.” Con questa esemplare sintesi redatta da Nico Stringa nel 1985, si inquadra perfettamente il valore di u...
L'Italia da Scoprire – Sorprese di primavera
L’arrivo della primavera ha portato con sé un turbinio di colori, suoni e profumi che inneggiano alla rinascita e alla serenità. Intorno a noi, paesaggi che si vestono di luce e bellezza, delicate fragranze, fiori colorati che si risvegliano sotto il...
DA RICICLO A RIUSO la differenza è importante
È un fenomeno già tristemente noto: negli oceani sono presenti enormi isole di plastica. La più conosciuta e più vasta è quella presente tra Giappone a Hawaii: la sua estensione è stimata in 10 milioni di km quadrati, pari all’estensione del Canada, ...
Condividi l'articolo:
Idee Mirate
[email protected]

Idee Mirate è l'agenzia di web marketing e grafica ideale per aziende che necessitano di un unico interlocutore per seguire tutti i processi della comunicazione. Siamo un team di professionisti multidisciplinare in grado di accompagnare il business di ogni cliente a raggiungere gli obiettivi. Teniamo conto dei valori, delle risorse e del budget di ogni azienda.

No Comments

Post A Comment