GEOCACHING: Una caccia al tesoro per famiglie

Con l’espressione “Geocaching” si intende una caccia al tesoro globale e gratuita che permette di trovare alcuni contenitori (detti cache o geocache), in alcuni punti specifici della mappa.

I contenitori contengono sempre un piccolo diario, detto logbook (dove l’utente annota il proprio nome in caso di ritrovamento) e, a volte, anche piccoli oggetti.

Esistono varie tipologie di geocache: alcune sono fisicamente raggiungibili seguendo le coordinate indicate sulla mappa, altre prevedono il compimento di “step” (azioni successive) per renderle visibili, altre ancora possono essere trovate risolvendo prima indovinelli ed enigmi.

Le stesse inoltre, possono avere forme e dimensioni più disparate: da veri e propri bauli fino a piccoli contenitori delle dimensioni di una provetta.

Regola fondamentale è che le cache, una volta trovate, non debbano essere portate via! Questo, infatti, rischierebbe di compromettere l’esperienza ludica degli altri partecipanti che, magari, stanno cercando proprio quella scatola!

Per giocare a questa caccia al tesoro virtuale è necessario munirsi di un GPS (è sufficiente quello presente nel vostro smartphone), di un account gratuito con cui registrarsi presso un server di geocaching, di un’app per ricercare e trovare le preziose scatole nonché di buona volontà e spirito di avventura.

Ovviamente, a seconda del livello di difficoltà della geocache, sarà necessario munirsi di alcuni utili strumenti (una torcia, un piccolo astuccio, un paio di pinze) e, soprattutto di una penna o di una matita per firmare, con il vostro nickname e data, l’avvenuto ritrovamento della cache sul diario presente al suo interno.

Si potrà inoltre segnalare se la cache ritrovata è in cattivo stato o aggiungere eventuali note: è poi buona prassi formulare un piccolo ringraziamento per l’owner (il proprietario della cache) che l’ha nascosta in quel punto specifico.

Come si può facilmente intuire, si tratta di un gioco stimolante, tutto sommato interessante perchè permette di stare all’aria aperta e di esplorare nuovi luoghi, e ottimo per famiglie con bambini.

Posto che il geocaching è, complessivamente, un’iniziativa sana e costruttiva, sono comunque necessari alcuni accorgimenti al fine di evitare che questa stimolante caccia al tesoro si tramuti in una spiacevole esperienza:

1) anzitutto, è necessario partecipare sempre con almeno un adulto, e questo perchè, a volte, la ricerca può comportare azioni o operazioni (come il controllo tra i rami di un albero) che possono comportare profili di rischio; 

2) fare attenzione al livello di difficoltà scelto, evitando di avventurarsi in luoghi ostili o impervi se non adeguatamente preparati;

3) chiedere l’autorizzazione del proprietario laddove vogliate nascondere (o ricercare) una cache all’interno della proprietà privata altrui;

4) rilevare/calcolare accuratamente le coordinate per evitare di finire “fuori strada”;

5) e, soprattutto, rispettare sempre le regole stabilite dal gioco (non rubare, non spostare, non danneggiare) per evitare di compromettere lo spirito del gioco.

Se vi piace l’idea, i più importanti siti di riferimento sono www.geocaching.com (e la relativa App) e, a livello italiano, www.geocatchingitalia.it.

Siete curiosi? Beh, allora: buona caccia!

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

Sherwood Festival 2022
Sherwood Festival 2022 torna dopo due anni di stop!IL RICHIAMO DELLA FORESTA DI SHERWOOD È SEMPRE PIÙ VIVOUN MESE DI CONDIVISIONE TRA MUSICA, CULTURA E SPORTDAL 15 GIUGNO AL 16 LUGLIO nel Park Nord dello Stadio EuganeoTanti gli ospiti, tra italiani e...
Accesso abusivo a sistemi informatici e aziende
L'accesso abusivo a un sistema informatico è un reato e si verifica quando un soggetto entra o si mantiene all'interno di un sistema informatico protetto da misure di sicurezza contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo.Con l'espressione "s...
70+40+190= 300 storie POP – “Sbittarte: viento a’e piastre?”
Sbittarte: viento a’e piastre?Incontro e serata di pittura collettiva su maiolicaTeatrino Raccolta Costenaro  — Venerdì 10 giugno — ore 18.30Una pratica nata tra amici legati dall’arte che oggi, dopo oltre vent’anni, si riconosce nella forma della “p...
Sconfiggere cellulite e adiposità localizzate?
Dalla scienza scopri la tecnologia più efficace e sicura per modellare il tuo corpo naturalmente La Cellulite è uno degli inestetismi più diffusi e odiati, e colpisce indistintamente donne di tutte le età, a prescindere dal loro peso. L’accumulo ...
L'Italia da Scoprire – Emozioni dai colori pastello
Girovagando lungo la nostra Bella Italia, capita spesso d’imbattersi in piccole cittadine che sembrano delle tavolozze a cielo aperto: gioielli artistici dalle tinte vibranti su cui l’occhio non può fare a meno di soffermarsi. Questi paesaggi attiran...
IA quando un algoritmo sceglie per te
Negli articoli precedenti abbiamo visto come l’IA possa essere di enorme aiuto negli ambiti più svariati e quanto sia già integrata nella nostra quotidianità. Ora sembra necessario riflettere sulle conseguenze che questa “nuova tecnologia” sta portan...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment