IA quando un algoritmo sceglie per te

Negli articoli precedenti abbiamo visto come l’IA possa essere di enorme aiuto negli ambiti più svariati e quanto sia già integrata nella nostra quotidianità. Ora sembra necessario riflettere sulle conseguenze che questa “nuova tecnologia” sta portando e porterà nella società e nella vita di ognuno di noi.

Prima di proseguire è necessario aprire una parentesi sugli sviluppi che stanno avendo le biotecnologie e le neuroscienze, che stanno portando sempre più una comprensione profonda e dettagliata del nostro funzionamento, dai processi biochimici che regolano le nostre emozioni, alle condizioni che influenzano i nostri processi decisionali.

E’ fondamentale comprendere il collegamento tra questi due ambiti e l’IA, in quanto delle intelligenze artificiali addestrate a conoscerci nel profondo sarebbero in grado (e in parte lo sono già) di monitorare e influenzare sia la nostra salute, che il nostro stato d’animo, che le nostre decisioni negli ambiti più svariati: dalla scelta di una canzone alla persona con cui spenderemo il resto della nostra vita.

L’IA, come già visto, eccelle nello svolgere rapidamente dei compiti complessi e laboriosi e in questo è molto più affidabile di un essere umano. E’ chiaro quindi che sempre più lavori verranno affidati a queste macchine, invece che ad una persona. 

Basti pensare a come professioni considerate tipicamente “umane”, come quella del medico o dell’insegnante, verranno facilmente soppiantate nel momento in cui un algoritmo sarà in grado di fare diagnosi più accurate di un medico o di spiegare un argomento ad un alunno nel modo più consono al suo metodo di apprendimento.

Difficilmente però si lascerà carta bianca a questi algoritmi, ed è qui che subentreranno le nuove categorie di professioni, ovvero quelle di “assistenti” o “supervisori” di un’IA.

Ma quali sono le caratteristiche di queste professioni? Le più importanti di sicuro saranno le competenze umane, ovvero tutta quella serie di caratteristiche che ci distinguono da una macchina. Quindi empatia, intuito, problem solving, spirito di squadra, flessibilità…

A queste si aggiungeranno sempre delle conoscenze riguardo all’ambito in cui si opera, ma molto meno specifiche e più adatte alla supervisione.

Secondo Yuval N. Harari (storico e filosofo contemporaneo) ci stiamo dirigendo verso un’epoca in cui la flessibilità, l’adattabilità e la capacità di reinventarsi da zero saranno molto più importanti di quanto non lo siano ora, poiché l’avvento dell’IA non sarà una rivoluzione istantanea, con qualche anno di assestamento societario, ma piuttosto sarà un susseguirsi di piccole rivoluzioni, ognuna delle quali cambierà il mondo, in primis quello lavorativo. Inoltre, come detto prima, sarà indispensabile valorizzare l’aspetto umano del proprio curriculum, in quanto sarà quello a fare la differenza.

Per concludere torniamo un momento all’aspetto più giornaliero e personale dell’IA e allontaniamoci da quello lavorativo. Viviamo già in un mondo in cui una catena di supermercati è in grado di capire se una persona è incinta prima ancora che lo sappia la famiglia, in cui algoritmi possono capire che video vogliamo vedere e cosa vogliamo comprare prima di noi, in cui un’IA può conoscere il tuo orientamento sessuale prima di te.

E questo trend non accenna a rallentare, visto che i dati personali che siamo in grado di rilevare ed interpretare sono sempre maggiori.

Quindi la domanda è: quale limite vogliamo imporre ad una macchina riguardo la conoscenza di noi stessi?

Copia di Icona prospettive lavorative

Competenze per la vita ed il lavoro – in una fase di profonda trasformazione, come quella che stiamo vivendo, quali sono le competenze che ci consentiranno di continuare ad essere cittadini del mondo, o meglio, cittadini di tutti i mondi?

A cura di: Giacomo Fontana, formatore e Cofounder di Fiber

T: 333 8167484

Sito: www.fiberspace.io

Instagram: @Fiber_lab

Facebook: @fiberspace.io

Articoli simili:

Sherwood Festival 2022
Sherwood Festival 2022 torna dopo due anni di stop!IL RICHIAMO DELLA FORESTA DI SHERWOOD È SEMPRE PIÙ VIVOUN MESE DI CONDIVISIONE TRA MUSICA, CULTURA E SPORTDAL 15 GIUGNO AL 16 LUGLIO nel Park Nord dello Stadio EuganeoTanti gli ospiti, tra italiani e...
Accesso abusivo a sistemi informatici e aziende
L'accesso abusivo a un sistema informatico è un reato e si verifica quando un soggetto entra o si mantiene all'interno di un sistema informatico protetto da misure di sicurezza contro la volontà di chi ha il diritto di escluderlo.Con l'espressione "s...
Radio Voice
Ve lo ricordate Veneto Channel, la pagina facebook nata in piena pandemia per tener compagnia a tutti noi reclusi in casa? Quel progetto ora ha dato il vita a Radio Voice.Radio Voice è una radio web nata da un’idea di Nicola Battocchio (el Bat) che, ...
70+40+190= 300 storie POP – “Sbittarte: viento a’e piastre?”
Sbittarte: viento a’e piastre?Incontro e serata di pittura collettiva su maiolicaTeatrino Raccolta Costenaro  — Venerdì 10 giugno — ore 18.30Una pratica nata tra amici legati dall’arte che oggi, dopo oltre vent’anni, si riconosce nella forma della “p...
Sconfiggere cellulite e adiposità localizzate?
Dalla scienza scopri la tecnologia più efficace e sicura per modellare il tuo corpo naturalmente La Cellulite è uno degli inestetismi più diffusi e odiati, e colpisce indistintamente donne di tutte le età, a prescindere dal loro peso. L’accumulo ...
L'Italia da Scoprire – Emozioni dai colori pastello
Girovagando lungo la nostra Bella Italia, capita spesso d’imbattersi in piccole cittadine che sembrano delle tavolozze a cielo aperto: gioielli artistici dalle tinte vibranti su cui l’occhio non può fare a meno di soffermarsi. Questi paesaggi attiran...
Condividi l'articolo:
Occhi Magazine
[email protected]

Occhi è la rivista storica del territorio di Bassano del Grappa, con oltre 25 anni di distribuzione nel bassanese, vicentino, alta padovana e trevigiano. Occhi è un giornale di contenuti, curato, elegante, mai banale, pieno di approfondimenti e contenuti esclusivi.

No Comments

Post A Comment