Calle Malipiero, Venezia, VE, Italia

Double Take

CULTURA
Dal 18 giugno al 16 luglio 2024
In giornata
Double Take

Double Take

Preview 15 aprile 2024, ore 11.30 – 20.30 

Opening reception: 15 aprile 2024, ore 17.30

A plus A Gallery, San Marco 3073 Venezia 30124 

a cura di School for Curatorial Studies Venice 

Dal 16 aprile al 15 luglio 2024

Ingresso gratuito 


Artisti: Paolo Cirio, Jesse Darling, Simon Denny, Kasia Fudakowski, Enej Gala, Monilola Olayemi Ilupeju, Eva & Franco Mattes, Ahmet Öğüt, Barbara Prenka. 


In concomitanza con la preview della 60. Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, A plus A Gallery ha il piacere di annunciare l’apertura della mostra Double Take a cura degli studenti di School for Curatorial Studies Venice, che nel 2024 festeggia i vent’anni di attività. 


Nello slang inglese, con il termine Double Take ci si riferisce all’azione di guardare una seconda volta ciò che a un primo sguardo era sfuggito, così da poter notare qualcosa di insolito, che altrimenti sarebbe passato inosservato. Double Take è un invito a riguardare, a prestare maggiore attenzione ai contenuti che si celano dietro alle opere, a coglierne i significati più impliciti. È un’indicazione a vedere oltre l’immediatezza del mero contenuto visivo, ad assumere una postura critica, a muoversi lungo i confini di una realtà sempre più iperconnessa e dematerializzata. 


La soglia di attenzione media si è abbassata. Deep-scrolling, bombing pubblicitario e propaganda subliminale online stanno progressivamente modificando tempi e modalità di consumo dei contenuti, che vengono ingeriti senza assimilazione. Nella cosiddetta epoca dell’iper-informazione, la sovraesposizione informativa sta generando un fenomeno di distrazione di massa. 


È ciò che Shoshana Zuboff definisce come ‘capitalismo della sorveglianza’, riferendosi alla matrice di controllo della diffusione incontrollata di informazioni, nuova forma di capitale sfruttabile.

Nel panottico digitale del nuovo millennio, fondato non tanto su limitazioni esplicite quanto sull’automonitoraggio dell’individuo in rete, si va intessendo una rete di controllo sempre più fitta, di cui anche l’arte subisce le ripercussioni: assoggettata all’imperativo del ‘politically correct’, la produzione artistica subisce una perdita di contenuti. Gli artisti si autocensurano o cercano nuove modalità e forme di espressione artistica. 


A partire da queste riflessioni, la galleria si converte in un ufficio di sorveglianza ipotetico, in cui le opere sfidano il limite di ciò che è consentito dire, muovendosi tra l’ambiguità e la doppiezza, nel tentativo di aggirare immaginari dispositivi di controllo. In mostra, opere che tramite codici e rimandi visivi riflettono sull’impossibilità di una comunicazione esplicita e rendono necessario un secondo sguardo per essere comprese, ossia richiamano a un double take. Tramite un’operazione di contravvenzione immaginata, si intende così rivendicare l’indipendenza del linguaggio visivo e indicare nell’arte una possibile forma di resistenza, una postura contraria al conformismo odierno. 




Biglietti a partire da 0€

Ti piacciono i nostri eventi? Iscriviti alle nostre migliori uscite.

Inserisci un'email valida

Siamo in continua evoluzione con il nostro Occhi Eventi; se hai domande o suggerimenti, non esitare a contattarci!

Seguici su Facebook, Linkedin, Instagram e Twitter.

Condividi:

Eventi simili

CULTURA

UNGARETTI POETA E SOLDATO

Dal 26 ottobre al 4 maggio 2025
UNGARETTI POETA E SOLDATO
CULTURA

EGITTO. Viaggio verso l’immortalità

Dal 23 ottobre al 6 aprile 2025
EGITTO. Viaggio verso l’immortalità
CULTURA

Il Caffè del Giovedì

05 settembre 2024
Il Caffè del Giovedì