EMAIL: L’anello debole della catena

Il termine email, traducibile con “posta elettronica”, ha tre distinti significati, collegati tra loro:

1) può indicare, in generale, il servizio di posta elettronica, sostanzialmente identificabile con caselle postali digitali ospitate nei server di aziende pubbliche o private e attivabili gratuitamente o a pagamento, in base alle caratteristiche che si desidera avere (es: “Il comune ha attivato il servizio di contatto via email”);

2) può indicare, nello specifico, la singola casella postale di una persona (es: “Mi potresti dare la tua email?”);

3) indica, infine, ogni singolo messaggio scambiato attraverso tale servizio (es: “Ho ricevuto la tua email”).

La bizzarra frase: “Ho ricevuto un’email dalla tua email”, pertanto, può correttamente indicare la ricezione di un messaggio di posta elettronica da una specifica casella di posta elettronica.

L’email riveste importanza fondamentale nell’era digitale per cinque motivi:

a) è spesso usata come username in fase di attivazione e accesso a moltissimi servizi, account e prodotti usufruibili attraverso la rete internet;

b) è utilizzata come canale preferenziale per aggiornare, modificare o recuperare le password degli account associati a quell’email (in questo contesto, è lo strumento più utilizzato per rubare gli account attraverso una procedura di cambio password);

c) viene generalmente utilizzata per identificare un utente in più servizi collegati tra loro;

d) è il canale preferenziale di comunicazione a livello lavorativo e, al contempo, lo strumento più utilizzato per gli attacchi informatici (come phishing e ransomware);

e) è, spesso, l’ “aggancio” utilizzato da alcuni servizi in cloud per permettere il totale recupero di tutti i dati associati (ad esempio in caso di cambio di telefono cellulare).

Per l’importanza che riveste, e per evitare che diventi l’anello debole della catena della sicurezza dei nostri dati, è altamente consigliato proteggere in modo forte la possibilità di accesso alla propria email (intesa come casella di posta elettronica). 

Per farlo, suggerisco di utilizzare alcuni modi: 

impostare una password “forte”, ovvero non riconducibile a informazioni personali dell’utente, e preferibilmente lunga e con presenza di caratteri speciali e numeri; 

evitare di utilizzare la stessa password in altri servizi;

aggiornare la password con regolarità (almeno una volta l’anno);

evitare, soprattutto, di condividere la possibilità di accesso a tale casella con altre persone, per quanto affidabili esse siano o sembrino essere.

Da tener presente che, per comodità, tendenzialmente i dispositivi che utilizziamo memorizzano la password di accesso alla nostra casella email per evitarci di doverla ridigitare ogni volta. 

Ciò comporta che l’unica protezione della nostra email nei nostri dispositivi diventa la password di accesso ai dispositivi stessi, unico baluardo di sicurezza in caso di furto o smarrimento degli stessi. 

Abbiate cura di proteggere adeguatamente, pertanto, non solo la vostra casella di posta elettronica, ma anche tutti i dispositivi che utilizzate per accedervi.

Ricordate: la catena della sicurezza è forte quanto il suo anello più debole. E la nostra email, nell’informatica, è quasi sempre l’anello più debole della nostra sicurezza.

Chi è Aldo Benato

Aldo Benato è un avvocato specializzato nella gestione e tutela dei dati personali e aziendali e in materia di criminalità informatica.

Avvocato presso il Foro di Treviso e Data Protection Officer certificato ai sensi della norma UNI 11697, si occupa da anni di diritto e informatica e ha maturato una consolidata esperienza in materia di privacy & data protection, criminalità informatica e diritto della Rete. Parallelamente, matura una forte esperienza nel settore della formazione per scuole, aziende, professionisti e Forze dell’Ordine

Recentemente ha scritto il libro “Dizionario del Web – La guida per capire” (www.dizionariodelweb.it), uno strumento pensato per aiutare a sfruttare il web e la tecnologia con maggiore consapevolezza.

www.benato.it

Per approfondire un tema o contattare l’Avvocato Aldo Benato puoi scrivere un’ e-mail a: aldo@benato.it

Articoli simili:

Sherwood Festival 2022
Sherwood Festival 2022 torna dopo due anni di stop!IL RICHIAMO DELLA FORESTA DI SHERWOOD È SEMPRE PIÙ VIVOUN MESE DI CONDIVISIONE TRA MUSICA, CULTURA E SPORTDAL 15 GIUGNO AL 16 LUGLIO nel Park Nord dello Stadio EuganeoTanti gli ospiti, tra italiani e...
Accesso abusivo a sistemi informatici e aziende
L'accesso abusivo a un sistema informatico è un reato e si verifica quando un soggetto entra o si mantiene all'interno di un sistema informatico protetto da misure di sicurezza contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo.Con l'espressione "s...
70+40+190= 300 storie POP – “Sbittarte: viento a’e piastre?”
Sbittarte: viento a’e piastre?Incontro e serata di pittura collettiva su maiolicaTeatrino Raccolta Costenaro  — Venerdì 10 giugno — ore 18.30Una pratica nata tra amici legati dall’arte che oggi, dopo oltre vent’anni, si riconosce nella forma della “p...
Sconfiggere cellulite e adiposità localizzate?
Dalla scienza scopri la tecnologia più efficace e sicura per modellare il tuo corpo naturalmente La Cellulite è uno degli inestetismi più diffusi e odiati, e colpisce indistintamente donne di tutte le età, a prescindere dal loro peso. L’accumulo ...
L'Italia da Scoprire – Emozioni dai colori pastello
Girovagando lungo la nostra Bella Italia, capita spesso d’imbattersi in piccole cittadine che sembrano delle tavolozze a cielo aperto: gioielli artistici dalle tinte vibranti su cui l’occhio non può fare a meno di soffermarsi. Questi paesaggi attiran...
IA quando un algoritmo sceglie per te
Negli articoli precedenti abbiamo visto come l’IA possa essere di enorme aiuto negli ambiti più svariati e quanto sia già integrata nella nostra quotidianità. Ora sembra necessario riflettere sulle conseguenze che questa “nuova tecnologia” sta portan...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment