DARK WEB: la parte più oscura della rete

Con l’espressione Dark Web si fa riferimento a una parte della rete internet accessibile esclusivamente mediante specifiche autorizzazioni, software o procedure informatiche e solitamente – seppur non esclusivamente – utilizzata per porre in essere attività illecite.

Fa parte del c.d. Deep Web ma i due concetti non coincidono. Per capirci meglio, possiamo pensare all’intero web come a un insieme di contenuti distinti in base al livello di raggiungibilità.

Al primo livello troviamo il c.d. Surface Web, ovvero i contenuti che vengono analizzati e indicizzati dai principali motori di ricerca (come Google e Bing). Comprende una parte limitata della rete (circa il 5-10%) ed è metaforicamente paragonabile alla presenza dei negozi per strada e dei servizi pubblici, utilizzabili e visibili per chiunque.

A un livello più profondo troviamo il c.d. Deep Web, ovvero i contenuti non indicizzati ma comunque facilmente accessibili sfruttando appositi link e/o autorizzazioni. Pensiamo, ad esempio, alla nostra casella di posta elettronica o all’home banking. Nel Deep Web troviamo contenuti e servizi sia leciti che illeciti, ma la facile raggiungibilità si presta più per i primi che per i secondi. Un po’ come – continuando la metafora precedente – le abitazioni private, alle quali si può accedere solo su invito o avendo la chiave di casa.

All’interno del Deep Web, infine, si trova il Dark Web, i cui contenuti, non indicizzati, sono accessibili solo tramite speciali procedure e software che garantiscono la non tracciabilità, come le reti VPN e il software TOR. Un po’ come le “riunioni carbonare” di due secoli fa, ma online. Nel Dark Web troviamo utenti di darknet (reti private con indirizzi ip nascosti), contenuti leciti (come documenti, ricerche e informazioni particolarmente delicati e, pertanto, necessari di protezione) e contenuti illeciti (come pedopornografia, tratta di esseri umani, traffico di armi, di stupefacenti e di merce di contrabbando), con prevalenza di questi ultimi.

Le domande più comuni sono note: come accedo al Dark Web? Cosa posso trovarci?

Quanto alla prima, vi rinvio alle indicazioni che trovate agevolmente in internet digitando la relativa domanda. Se vi piace lo stile: “accendi e vai”, scaricatevi il browser TOR e partite. Presto, tuttavia, vi accorgerete che, senza un minimo di competenza, farete ben poca strada. 

Quanto al “cosa posso trovarci”, come ho già anticipato, trovate contenuti e contatti leciti e illeciti, ma questi ultimi tendono a prevalere: da sicari a tratta di esseri umani, da servizi di hacking a documenti contraffatti, da pedopornografia a stupefacenti, farmaci e armi.

Le domande che dovreste porvi, tuttavia, sono altre: val la pena rischiare per togliersi una curiosità? Ma soprattutto: cosa rischio ad accedere al Dark Web?

La risposta all’ultima domanda è semplice: si rischia più di quanto si possa immaginare. Gli utenti del Dark Web hanno competenze informatiche di gran lunga superiori all’utente medio e ciò comporta che, senza che il curioso internauta se ne renda conto, sono in grado di violare la sicurezza degli strumenti informatici utilizzati e, talvolta, indurlo a commettere reati, come l’acquisto di merce di contrabbando.

Ne vale la pena? A voi la scelta. Tenete presente, tuttavia, il detto “Chi cerca trova”. Se cercate problemi, prima o poi li troverete.

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

Sherwood Festival 2022
Sherwood Festival 2022 torna dopo due anni di stop!IL RICHIAMO DELLA FORESTA DI SHERWOOD È SEMPRE PIÙ VIVOUN MESE DI CONDIVISIONE TRA MUSICA, CULTURA E SPORTDAL 15 GIUGNO AL 16 LUGLIO nel Park Nord dello Stadio EuganeoTanti gli ospiti, tra italiani e...
Accesso abusivo a sistemi informatici e aziende
L'accesso abusivo a un sistema informatico è un reato e si verifica quando un soggetto entra o si mantiene all'interno di un sistema informatico protetto da misure di sicurezza contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo.Con l'espressione "s...
70+40+190= 300 storie POP – “Sbittarte: viento a’e piastre?”
Sbittarte: viento a’e piastre?Incontro e serata di pittura collettiva su maiolicaTeatrino Raccolta Costenaro  — Venerdì 10 giugno — ore 18.30Una pratica nata tra amici legati dall’arte che oggi, dopo oltre vent’anni, si riconosce nella forma della “p...
Sconfiggere cellulite e adiposità localizzate?
Dalla scienza scopri la tecnologia più efficace e sicura per modellare il tuo corpo naturalmente La Cellulite è uno degli inestetismi più diffusi e odiati, e colpisce indistintamente donne di tutte le età, a prescindere dal loro peso. L’accumulo ...
L'Italia da Scoprire – Emozioni dai colori pastello
Girovagando lungo la nostra Bella Italia, capita spesso d’imbattersi in piccole cittadine che sembrano delle tavolozze a cielo aperto: gioielli artistici dalle tinte vibranti su cui l’occhio non può fare a meno di soffermarsi. Questi paesaggi attiran...
IA quando un algoritmo sceglie per te
Negli articoli precedenti abbiamo visto come l’IA possa essere di enorme aiuto negli ambiti più svariati e quanto sia già integrata nella nostra quotidianità. Ora sembra necessario riflettere sulle conseguenze che questa “nuova tecnologia” sta portan...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment