70+40+190= 300 storie POP – Andrea Parini

“andrea parini: nove e la fabbrica dei talenti”

 

Incontro con Gianni Basso, Nadir Stringa e Jacopo Parini

Teatrino Raccolta Costenaro  — Venerdì 08 marzo — ore 18.00

Andrea Parini, assieme a Giovanni Petucco, è il capostipite della ceramica moderna a Nove e uno dei più importanti ceramisti italiani del ‘900.”

Con questa esemplare sintesi redatta da Nico Stringa nel 1985, si inquadra perfettamente il valore di uno straordinario artista che fu per oltre vent’anni direttore della Scuola d’arte di Nove (1942-1963).

Proveniente da Caltagirone, Parini si formò come scultore all’Accademia di Belle Arti di Palermo intessendo poi una stretta amicizia con l’incisore marchigiano Luigi Bartolini e proprio attraverso delle xilografie ottenne i primi riconoscimenti. Iniziò anche a modellare la terracotta, specialmente mezzi busti figurativi lontani dalla barocca ricchezza tipica della maiolica locale.

capostipite della ceramica moderna a nove

1941 Manichino e giornali

Al suo arrivo a Nove rimase sorpreso dalla piacevolezza di un ambiente di provincia rimasto fedele a se stesso; ivi instaurò un ottimo rapporto umano con gli insegnanti dell’epoca entrando in contatto con importanti intellettuali e artisti italiani tra cui Gio Ponti.

Vivere nella quieta campagna veneta coincise con il periodo di rinnovamento del secondo dopoguerra e fu qui che giunse a una concreta maturazione plastica. I tratti vernacolari propri della tradizione agreste, sommati al proprio bagaglio culturale e alle tante suggestioni coltivate, furono lo spunto per assemblare con forme morbide e colori caldi quanto vissuto negli anni novesi. Il dialogo intessuto con tante generazioni è stato anch’esso fondamentale e fruttuoso tanto da rendere inscindibili l’influenza dell’uno sugli altri e viceversa.

1945 Strage degli innocenti

fruttuoso dialogo intessuto

con tante generazioni

Bonaldi, Pianezzola, Tasca, Mossolin, Rigon R., Sartori, Tosin, Lucietti, Spagnolo, Zarpellon, sono solo alcuni dei creativi che di quella irripetibile epoca hanno giovato dimostrando una sincera riconoscenza per il grande maestro; le cui opere sono presenti nella Raccolta Costenaro e si possono ammirare partecipando alla visita guidata in programma ogni sabato mattina.

L’incontro vedrà l’intervento dello storico Nadir Stringa (autore del catalogo monografico sull’artista), di Jacopo Parini attraverso i suoi ricordi familiari giovanili e Gianni Basso, testimone del modo di lavorare di Parini.

1954 Grande vaso della regina
1945 Ospitalità
1963 Cucca della famiglia

L’appuntamento della rassegna 70 + 40 + 190 = 300 storie POP, a cura di Eleonora Zampieri e Marco Maria Polloniato, è ospitato nel teatrino della “Raccolta Costenaro” ogni secondo venerdì del mese alle ore 18.30.

La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti.

L’evento sarà trasmesso in diretta sulla pagina facebook Costenaro Assicurazioni.

Info e prenotazioni: 0424 382586 – 335 5476059 – [email protected]

Foto gentilmente fornite da Jacopo Parini e Nadir Stringa.

Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment